Fumettomania FactoryAPS, realtà culturale di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina, Italia), attiva a 360°, sul territorio locale, nazionale e sul web, in occasione dei festeggiamenti dei 60 anni della serie televisiva Doctor Who (che ricorreranno il prossimo 23 novembre 2023) lancia il progetto n. 4 di quest’anno: un tributo speciale dedicato proprio al ‘Dottore‘.

Sarà Fabio Ciaramaglia ad introdurci il personaggio di questo nuovo speciale, lui che ha già realizzato un ricco approfondimento su Dragon Age (nel 2022), e che quest’anno sta portando avanti Lara Croft, the Tomb Raider, dai videogiochi ad altri media (fumetti, cartoni, film), un approfondimento molto interessante.

Mentre il sottoscritto vi informerà, alla fine dell’articolo, sulle specifiche tecniche per partecipare a questo progetto, che avrà come vetrina principale questo sito.
Se riusciremmo a far arrivare delle opere originali disegnate su carta o digitali ad alta risoluzione, realizzeremo una mostra anche piccola, nel 2024 nella nostra città.
Siete avvisati!

Appuntamento alla prossima settimana con l’introduzione dell’esperto John Freeman, già editor della rivista inglese Doctor Who Magazine.

Questo articolo ed il prossimo saranno bilingue, in inglese ed in italiano a beneficio degli amici stranieri che ci leggono.

Mario Benenati, Fumettomania Factory Magazine


FUMETTOMANIA CELEBRATES “DOCTOR WHO 60 YEARS

The 60 years of Doctor Who.

di Fabio Ciaramaglia

During 2023 Doctor Who, one of the longest TV series and according to some really THE oldest, is celebrating its sixty years. Actually, during its long story which started on the 23rd November 1963, in the same days of the infamous murder of John Fitzgerald Kennedy, the series has had several breaks.

Parte di un mio set Lego con il TARDIS, due Dalek e un Weeping Angel
Parte di un mio set Lego con il TARDIS, due Dalek e un Weeping Angel

These breaks have been even quite long (such as that from 1989 to 1996 and from 1996 to 2005), but the narrative continuity has kept consistent also using other media (comics, animated cartoons, magazines, audiobooks and novels). I would like writing about this very much, however I do not believe I am sufficiently knowing on the matter because I am just a recent fan, since I began having an interest to the series only in the days of actor David Tennant as the Doctor (as his tenth and fourteenth versions).

Let us step back a little, because we are giving for granted too many things. The main character of the series does not have a proper name, people call him “The Doctor”. He comes from the planet Gallifrey where the Time Lords live (or used to live). Thanks to his T.A.R.D.I.S. (Time and Relative Dimension in Space) he is able to time travel and, thanks to his innate regeneration power, he is able also to reincarnate into a being with new look and personality.

During his journeys in the time and space, sometimes he meets and faces several different civilizations and normally he is with some companions who assist him with his adventures and with whom he binds in very close friendship. It is clear how much only these features are highly pragmatic narrative tools to create science fiction stories, but also historically and culturally accurate ones. There is virtually no limit to the type of setting that can be used in this series.

For this reason it is somehow weird that most stories are set in London. Maybe from this we can deal with another facet of Doctor Who. This is a quintessentially English series, as a matter of fact it has always been produced by BBC, that is the public national broadcaster.

The series has been designed, at least up to a moment, mainly to address an English audience and it is as vital in English popular culture as the Beatles, the Clarks, fish&chips, Premier League, two-decker buses and the Royal House (despite all its recent troubles, including the mourning for Queen Elizabeth II, who, it is claimed, was a loyal fan of the series).

Doctor Who‘s “Christmas Specials” are almost as institutional as the Royals’ end of the year speeches.

Despite a good passion of Italians for the British fashions, especially in terms of youth and popular culture, we cannot claim this series has always been successful in our country: just to be clear, Doctor Who is not as popular in Italy as similar franchises such as Star Trek.

We could investigate better on the matter, and it is likely that the visual impact of the first series, but also of some of the last before big investments, is felt too rough and low cost. Maybe there are subtler reasons, such as the typical British humour which sometimes the Italian audience simply does not get (and sometimes it is even mislead by the dubbing). Yes, we have also to stress the series is also hilarious, alternating anyway comedic moments to tragic ones, a bit like Shakespeare if we stretch it.

Then there are many other references to British culture, from the ordinary daily life to high brow quotations, which can make the series a bit difficult for a type of audience who does not have a clue about it, who has not studied it or lived for a while there. This makes me think about Marmite, the spread cream based on yeast, which nearly any English person has at home and which is pretty unknown in Italy -and even for those who know it, they may have a hard time to actually like it.

