Riceviamo e pubblichiamo il seguente Comunicato Stampa, anche se con molto dispiacere.
mario benenati

Logo associazione Mirada

dicembre 2016

Ultima settimana di apertura
dello sportello Giovani Artisti

Dopo 17 anni volge al termine la collaborazione tra Comune di Ravenna e Associazione Mirada

   La settimana dal 19 dicembre sarà l’ultima in cui sarà disponibile lo sportello Giovani Artisti presso l’Informagiovani gestito da Associazione Mirada. Volge infatti al termine la collaborazione tra il Comune di Ravenna e l’associazione, che aveva progettato e permesso l’adesione alla rete istituzionale del GAI Giovani Artisti Italiani nel lontano 1998.

Da allora, l’associazione tramite lo strumento della convenzione, aveva seguito tutta la progettazione artistica relativa alla rete, il concorso istituzionale per giovani artisti, creato il sito e l’archivio giovani artisti, curato la newsletter mensile e seguito anche individualmente tutti gli artisti che in questi anni dal territorio ne avevano fatto richiesta nella progettazione del portfolio o per l’assistenza alla partecipazione a bandi e concorsi. Grazie a questa collaborazione erano stati messi a punto progetti regionali, ma anche nazionali, come Reality Draws, finanziato dall’ANCI.

Scaduta la convenzione pluriennale a marzo 2016, c’era stata una proroga reiterata che ha portato alla scadenza del 31 dicembre 2016 senza rinnovo: diffatti l’Assessorato alle Politiche Giovanili ha deciso di gestire internamente tutta l’attività del GAI che sarà seguita da personale del Comune stesso.

“Siamo ovviamente dispiaciuti” ha dichiarato la presidente dell’associazione Elettra Stamboulis, “abbiamo la presunzione di credere di aver fatto un ottimo lavoro in questi anni, cosa che ci era stata più volte riconosciuta istituzionalmente. D’altro canto l’ente può decidere di fare altre scelte, è nelle sue prerogative. Per cui per noi si apre una nuova stagione. E ovviamente anche per loro”.

Dal 1 gennaio 2017 non sarà più attivo quindi né lo sportello, né il sito http://www.giovaniartistiravenna.org/,
né il profilo facebook Ufficio giovani artisti Ravenna.

L’Associazione Mirada vuole ringraziare pubblicamente e vorrebbe farlo uno ad uno, ma è purtroppo difficile, tutti gli artisti e le artiste incontrate in questo percorso, gli operatori con cui ha condiviso progetti e costruito pezzi di ricerca, le funzionarie del Comune con cui ha collaborato, il personale del MAR e in particolare l’ex direttore Claudio Spadoni per la disponibilità sempre mostrata, l’ufficio del GAI di Torino e in generale gli uffici GAI della Regione Emilia Romagna, e gli operatori dell’Informagiovani con cui ha condiviso un pezzetto di spazio ed esperienza. Grazie a tutti!


CONTATTI

Associazione Mirada
Via Mazzini n.83, 48121 Ravenna
Tel. 0544.217359
Mail: [email protected]
Facebook: https://www.facebook.com/associazionemirada

GIUDA edizioni
Via Mazzini n.83, 48121 Ravenna
Tel. 0544.217359
Mail: [email protected]
Facebook: https://www.facebook.com/GIUDAedizioni
Twitter: @Giudaedizioni
www.giudaedizioni.it

Sportello giovani artisti / Informagiovani
Comune di Ravenna Assessorato Politiche giovanili – Palazzo Rasponi Dalle Teste via Lognhi
Tel. 0544.216283
www.giovaniartistiravenna.org

SEGUE NEWSLETTER


banner del "Mediterranea 18 Young Artists Biennale", un evento internazionale multidisciplinare che si svolgerà a Tirana e Durazzo, in Albania, dal 4 al 9 maggio 2017.

