immagine disegnata da Hugo Pratt
Ranger: Appunti di Storia del Fumetto dalle Origini a Oggi.
Disney, Marvel, DC, Bonelli e i grandi autori e personaggi indipendenti nell’Arte Grafica Sequenziale.

Ultimo appuntamento con gli articoli brevi di Dario Janese, dopo 10 mesi molto intensi, e con la prima parte della seconda stagione di Lone Ranger!

Per chiudere in bellezza questi articoli di taglio storico, per lo più sull’Universo Marvel, ho scelto un trittico di testi che formano un’unico quadro di lettura: le WEIRD TALES; cioè una serie interna dedicata alle bizzarrìe e alle stravaganze offerte da storie di fumetti, celebrate o anche meno, ma per qualche motivo fuori da ogni convenzione.

Dario ed io ci prendiamo una settimana di riposo, torniamo il 18 ottobre con una sequenza di approfondimenti che saranno sicuramente di vostro gradimento.
Un indizio…: <<“Io sono ineluttabile“>>.

Leggete i nostri articoli: l’ultimo trimestre del 2021 ed il 2022 saranno scoppiettanti!

Mario Benenati, curatore di Fumettomania Web Magazine


Lone Ranger: Seconda stagione

WEIRD TALES ovvero
LE STRANE VIE DEL FUMETTO

di Dario Janese

(post originari del 09, dell’11 e del 17 gennaio 2015 dalla pagina social Lone Ranger)

Si apre qui WEIRD TALES, una serie interna dedicata alle bizzarrìe e alle stravaganze offerte da storie di fumetti, celebrate o anche meno, ma per qualche motivo fuori da ogni convenzione.

Alpha_Flight_Vol_1_6_Cover

Un ottimo modo per cominciare è il caso di ALPHA FLIGHT #6 del 1983. Quando tutti gli editor Marvel si spostarono a San Diego per la più importante convention d’America e le serie vennero lasciate da gestire ai loro assistenti, il canadese John Byrne decise di sfidare ogni canone, e realizzò 5 pagine di storia interamente bianche, illustrando coi soli suoni e didascalie una scena di lotta in una tormenta di neve. Attirandosi, ironicamente, una valanga di critiche dai lettori indispettiti.

AlphaFlight #6 - nov. 198-jan.1984

Qualche anno dopo, nella serie sperimentale SENSATIONAL SHE-HULK, lo stesso Byrne citò se stesso costringendo la sua eroina a…scavare attraverso le pagine del fumetto, facendola riemergere dopo 4 tavole completamente bianche, strappando visualmente la carta e rimproverando direttamente l’autore per aver riciclato lo stesso espediente di AF 6!!!

she hulk di john byrne

Una stranezza molto più discreta ma del tutto involontaria è invece quella che caratterizza l’albo GIANT SIZE SPIDERMAN #1 del 1974, lanciato come un evento inaugurale di una nuova serie di team-up di Spiderman con personaggi esterni alla continuity Marvel (gli sarebbero seguiti incontri con Shang-Chi, Dr. Savage e il Punitore di allora, ancora estraneo alle storie regolari perché considerato troppo violento).

GIANT SIZE SPIDERMAN #1 del 1974 Cover

In copertina campeggiava la sinistra figura del Conte Dracula: il che provocò vendite notevoli per questo maxi-albo…se non che, il Signore dei Vampiri e il Tessiragnatele, a bordo di una nave alla ricerca di un dottore in possesso di un certo vaccino per motivi opposti – Spidey ne vuole una dose per Zia May, Dracula vuole distruggerlo – si girano intorno per 30 pagine senza incontrarsi! Solo in 3 riquadri un Peter Parker frettoloso urta un’alta e tetra figura, che lo apostrofa e poi accetta le sue scuse.
Fine dello scontro.

La redazione aveva preferito non mescolare veramente due icone così diverse, per cui il tutto si ridusse a una goffa operazione promozionale con esiti che sfiorano l’umorismo involontario (come quando una ragazza viene salvata dal vampiro dal pronto intervento di…una macchina fotografica!).