The series itself, besides a few episodes from 1980 to 1981 broadcast on RAI, has been completely inexistent in Italian TV. It was a bit like Marmite, after all.

Surely, since 2011, year in which Rai4 began broadcasting the newer series in Italy (after that cable broadcaster Jimmy had showed the first three seasons from 2005 to 2008, then starting in 2023 the series is on Disney+), the Italian audience has felt a particular love for Doctor Who, and this is proven in the several comics exhibitions where more and more often there areas dedicated to this character and several versions of cosplaying.

We hope that Fumettomania can, with our special, involve even more audience for this fantastic series.

Biography

FABIO CIARAMAGLIA

With an M.A. degree in English Literature, with a dissertation on Shakespeare and comics (2000) and a Ph.D. with a dissertation on Shakespeare and Italian TV (2004), I have always tried to deal with the complex relationship between literature and other media.

I have written for comics magazines, such as Fumo di China and Fumettomania (in its previous printed version), but also translated into Italian a couple of American comics for the publisher Magic Press and some poems. Meanwhile I have begun teaching English language at High School, at first in Rome and then, after 2015, in Trieste.

I have never lost the nerdy attitude even as a teacher, but since 2006 videogames have attracted me more and in some of them, maybe for a personal inclination, I have found several elements which are worth of being analysed, though before this year I had never dared approaching more seriously.


FUMETTOMANIA CELEBRATES “DOCTOR WHO 60 YEARS

RULES TO PARTICIPATE

Each artist can send us a single illustration, or can create a short comic of a maximum length of 4 pages, with the theme “The Doctor Who and his television adventures” and “DOCTOR WHO 60 YEARS“.

All techniques are accepted: pencils, ink, watercolor, oil, acrylic, etc.
The format of your work must be A4 or A3.

Each participating artist within the dates indicated will be able to send an e-mail containing:
a) the illustration or comic story file in JPG format at 600 dpi
b) the dimensions of the work
c) the title of the work  and a caption e
d) the means or technique used in the work, to this email: info@fumettomaniafactory.net

Every writer (or journalist): can send a text, i.e. an article, a short essay, of at least 600 words (3600 characters, including spaces) on The Doctor and his television adventures” and the “Doctor Who 60 years”.

This Special of Fumettomania will end on March 30, 2024.

The useful dates for delivering the works  are:
First date: August 30, 2023
Second and last date: 30 November 2023

All the works, as they are delivered, will be published on this site.

If the adhesions will be numerous, as we hope, we will study the possibility of exhibiting the original works in an exhibition in our city that we will hold in November.

FINAL INFO

For any question, all artists are invited to write to Mario Benenati (Founder and cultural coordinator of the cultural association) to email: info@fumettomaniafactory.net

Address: Fumettomania Factory APS – C/O mario benenati
Vicolo Basilicò , 6
98051, Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) – italy


FUMETTOMANIA CELEBRATES “DOCTOR WHO 60 YEARS

I 60 anni di Doctor Who

di Fabio Ciaramaglia

Nel corso del 2023 Doctor Who, una delle serie televisive di maggior durata, secondo alcuni proprio la più antica, compirà sessant’anni.

In realtà nell’arco della sua storia a partire dal 23 novembre del 1963, negli infausti giorni dell’assassinio di John Fitzgerald Kennedy, la serie ha avuto varie interruzioni. Ci sono stati a volte pause anche importanti (come quello tra il 1989 e il 1996 e tra il 1996 stesso e il 2005) ma la continuity narrativa è rimasta coerente anche con l’uso di altri media (fumetti, cartoni animati, riviste, audiolibri, romanzi) nel pieno di una vera e propria “continuity” narrativa.

Mi piacerebbe scrivere molto in merito, ma non credo di essere sufficientemente competente perché non sono che un fan di recente data, visto che mi sono appassionato moltissimo alla serie solo con l’avvento di David Tennant nei panni del Dottore (come decima e quattordicesima incarnazione).

Ma facciamo un breve passo indietro, visto che sto dando troppe cose per scontate. Il protagonista della serie non ha un vero e proprio nome, si fa chiamare “Il Dottore”. Egli proviene dal pianeta Gallifrey dove vivono (vivevano) i Time Lords, i Signori del Tempo. Grazie al suo T.A.R.D.I.S. (Time and Relative Dimension in Space) egli è capace di viaggiare nel tempo e grazie al potere innato della rigenerazione è capace di, appunto, rigenerarsi con un nuovo aspetto e anche personalità.