*. “Mediterranea 18 Young Artist Biennale”, arti visive
Scadenza: 15 gennaio 2017

BJCEM e il Ministero della cultura della Repubblica di Albania annunciano il lancio di Mediterranea 18 Young Artists Biennale, un evento internazionale multidisciplinare che si svolgerà a Tirana e Durazzo, in Albania, dal 4 al 9 maggio 2017. Riunirà circa 230 artisti provenienti dall’Europa e dal Mediterraneo.
A partire dal 1985, anno della sua prima edizione, la Biennale si svolge ogni due anni in una città diversa dell’area mediterranea e si rivolge a giovani artisti e creativi. BJCEM è una rete internazionale con oltre 60 membri e partner in Europa, Medio Oriente e Africa, il cui supporto rende possibile questo evento in quanto garantisce la partecipazione di artisti provenienti dai loro territori.
Lo scopo di questa rete internazionale è creare opportunità per giovani artisti, promuovendo la mobilità, lo scambio, la comprensione reciproca, il dialogo interculturale, la collaborazione e la formazione. L’associazione sostiene la loro creatività e li mette a contatto con realtà locali e internazionali al fine di aiutarli a crescere personalmente e professionalmente.
BJCEM difende energicamente il ruolo che l’arte e la cultura possono svolgere nella società, permettendo di scoprire e apprendere i valori di culture diverse arricchendo la propria. L’arte è uno strumento che può essere usato per superare i confini e i conflitti e non richiede che si parli la stessa lingua perché il suo è un linguaggio universale.
L’Arci ha promosso la fondazione del network BJCEM ed ha organizzato numerosi eventi che hanno rafforzato il progetto nel Mediterraneo. Le strutture del Arci socie dell’associazione BJCEM che organizzano le selezioni della Biennale e promuovono progetti di promozione della creatività giovanile sono: ARCI Emilia Romagna, ARCI Lazio, ARCI Liguria, ARCI Milano, ARCI Pescara, ARCI Puglia, ARCI Nazionale, ARCI Sardegna, ARCI Sicilia, ARCI Torino, Arci Bassa Val di Cecina.
Il bando è rivolto a creativi, artisti visivi, registi, scrittori, attori, musicisti, disegnatori, giornalisti e grafici dai 18 ai 34 anni (nati a partire dal 1 gennaio 1982). La presentazione delle domande è gratuita e aperta a chiunque, indipendentemente dal sesso, dalla religione, dalla condotta sociale e politica. Tuttavia gli artisti che hanno partecipato a più di una edizione precedente non possono ricandidarsi; sarà data la priorità agli artisti che non hanno mai preso parte alla Biennale. Gli artisti selezionati saranno ospitati a Tirana e Durazzo dal 4 al 9 maggio 2017 incluso. In quei giorni mostreranno i propri lavori e si esibiranno in appositi spazi all’interno delle due città. Le mostre rimarranno aperte al pubblico fino al 28 maggio 2017.
La scadenza per la presentazione delle domande è il 15 gennaio 2017, entro la mezzanotte (fuso orario italiano). Per la sola Turchia la scadenza è il 30 dicembre 2016. I nomi degli artisti selezionati saranno pubblicati sul sito web della Bjcem.

1. TEMA GENERALE: Storia + Conflitto + Sogno + Fallimento = CASA
Quanto tempo ci vorrebbe per elencare gli elementi che costituiscono ciò che chiamiamo “casa”? E quanto tempo ci vorrebbe per individuare quelli che possono distruggerla?
La “casa” della prossima edizione di Mediterranea 18 Young Artists Biennale si baserà su quattro elementi. La storia, un archivio contenente quantità inimmaginabili di storie individuali, di cui rimane memoria o sono dimenticate. Il conflitto, per riflettere sul modo in cui condividiamo le nostre case. Il sogno, inteso come progetto di una casa, come diritto umano fondamentale di essere liberi di scegliere e desiderare la propria casa, reale o immaginaria che sia. Il fallimento, come resistenza interiore ai vari tentativi che mutano lungo il percorso di ricerca della casa dei sogni.
Mediterranea 18 Young Artists Biennale si svolgerà per la prima volta nelle città di Tirana e Durazzo, in Albania. Svolgendosi in un paese caratterizzato da un passato di isolamento e da una transizione estremamente rapida dal comunismo al capitalismo in soli 25 anni, la Biennale avrà ad oggetto un aspetto che oggi più che mai è messo a rischio dalle attuali politiche sociali. In un’area geopolitica in cui storia, conflitto, sogno e fallimento attraversano le acque torbide della vita quotidiana, la casa diventa un’emergenza che deve essere rivalutata da un punto di vista tecnico e ridefinita a livello collettivo.
Il sentirsi a casa diventa più vago, mentre la velocità della tecnologia e la complessità crescente delle strutture politiche, sociali ed economiche rivelano confini che per un certo periodo di tempo erano divenuti invisibili. Oggi più che mai è necessario ridiscutere questi confini. È probabile che in questa epoca di postumanesimo culturale la sfida posta all’arte sia quella di offrire conforto relativamente a cosa si intenda per casa e dove essa sia, perché e in che modo ne abbiamo bisogno. L’arte può vedere nella casa un processo piuttosto che una singola enunciazione, contenente milioni di elementi in cui l’io non è né perso né trovato, ma in costante trasformazione. La ricerca della sicurezza può comportare dei rischi e aprire un dialogo tra “case”, siano queste fisiche, virtuali, spirituali o immaginarie.
Mediterranea 18 aspira a presentare un’arte che affronti la nozione passata, presente e futura di “casa”. Per una volta l’arte non avrà lo scopo di criticare o provocare, ma piuttosto di riciclare (invece di proporre) nuove alternative. In questo modo troverà la propria casa negli errori del processo, nel tempo di attesa di una riparazione, nell’insicurezza del testo.
(Driant Zeneli – Direttore artistico di Mediterranea 18)