Ancora un altro tipo di bizzarria ha luogo nel festival di stravaganza ordito dal celebre autore Disney Don Rosa nella storia A GRAVITY MATTER: in cui un’estrosa strega Amelia getta su Paperino e Zio Paperone un’incantesimo che ne sposta di lato la gravità locale, in modo da impedire loro di inseguirla mentre fugge con l’agognata Numero Uno.

L’intera vicenda è un capolavoro grafico di ribaltamento prospettico, perchè i due paperi agiscono in un contesto in cui gli oggetti non sono attratti verso l’alto ma di fianco, e uscire per strada vorrebbe dire essere trascinati in una perpetua caduta che apparirebbe come uno slittamento laterale. A complicare ancora le cose, ad un certo punto lo spostamento viene raddoppiato, sicché la gravità viene invertita del tuto e i personaggi iniziano ad essere attratti verso l’alto!

Al felice epilogo della vicenda, il povero lettore chiude l’albo frastornato quanto i paperi…

Okay, fine della prima parte.
Ogni vostra segnalazione per il prosieguo sarà la benvenuta.

“ALL HAIL THE KING” : SPECIALE KIRBY

Tra le stranezze della storia del fumetto, PHANTOM FORCE ha sicuramente un posto del tutto speciale.
L’ultimo progetto del “Re” Jack Kirby nasce per Image Comics, dove Jim Lee e soci gli stendono il tappeto rosso: non solo, ma al servizio del Re – i cui tempi di lavoro risentono del suo stato precario di salute – si mettono come inchiostratori TUTTI i 5 fondatori della Casa, vale a dire il dream-team di Lee, Silvestri, McFarlane, Larsen e Liefeld, affiancati da Jerry Ordway, Scott Williams e Danny Miki.

Otto inkers per una storia di 23 pagine, la cui seconda metà è un impianto da una proposta dei tardi ’70 per una serie di arti marziali su Bruce Lee. Un record in sé, specie considerato che l’operazione ha luogo in tempi strettissimi dopo la rinuncia alla pubblicazione in proprio da parte delle edizioni personali di Jack, le Genesis West.

Il successo è notevole, e 250.000 copie vendute fanno ben sperare per il prosieguo della serie. Ma il Re non ci sarà per vederla: le sue ultime tavole a matita, alcune splash page, vengono inserite in un numero zero che la Genesis pubblica frettolosamente a inizio 1994 con una “framing sequence” del co-autore e amico di Kirby Mike Thibodeau, con una copertina firmata da Jim Lee che passa negli annali come uno dei peggiori pastrocchi del secolo.

L’effetto di massima della lettura dell’albo è straniante, i disegni che fanno da collante dilettanteschi al confronto delle poche, sempre fascinose tavole del Re. Le sue ultime. Subito dopo la chiusa della storia, una pagina commemorativa attesta il fatto che Jack è stato più veloce della tipografia, ed è uscito di scena qualche settimana prima dell’arrivo di PF Zero in edicola, il primo Marzo, a tutti gli effetti come ultimo lavoro di Kirby.

Un secondo numero di PF uscirà in Aprile grazie a Image, ma del Re non conterrà che degli sketch coperti dalle chine di numerosi artisti tra cui di nuovo Larsen e Ordway, e Al Gordon, Art Thibert e il grande Keith Giffen: ma la cosa passerà quasi inosservata. “The King is gone but he’s not forgotten” (Neil Young).

Il modo migliore per contraddire l’aria cerimoniale che rischia di spirare è ripescare uno dei più spassosi esercizi di autoironia della storia del mainstream: la dissacrazione sadomaso che Lee e Kirby introdussero nel Marvel Universe con il varo della folle testata di parodie a fumetti NOT BRAND ECCH a fine 1967 (l’edizione italiana sta per essere pubblicata in volume, dopo 54 anni, proprio in questo 2021 dalla Panini comics, NdR).

Nel quale gli eroi Marvel e DC venivano strapazzati e derisi in una spietata destrutturazione dei cliché dagli stessi autori introdotti (“non ho mai visto Reed così teso, così determinato…. così NON RASATO!!!”), e rapidamente divenuti maniera, con un tratto goffo e grottesco che da Kirby non ci si sarebbe mai aspettati. Le origini dei Fantasticosi 4, nel n.7, è un piccolo capolavoro di auto-immolazione.