Me stesso (Fabio Ciaramaglia) a fianco di una riproduzione del TARDIS a Bologna Comics&Games del 2020
Me stesso (Fabio Ciaramaglia) a fianco di una riproduzione del TARDIS a Bologna Comics&Games del 2020

Nei suoi viaggi nel tempo e nello spazio, incontra e a volte si scontra con diverse civiltà e normalmente è insieme a dei compagni che lo assistono nelle sue avventure e con cui instaura delle profonde amicizie. Si comprende facilmente quanto solo questi elementi siano degli strumenti altamente duttili per ottenere delle storie di impianto fantascientifico ma anche storico-culturale. Non c’è virtualmente un limite al tipo di ambientazione che si possa utilizzare in questa serie.

Quindi risulta quanto meno bizzarro che gran parte delle storie venga invece ambientata a Londra. E forse proprio da questo possiamo passare a un altro aspetto di Doctor Who. Questa è una serie quintessenzialmente inglese, tant’è che è da sempre stata prodotta dalla BBC, ovvero l’emittente pubblica nazionale.

La serie è stata concepita, almeno fino a una certa fase, prettamente per un pubblico inglese, fa parte della cultura popolare di quel Paese quanto i Beatles, le Clarks, il fish&chips, la Premier League, gli autobus a due piani e la Casa Reale (nonostante tutti i recenti problemi, incluso il lutto per Queen Elizabeth II, che, si narra, fosse appassionata spettatrice della serie).

Gli speciali di Natale di Doctor Who sono quasi istituzionali quanto i discorsi di fine anno proprio dei Reali.

Nonostante una certa passione del nostro di Paese per le influenze britanniche, specialmente nei termini di cultura giovanile e popolare, però, non possiamo dire che questa serie abbia sempre riscosso un enorme successo da noi: per intenderci, Doctor Who da noi non è noto quanto alcuni franchise simili come quello di Star Trek.

Si potrebbero fare molte analisi approfondite in merito ed è probabile che l’impatto visuale delle prime serie, ma anche delle ultime prima di ulteriori investimenti, fosse avvertito come troppo grezzo e low cost.

Ma forse ci sono anche elementi più sottili, come quello di uno humour tipicamente britannico che a volte il pubblico nostrano non comprende (e a volte penalizzato anche dalla visione in doppiaggio). Sì, perché non bisogna dimenticare che questa serie è comunque divertente, alternando momenti comici ad altri un po’ più drammatici, un po’ shakespearianamente se vogliamo.

E poi ci sono davvero molti riferimenti alla cultura britannica, da quella alta a quella legata alla vita di tutti i giorni, che possono rendere non completa la fruizione da parte di un pubblico che non abbia trascorso un po’ di tempo lì o non l’abbia studiata con attenzione e passione. Mi viene da pensare al Marmite, la crema spalmabile a base di lievito di birra, che quasi ogni inglese ha in casa e che da noi è quasi del tutto sconosciuta -e anche chi la conosca può avere difficoltà ad apprezzarne il gusto.

La serie stessa, a parte una manciata di episodi a cavallo tra il 1980 e il 1981 trasmessi dalla RAI, è stata completamente assente dai nostri palinsesti. Era un po’ Marmite, se vogliamo.

Sicuramente a partire dal 2011, anni in cui Rai4 ha iniziato a trasmettere le nuove serie in Italia (dopo che le prime tre stagioni furono trasmesse da Jimmy tra 2005 e 2008, dal 2023 invece la serie sarà su Disney+), il pubblico nostrano ha mostrato particolare affetto per Doctor Who e questo è palpabile anche nelle fiere del fumetto dove spesso di trovano delle sezioni a lui dedicate e svariate interpretazioni di cosplayer. E speriamo che noi di Fumettomania possiamo, con il nostro speciale, far interessare nuovo pubblico per questa fantastica serie.

Biografia dell’autore

FABIO CIARAMAGLIA

Con una laurea in letteratura inglese con una tesi su Shakespeare nei fumetti (2000) e con un dottorato con una tesi su Shakespeare nella televisione italiana (2004), ho sempre cercato di occuparmi della relazione tra letteratura e altri media.

Ho collaborato con varie riviste di fumetti, da Fumo di China a Fumettomania nella sua precedente incarnazione, ma ho anche tradotto due fumetti per la Magic Press e alcune poesie inglesi.

Ho poi iniziato a insegnare inglese nelle scuole superiori prima a Roma e poi, dal 2015, a Trieste.

Non ho perso l’animo nerd nemmeno da insegnante, ma a partire dal 2006 ho virato più sul versante dei videogiochi, in alcuni dei quali, forse per deformazione professionale, ho riscontrato elementi degni di analisi che però prima di ora non avevo avuto il coraggio di affrontare con maggiore serietà.


FUMETTOMANIA CELEBRATES “DOCTOR WHO 60 YEARS

REGOLE PER PARTECIPARE

Ogni artista potrà inviarci una singola illustrazione, oppure potrà realizzare un breve fumetto di lunghezza massima di 4 pagine, che abbiano come tema “Il Dottore e le sue avventure televisive” e i “60 anni della serie televisiva Doctor Who“.