2. LINEE GUIDA SPECIFICHE: Arti visive
I conflitti, le crisi e le oppressioni che hanno caratterizzato il passato richiedono adesso una ridefinizione dell’immaginario. Ad esempio la percezione orientalizzata del Medio Oriente tipica di un tempo è caratterizzata da un’immagine brutalizzata del Mediterraneo dovuta alla dura realtà che lo contraddistingueva e che adesso deve essere riarticolata.
La fascia di età cui si rivolge la BJCEM coincide con quella che la pubblicità cerca di strumentalizzare a causa della sovrapproduzione di merci e della conseguente visione ereditata (controversa) dell’area in questione.
Tuttavia la maggior parte degli artisti al di sotto dei 35 anni rappresenta la forza precaria, nomade, ma radicale della società, capace di affrontare conflitti, crisi e oppressioni da un punto di vista che non accetta compromessi. Le circostanze impongono un’azione artistica significativa che suggerisca chiaramente e provocatoriamente un modo per affrontare, al di là delle divisioni, le complessità del Mediterraneo.
In un mondo decadente, la casa può essere un rifugio, un palazzo o un luogo per il lavoro domestico, ma si tratta pur sempre della più piccola unità di potenza della società che necessita di equilibrio. È anche la sfera della convivialità a dover essere trattata in un modo che faccia riferimento alla comprensione critica della condizione contemporanea.
Dagli artisti ci si aspetta una riflessione sulle condizioni alternative della produzione e distribuzione artistica in grado di risvegliare il senso di appartenenza e di prossimità.
Gli artisti sono chiamati a presentare proposte di vario tipo, da opere basate sulle immagini (pittura, scultura, fotografia, video, installazioni, arte digitale) a pratiche post-concettuali e discorsive (installazioni, pubblicazioni, audio, esibizioni ecc.).
(Maja Ćirić – Curatrice della sezione arti visive di Mediterranea 18)

Graphic Journalism/Comics Journalism/Giornalismo grafico
Il fumetto è l’arte di riportare il tempo su una pagina: da questo punto di vista non stupisce che negli ultimi anni si sia trasformato in un modo originale di fare giornalismo.
Il Graphic Journalism oggi raccoglie esperienze differenti che vanno dagli articoli per la carta stampata o il web, ai reportage, a versioni di New Journalism (quindi con narrazione ampia e quasi da romanzo): quello che lega tutte queste produzioni è il desiderio di cartografare la realtà, mostrarne aspetti poco conosciuti o ignoti, raccontare qualcosa di vero attraverso il disegno, mobilitare. Nell’area del Mediterraneo questa forma giornalistica, narrativa e spesso di denuncia, ha una sua specifica connotazione e frequentazione. In forme di autoproduzione, progetti artistici pilota o in vere e proprie redazioni dalla Turchia al Libano, dall’Egitto all’Algeria, per poi transitare nel nord del bacino del Mar Bianco, come viene chiamato in arabo, le modalità di fare giornalismo grafico sono molteplici. L’intento di questa selezione, la prima nel suo genere in Italia, è di far emergere questo nuovo modo di narrare il reale, non solo con la parola, ma anche con il disegno.
“La casa/ Home” intesa come luogo simbolico, metaforico, identitario, è di per sé un confine ampio e allo stesso tempo produttivo di storie: l’importante è che esse si configurino come una “credibile opinione su, una registrazione di un aspetto finora sconosciuto del mondo sociale attuale”, ovvero siano giornalismo. La tradizione dalla quale trae origine questa forma di fare informazione ha nell’abitare un tema cruciale. Ma non bisogna dimenticare che ”storia, conflitto, sogno e fallimento” sono le sottocategorie alle quali gli autori possono fare riferimento e che comprendono un ampio spettro di notizie. All’articolo, reportage, progetto di New Journalism, andrà allegata una personale definizione del rapporto tra l’opera presentata e il tema della Biennale.
(Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis – curatori selezione nazionale italiana Graphic Journalism/Arti Visive)

3. MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Gli artisti interessati a presentare la loro candidatura sono invitati a inviare:
modulo di domanda debitamente compilato in lingua inglese e firmato;
CV, portfolio e lettera di motivazione;
fino a 5 immagini ad alta risoluzione (300 dpi), esenti da diritti;
materiali aggiuntivi per ciascuna disciplina:
GRAPHIC JOURNALISM/Arti Visive – In collaborazione con Gianluca Costantini ed Elettra Stamboulis.
Si possono raccontare microstorie o storie di cronaca, reportage, ricerche, articoli di costume, ecc., l’elemento importante ai fini del concorso è che ci sia comunque un intento giornalistico e che siano riconducibili al tema della Biennale. Il progetto presentato, edito o inedito, può essere più lungo di 2 tavole: tuttavia per la partecipazione andranno allegate le prime 2 tavole e la sceneggiatura/soggetto completi (nel caso in cui l’opera sia più lunga di 2 pagine). La tecnica e il formato sono liberi.
Possono partecipare autori singoli, collettivi, disegnatori/trici e sceneggiatori/trici. Tutti gli autori dovranno avere l’età prevista dal bando.
Inviare il material solo via mail a: Selezione Visual Arts/Graphic Journalism BJCEM

Per ulteriori informazioni:
mail: [email protected] e [email protected]
Arci Direzione Nazionale – Tel: 06.41609501 – Fax: 06.41609275 – www.arci.it

IMPORTANTI INFORMAZIONI ADDIZIONALI

Le candidature devono essere inviate entro il 15 gennaio 2017 (per la sola Turchia entro il 30 dicembre 2016) direttamente al membro/partner BJCEM di riferimento e in copia al curatore o alla curatrice responsabile della specifica sezione a Tirana. LA DOCUMENTAZIONE DEVE ESSERE INVIATA ESCLUSIVAMENTE IN FORMATO ELETTRONICO (tramite e-mail, WeTransfer, cartelle su Dropbox ecc.). Per conoscere le discipline selezionate da ciascun membro/partner BJCEM, i referenti e gli indirizzi e-mail utili per inviare le proprie candidature e verificare la propria idoneità visitare il sito: www.bjcem.org/application
Nell’oggetto della mail devono essere chiaramente indicati: nome e cognome del richiedente, disciplina, paese / città / regione;
Ogni membro BJCEM selezionerà un numero di produzioni e di discipline sulla base della ripartizione delle quote definite dal Network. Per ulteriori informazioni sul numero preciso di produzioni da selezionare, fate riferimento a ciascun membro BJCEM (l’elenco dei membri è disponibile sul sito BJCEM).
Non è previsto il riconoscimento di alcun compenso agli artisti selezionati.

Banner del bando Be Natural/Be Wild,  della  Fondazione Cassa di Risparmio di Biella