In Italia la Corno infilerà con qualche imbarazzo alcune di queste storie come riempitivo al fondo di albi celebrativi come i numeri 100, dedicando loro alcune delle peggiori traduzioni nella storia della Galassia.

2 – Continua

“BENVENUTI NEL MONDO REALE”

Gennaio 1963.

Stan Lee, nel suo entusiasmo creativo, un pò per scherzo e un pò per narcisismo autoriale, sposta di colpo di livello la logica interna del fumetto inserendo se stesso e Jack Kirby sulla copertina di FANTASTIC FOUR #10, contemplandone la scena portante, e soprattutto… dentro la storia stessa.

L’azione si apre negli uffici della Marvel, dove l’atmosfera frustrata di una riunione tra Stan e Jack per cercare inutilmente un villain di rimpiazzo al Dr. Destino (da poco disperso nello spazio), viene interrotta da destino stesso, che tornato in scena costringe gli autori a convocare per telefono un ignaro Reed Richards, del cui gruppo pubblicano le storie, per farlo cadere in un agguato.

E voilà, il metalinguismo è servito. Il cerchio di carta è ritorto e diventa un nastro di Moebius, un cortocircuito ininterrotto tra finzione e realtà. Nel numero successivo, il Quartetto viene mostrato girare per le vie di Manhattan in una storiella in cui non succede null’altro che l’interazione quotidiana tra i newyorkesi e la Prima Famiglia!

La Marvel, consapevole del potenziale entropico di questa nozione (che in casa DC Comics genererà un giorno la nozione di Terra-Prima, cioè la “nostra” dimensione in cui gli eroi sono solo personaggi di storie a fumetti, per l’esattezza in FLASH #171 del 1968), la userà sempre con parsimonia e molta cautela.

Come nella celeberrima chiusa dell’Annual 3 di FANTASTIC FOUR, quando Lee e Kirby vengono lasciati fuori dal matrimonio di Sue e Reed dal servizio di sicurezza agli ordini di Nick Fury in persona….

uno stranito Steve Englehart, nell'ultima vignetta dell'albo FANTASTIC FOUR #333.

Ma ogni tanto singoli scrittori ne faranno uno strumento per frecciate e polemiche interne: come in FANTASTIC FOUR #333, dove uno stranito Steve Englehart, costretto dalla Direzione a riportare Sue e Reed nel Gruppo nel tentativo di aiutare le vendite della serie in crisi, non solo prese le distanze da uno dei cicli più pasticciati e imbarazzanti di sempre rifiutando di firmarlo col suo nome (usò lo pseudonimo “Charles Harness“), ma nell’ultima scena – nonché a chiusura della sua gestione – mise in scena se stesso dichiarando: “Credo che ci vorrà qualcuno migliore di me per sbrogliare questo casino.”
Finzione-realtà: 1-0.

Palla al centro: al punto di battuta, l’Uomo Ragno…..

46- FINE

Appuntamento al 18 ottobre

BREVE BIOGRAFIA

Dario Janese, torinese, 1964, sociologo e storico americanista, dall’infanzia cultore del Fantastico in tutte le sue forme espressive. Scrittore, saggista e curatore di laboratori letterari e di informazione civile, ha tenuto cicli di divulgazione dell’opera di Lovecraft, Ballard e Pasolini e di lettura storica delle Scritture. Da vari anni conduce un blog (Lone Ranger) di storia critica del fumetto e vari gruppi Facebook sulle espressioni del Fantastico nella cultura popolare.


NOTE EXTRA

Precisazione:

TUTTI gli articoli sono estratti dalla pagina FB chiamata Lone Ranger (Appunti di Storia del Fumetto dalle Origini a Oggi. Disney, Marvel, DC, Bonelli e i grandi autori e personaggi indipendenti nell’Arte Grafica Sequenziale), e vengono ri-pubblicati, a distanza di oltre sei-cinque anni, nel nostro web magazine con alcune piccole modifiche, impaginati diversamente, e completati con l’aggiunta di immagini.