Sono accettate tutte le tecniche: matite, chine, acquerello, olio, acrilico, ecc.
Il formato della vostra opera deve essere A4 o A3.

Ogni artista partecipante entro le date indicate potrà inviare una e-mail contenente:
a) il file dell’illustrazione o della storia a fumetti in formato JPG a 600 dpi
b) le dimensioni dell’opera
c) il titolo dell’opera  ed una didascalia e
d) il mezzo o la tecnica utilizzata nell’opera, a questa email: info@fumettomaniafactory.net  

Ogni scrittore (o giornalista): potrà inviare un testo cioè un articolo, un breve saggio, di almeno 600 parole (3600 caratteri, spazi compresi) su Il Dottore e le sue avventure televisive” e i “60 anni della serie televisiva Doctor Who“.

Questo Speciale di Fumettomania si concluderà il prossimo 30 marzo 2024.

Le date utili per consegnare le opere  sono:  
Prima data: 30 agosto 2023
Seconda ed ultima data: 30 novembre 2023 

Tutte le opere, man mano verranno consegnate, saranno pubblicate su questo sito.

Se le adesioni saranno numerose, come ci auguriamo, studieremo la possibilità di esporre le opere originali in una mostra nella nsotra città che faremo a novembre.

FINAL INFO

Per qualsiasi domanda, tutti gli artisti sono invitati a scrivere a Mario Benenati (Fondatore e coordinatore culturale dell’associazione culturale) all’email : info@fumettomaniafactory.net

Indirizzo fisico:
Fumettomania Factory APS c/o Mario Benenati
Vicolo Basilicò , 6
98051, Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) – Italia

NOTE EXTRA

UN PO’ DI STORIA SU DOCTOR WHO

((testi estrapolati da wikipedia, per gentile concessione))

220px-TARDIS2

<<Doctor Who è una serie televisiva britannica di fantascienza prodotta dalla BBC a partire dal 1963, con storie avventurose che spaziano dalla fantascienza al racconto gotico. Ha come protagonista un Signore del Tempo (Time Lord), cioè un alieno viaggiatore del tempo, che si fa chiamare semplicemente Il Dottore. Egli esplora l’Universo a bordo del TARDIS, una macchina senziente che viaggia nello spazio e nel tempo attraverso il cosiddetto vortice temporale (time vortex). L’aspetto esterno del TARDIS è quello di una cabina blu della polizia inglese, che era comunemente visibile in Gran Bretagna negli anni Sessanta, quando la serie fu trasmessa per la prima volta. Il Dottore è quasi sempre accompagnato da un terrestre (spesso una donna) insieme al quale affronta molti nemici, salva intere civiltà e persone comuni.

La serie ha ricevuto moltissimi riconoscimenti sia dalla critica che dal pubblico. Ha vinto nel 2006 il premio BAFTA per la miglior serie drammatica e per cinque volte consecutive (2005-2010) il National Television Award sotto la produzione esecutiva di Russell T. Davies Nel 2011, Matt Smith fu il primo a essere nominato per il BAFTA come miglior attore protagonista per la sua interpretazione del Dottore.

Doctor Who fece la sua prima comparsa sullo schermo il 23 novembre 1963 alle 17:16:20 GMT sulla BBC, dopo un anno di discussioni e progetti. Il direttore degli sceneggiati, il canadese Sydney Newman, era il principale responsabile dello sviluppo della serie, assieme al capo sceneggiatore Donald Wilson e a C. E. Webber. Lo sceneggiatore Anthony Coburn, il redattore David Whitaker e la produttrice Verity Lambert contribuirono anch’essi in maniera rilevante nello sviluppo della seri]. La serie era originariamente pensata per un pubblico di famiglie, come un programma educativo con l’obiettivo di esplorare fenomeni scientifici e momenti importanti della storia tramite l’espediente del viaggio nel tempo.

Doctor Who Magazine

Dal 1979 in Inghilterra esce una rivista ufficiale dedicata a Doctor Who intitolata Doctor Who Magazine (comunemente abbreviato in DWM) che contiene articoli e fumetti dedicati al mondo del Dottore, prodotta ufficialmente dalla BBC. Inizialmente la rivista si chiamava Doctor Who Weekly ed era pubblicata dalla Marvel Comics. Il primo numero uscì giovedì 11 ottobre 1979 con una data di copertina del 17 ottobre al prezzo di 12 penny.>> 


SPECIALE COMICS TRIBUTE 2013 di FUMETTOMANIA

PRIMA PARTE (23-11-2013)

SECONDA PARTE (10-02-2014)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.