*. “Be Natural/Be Wild”, I edizione, arti visive
Scadenza: 31 gennaio 2017

La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella lancia un nuovo concorso artistico per dare spazio all’arte che racconta la Natura, nell’ambito delle attività preparatorie all’edizione 2017 di Selvatica – Arte e Natura in Festival, manifestazione ideata nel 2012 dalla Fondazione con E20progetti che coniuga Natura e Cultura per raccontare la bellezza del pianeta attraverso le arti visive.
Con il bando Be Natural/Be Wild, questo il titolo del concorso, la Fondazione si rivolge a giovani pittori e disegnatori, italiani e stranieri, residenti in Italia, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, desiderosi di dar voce al mondo naturale che li circonda, con un’attenzione particolare al suo lato selvaggio. La Natura, osservata da questi due differenti sguardi – bellezza primigenia e incanto da ammirare e contemplare ma anche forza imprevedibile e spesso limite per l’uomo – è il cuore e la fonte inesauribile d’ispirazione del concorso.
Il bando di Be Natural/Be Wild è aperto gratuitamente a progetti artistici inerenti al tema dell’Ambiente, naturale e selvaggio, realizzati con qualsiasi tipo di tecnica su tela e su carta: disegno, pittura, incisione, acquerello, collage, ecc. Non sono oggetto di valutazione in concorso opere di fotografia, scultura e videoinstallazione.
Be Natural/Be Wild esplora le tematiche di Selvatica con l’ambizione di portare l’attenzione sul tema – più che mai attuale – della salvaguardia del patrimonio naturalistico e ambientale, ma anche di proporre al pubblico un punto di vista inedito sul mondo delle arti visive contemporanee.
Dopo il grande successo di pubblico dell’edizione 2016, che ha registrato circa 13.000 visitatori, con un calendario composito di appuntamenti espositivi e formativi dislocati sul territorio e che ha coinvolto oltre 20 sedi espositive, tra le quali Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, Selvatica si prepara alla prossima edizione mettendo in campo un concorso rivolto alle giovani voci creative per tornare ad animare la città di Biella e il Biellese con rinnovate energie.
Per candidarsi c’è tempo fino al 31 gennaio 2017 (ore 17.30) presentando via e-mail, all’indirizzo [email protected], con oggetto Be Natural/Be Wild, i seguenti materiali:
l’immagine dell’opera (definizione 300 dpi formato .jpg);
didascalia dell’opera: titolo, tecnica, dimensioni;
eventuale testo descrittivo;
breve curriculum vitae;
5 immagini rappresentative del proprio lavoro;
scheda di partecipazione, compilata scaricabile dal sito www.fondazionecrbiella.it alla sezione News & Eventi.
È ammessa la partecipazione al concorso con un solo elaborato. L’opera presentata non deve essere stata premiata in concorsi precedenti e i partecipanti si rendono garanti della sua originalità tramite dichiarazione autografa inserita nella scheda di partecipazione, pena l’esclusione. Sulla base del materiale inviato la giuria selezionerà 60 opere ai cui autori verrà richiesto materiale integrativo relativo all’artista e alla sua produzione, al fine di individuare la rosa di 20 opere finaliste che saranno protagoniste di una mostra collettiva all’interno di Selvatica 2017.
Durante la giornata di inaugurazione di Selvatica 2017, la giuria assegnerà i seguenti riconoscimenti:
1° premio: acquisizione dell’opera vincitrice;
Premio Gallerie: una mostra personale dell’artista selezionato dalle gallerie Zaion di Biella, BI-BOx Art Space di Biella, Salamon&c. di Milano, Punto sull’arte di Varese e Moitre di Torino.
L’intero bando è consultabile sul sito della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella all’indirizzo www.fondazionecrbiella.it alla sezione News & Eventi.

Per ulteriori informazioni:
Associazione GA/ER: 0532 744643 – 329 7080277
mail [email protected]

banner di Chunk3 ( l’open call dedicato agli artisti under 35).

*. “Chunk3”, arti visive
Scadenza: 28 febbraio 2017

Non c’è due senza Chunk3. Chunk3 ritorna per il terzo anno consecutivo, tingendosi d’azzurro. Chunk nello slang americano è usato per indicare un ciccione ed è anche uno dei personaggi de I Goonies (Richard Donner, 1985). Chunk è il nome di un cocktail tipico in Germania, a base di Club-Mate e Rum. Chunk in informatica è un blocco di memoria, in psicologia cognitiva è un’unità di informazione. Chunk è un’onomatopea, il suono della stenotipia, macchina usata dai cancellieri nei processi di diritto penale.
Chunk3 è l’open call dedicato agli artisti under 35.
Chunk3 è un bando per la partecipazione ad una mostra dedicata a video, installazioni, performance e fotografie. Gli artisti candidati non devono aver superato il 35° anno di età al momento dell’iscrizione.
Entro le 23.00 del 28 febbraio 2017 deve essere inviato all’indirizzo [email protected]
il seguente materiale:
1. application form compilata (www.teamcaef.com)
2. un file pdf contenente esclusivamente:
a. statement (max 500 battute spazi inclusi)
b. da 3 a 5 opere* con didascalia e breve descrizione (max 200 battute spazi inclusi)
c. breve bio (max 200 battute spazi inclusi)
d. cv
*Nella didascalia devono essere presenti in maniera chiara eventuali link a video/contenuti multimediali es. vimeo.com, youtube.com; non sono ammessi ulteriori allegati.
Il trasporto delle opere è a carico degli artisti. La selezione delle opere è a cura di Team Cäef e le decisioni sono inappellabili e insidacabili.
Si declina ogni responsabilità di eventuali furti, incendi o danni di qualsiasi natura alle opere che possono verificarsi durante le fasi della mostra. I partecipanti, compilando e firmando l’application form, dichiarano di aver letto il regolamento e di accettarlo in tutti i suoi punti.