Seconda stagione , gli approfondimenti con articoli brevi:

45° articolo del 27-09-21
https://www.fumettomaniafactory.net/splendore-e-miseria-di-alan-ford/

43° e 44° articolo del 20-09-21
https://www.fumettomaniafactory.net/la-nascita-delle-rogues-gallery/

doppio articolo del 13-09-21
https://www.fumettomaniafactory.net/disney-la-questione-razziale-e-le-prime-apparizioni-di-famosi-personaggi/

articolo del 06-09-21
https://www.fumettomaniafactory.net/la-prima-vendicatrice-ovvero-larte-dimenticata-della-golden-age/

articolo del 30-08-21
https://www.fumettomaniafactory.net/i-pet-shop-boys-alla-casa-delle-idee/

articolo del 23-08-21
https://www.fumettomaniafactory.net/il-fumetto-e-per-sempre/

doppio articolo del 16-08-21
https://www.fumettomaniafactory.net/alan-moore-otto-binder-due-articoli-da-leggere-sotto-lombrellone/

articolo del 02-08-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/solar-eroe-dellera-dellatomo/

articolo del 02-08-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/il-piu-famoso-gruppo-che-non-e-mai-esistito-i-dinamici-difensori/

articolo del 26-07-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/gerber-kirby-e-la-banda-degli-onesti/

doppio articolo del 19-07-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/x-e-le-avventure-del-multiverso-marvel/

doppio articolo del 12-07-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/il-lato-oscuro-dellamerica-ovvero-lepopea-del-ghost-rider/

doppio articolo del 05-07-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/la-vita-e-le-rinascite-di-matt-murdock-e-angolo-dellimbarazzo/

articolo del 21-06-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/per-asgard-la-nascita-di-un-dio/

articolo del 14-06-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/doctor-strange-e-the-pink-floyd-comic-experience/

articolo del 07-06-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/x-men-days-of-future-past/

Articolo del 31-05-21
https://www.fumettomaniafactory.net/censura-scene-di-editing-estremo-in-marvel-1954-1974/

Articolo del 24-05-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/la-gaia-coscienza/

Articolo del 17-05-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/mutanti-sullorlo-di-una-crisi-di-realta/

Articolo del 10-05-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/cronologia-delluniverso-marvel-parte-1/

Articolo del 03-05-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/marvel-strange-days-leta-delle-enhanced-covers/

Articolo del 26-04-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/lee-kirby-le-tre-verita/

Articolo del 19-04-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/old-man-logan/

Articolo del 12-04-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/ah-e-poi-mi-servira-un-fratello-laltro-che-creo-luniverso-marvel/

Articolo del 05-04-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/dottor-strangedoom/

Articolo del 29-03-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/la-seconda-ondata-marvel/

Articolo del 22-03-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/le-grandi-liti-marvel/

Articolo del 15-03-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/deja-vu-dove-ho-gia-visto-questa-storia/

Articolo del 08-03-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/i-personaggi-in-cerca-dautore/

Articolo del 01-03-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/alan-class-uno-spettro-si-aggira-per-leuropa/

Articolo del 22-02-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/la-storia-piu-famosa-della-marvel/

Articolo del 15-02-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/elementare-watson-ovvero-la-prevalenza-della-rossa/

Articolo del 08-02-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/ritorno-al-futuro-ovvero-peter-parker-nel-1954/

Articolo del 01-02-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/spiderman-daredevil-strani-incroci-esordi-e-intrighi/

Articolo del 25-01-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/le-copertine-e-le-storie-fantasma-delledizioni-italiane-della-marvel/

Articolo del 19-01-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/gli-episodi-piu-imbarazzanti-della-carriera-delluomo-ragno-e-della-marvel/

Articolo del 12-01-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/le-origini-fantasma-nelluniverso-marvel/

Articolo del 5-01-2021
https://www.fumettomaniafactory.net/e-se-loki-fosse-stato-leroe-al-posto-di-thor/

Articolo del 28-12-2020
https://www.fumettomaniafactory.net/hank-pym-eroe-per-caso-ovvero-il-metodo-marvel-1-0/

La prima stagione di Lone Ranger (articoli di approfondimenti scritti da Dario)
la potete approfondire in questa pagina del web magazine:

https://www.fumettomaniafactory.net/appunti-di-critica-fumettistica/lone-ranger-un-blog-di-storia-critica-del-fumetto/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.