Per saperne di più:
sito http://www.teamcaef.com/chunk3

banner di Legàmi, tema unico dell’edizione 2017 del Fes

*. “Legàmi”, illustrazione
Scadenza: maggio 2017

L’associazione PropostAL “Progetto Associa”, con il Festival Inchiostro, indice un concorso per giovani illustratori finalizzato alla realizzazione di una mostra espositiva in occasione dell’edizione 2017 del Festival Inchiostro;
La partecipazione al concorso è gratuita, aperta a tutti i ragazzi e le ragazze fra i 16 e i 25 anni (al momento dell’invio dell’opera), ed è rivolta ad aspiranti artisti non professionisti italiani o residenti in talia. Oggetto del concorso è la realizzazione di una tavola rigorosamente in bianco e nero (con tutta la gamma dei grigi).
Legàmi, tema unico dell’edizione 2017 del Festival, non è solo una parola ma una serie di concetti che si vuol espandere e illustrare per ispirare quello che sarà il lavoro liberamente espresso dai partecipanti al concorso.
Le tavole in concorso verranno valutate da una Giuria composta dagli stessi artisti ospiti del Festival, professionisti di grande esperienza nel settore. Fra tutte le tavole presentate la Giuria selezionerà le 10 più meritevoli, queste saranno in mostra nella Sala Affreschi del Chiostro di Santa Maria di Castello, ad Alessandria, il 3 e 4 giugno 2017, all’interno di Inchiostro Festival.
Fra tutti i selezionati per la mostra la Giuria stabilirà inoltre un vincitore, un secondo e un terzo classificato. Tutti e tre i premiati saranno invitati come artisti ospiti nell’edizione 2018, siederanno nel chiostro al fianco degli artisti in cartellone e saranno inseriti nei manifesti e nelle comunicazioni promozionali. Ai primi 10 selezionati sarà consegnato un kit di materiale professionale Pentel Italia.
Premio Franco Sassi – fra le opere in concorso sarà selezionata un’illustrazione realizzata con la tecnica dell’incisione. Il vincitore del premio speciale, autore dell’incisione, riceverà in premio un master finalizzato alla stampa di una propria opera originale in tiratura limitata (50 copie) da realizzarsi presso una della stamperie d’arte partner di Inchiostro Festival.
Per saperne di più:
sito http://www.inchiostrofestival.com/
mail [email protected]

banner dell' Archhive: Architecture in Virtual Reality", architettura, design
 Scadenza: 11 gennaio 2017

*.”Archhive: Architecture in Virtual Reality”, architettura, design
Scadenza: 11 gennaio 2017

Bee Breeders, in collaborazione con la compagnia di software Vividly, annuncia il lancio del concorso di idee Archhive: Architecture in Virtual Reality, con il quale si intende raccogliere le proposte dei partecipanti per creare architettura in una realtà virtuale.
La digitalizzazione, infatti, sta influenzando profondamente la vita e il lavoro degli architetti, permettendo a questi ultimi di fornire un messaggio sempre più diretto ed efficace per i clienti.
Gli organizzatori del concorso intendono esplorare le capacità dello strumento digitale rispetto alla possibilità di creare una galleria per mostre virtuali e chiedono ai partecipanti un progetto per questo spazio espositivo in cui saranno mostrati i progetti vincitori dei concorsi di architettura indetti da Bee Breeders. La sala esisterebbe esclusivamente online e permetterebbe ai visitatori di tutto il mondo di fare una “passeggiata virtuale” all’interno della galleria, esplorando e analizzando gli elaborati dei vincitori del concorso.
La competizione è aperta a tutti, senza necessità di possedere particolari qualifiche professionali. Previsti i seguenti premi in denaro: 1° classificato 3.000 $; 2° classificato 1.500 $; 3° classificato 500 $.
Per saperne di più:
sito https://archhive.beebreeders.com/

Banner del Making Art 4.0", contest per videomaker

*. “Making Art 4.0”, contest per videomaker
Scadenza: 1 marzo 2017

Scan And Make ha organizzato l’open call Making Art 4.0, al fine di selezionare 20 opere che parteciperanno all’esposizione collettiva presso la Radio City Tower di Liverpool, in Gran Bretagna, dall’8 al 17 aprile del 2017. Tra le opere esposte quella più votata riceverà un premio di 2.500 sterline. Le iscrizioni sono gratuite e aperte ad artisti di qualunque nazionalità, singoli o collettivi, che potranno concorrere con una o più opere.
Le opere dovranno essere originali e potranno anche essere messe in vendita. All’artista è assegnato il compito di sperimentare attraverso la tecnologia digitale nuove opportunità di creazione artistica. Il bando prevede che si usi uno tra i seguenti processi di produzione:
arduino e Raspberry PI
fresatrici CNC 2D e 3D
plotter per il taglio
robotica
stampa 3D o manifattura additiva
taglio e intaglio laser.
Inoltre, l’artista dovrà fornire una “guida” per consentire a chiunque di poter riprodurre l’opera, indicando i materiali usati e il procedimento passo dopo passo da seguire per la realizzazione con immagini a supporto.

Per maggiori informazione:
sito https://scanandmake.com/opencall
bando https://scanandmake.com/pdf/ma40ita20.pdf


banner di MArteLive , un festival-concorso

*. MArte live”, arti visive
Scadenza: 31 gennaio 2017

Il concorso nazionale MArteLive è un festival-concorso le cui selezioni si tengono su tutto il territorio nazionale. L’obiettivo è quello di scoprire e favorire giovani artisti emergenti e promuoverne il lavoro sulla scena artistica contemporanea nazionale. Il concorso MArteLive offre un’importante vetrina ai giovani artisti a cui verrà data la possibilità di entrare in contatto con professionisti del settore; potranno esporre le proprie opere e lavori ed esibirsi nelle proprie performance in location selezionate dallo staff MArteLive Italia che garantirà la presenza di giurie qualificate. I finalisti provenienti da tutte le discipline artistiche che compongono il concorso e da larga parte del territorio nazionale e non, avranno la possibilità di far parte della BiennaleMarteLive 2017 che si terrà a Roma in una location esclusiva, scelta per l’occasione, entrando a far parte di uno degli eventi più interessanti nel panorama europeo dedicato alla promozione dell’arte emergente. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 gennaio 2017, mentre le finali regionali sono previste tra dicembre 2016 e aprile 2017. Le finali regionali o di marco-area nella formula multi-artistica che contraddistingue il festival. I vincitori delle singole finali regionali o di macro-area approderanno alla finale nazionale, Biennale MArteLive, che si terrà a Settembre 2017 a Roma.
Nota bene: Nel caso in cui le iscrizioni arrivino oltre il periodo di selezione dal vivo non è garantita la partecipazione all’edizione corrente di MArteLive e gli iscritti saranno contattati direttamente per la selezione all’edizione successiva.
In breve il concorso prevede le seguenti fasi:
Pre-selezione, tramite visione del materiale inviato (vedere Documentazione richiesta)
Selezioni dal vivo e/o sul materiale
Finali regionali o di macro-area (le macro-aree sono composte da più regioni), dal vivo e/o sul materiale
Finale nazionale (Roma), inserita all’interno della Biennale MArteLive 2016.
Il numero degli artisti selezionati per le fasi 3 e 4 viene calcolato in proporzione agli iscritti delle fasi precedenti. Pertanto, il numero esatto verrà reso noto al termine di ogni fase. Le locations e le modalità delle selezioni, delle finali di area e della finale nazionale saranno rese note sul sito www.martelive.it

Per maggiori informazioni:
sito www.martelive.it
mail [email protected]

cartolina di auguri MIRADA

La nostra rivista

G.I.U.D.A. n.4 Geographical Institute of Unconventional Drawing Arts
All’interno fumetti, testi e illustrazioni di Armin Barducci, Mara Cerri, Gianluca Costantini, Darkam, Ciro Fanelli, Magda Guidi, Marco Lobietti, Rocco Lombardi, Angelo Mennillo, Nicolo Pellizzon, Liliana Salone, Alice Socal, Elettra Stamboulis.

Approfondisci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.