FUMETTOMANIA continua anche nel 2024 a celebrare i 60 ANNI di DOCTOR WHO!

logo 60 anni doctor who by BBC

Torniamo nel Regno Unito con questi ultimi due articoli di John Freeman, dedicati a Doctor Who.

Il primo è di maggio dell’anno scorso e celebrava Stuart Glazebrook, l’artista che, con il nome di “StuART”, ha fornito molte illustrazioni per le prime pubblicazioni della Doctor Who Appreciation Society alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80.
Il secondo, invece, è dedicato ad un volume a fumetti in uscita nel Regno Unito proprio a marzo 2024, dedicato ad una raccolta di storie sul tredicesimo dottore, dal titolo: Doctor Who – The White Dragon.

Il Dottore è tornato, ed anche il suo pubblico!
Auguri per i suoi 60 anni.

Importante: Questo Speciale di Fumettomania si concluderà a fine febbraio con due artisti straordinari.

Nota bene: Doctor Who © 2023 BBC Studios. Le immagini che pubblichiamo sono solo a fini divulgativi.

Mario Benenati
Presidente di Fumettomania Factory APS
e direttore culturale del sito-magazine omonimo

P.S.: Continuiamo a ringraziare a John Freeman (che ripubblichiamo oggi) per tutti gli articoli e gli altri amici ed amiche che abbiamo pubblicato e che pubblicheremo nelle prossime ultime settimane, in ordine: Elena Casagrande, Fabio Ciaramaglia, Bryan Talbot, Sonia Saturno, Alessandro Bottero, Tim Robins Luigi Iannelli, Antonino Barreca, Maria Celeste Arena, Gabriela Pinzaru, Damiano Gallinaro, Marco Sonseri e Gian Luca Doretto, Lorenzo Barruscotto, Federica Manfredi e Pasquale Qualano.
Sappiamo bene che non è facile per un autore professionista partecipare a questi tipi di progetti, immerso com’è nei vari impegni di lavoro, e dunque Grazie di cuore a tutti.


Celebriamo i 60 anni della serie televisiva Doctor Who
WE CELEBRATE 60 YEARS OF DOCTOR WHO

Nuovo Banner promozionale per il nuovo DOCTOR WHO, in occasione dei 60 YEARS del DW
Nuovo Banner promozionale per il nuovo DOCTOR WHO, in occasione dei 60 YEARS del DW © 2023 BBC Studios. Immagine utilizzata solo a fini divulgativi.

In Memoria del pioniere dell’arte di Doctor Who, Stuart “StuART” Glazebrook

(Articolo originario di JOHN FREEMAN del  )

Nei primi giorni di maggio dell’anno scorso è scomparso Stuart Glazebrook, l’artista che, con il nome di “StuART“, ha fornito molte illustrazioni per le prime pubblicazioni della Doctor Who Appreciation Society alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, ed è stato un membro integrante del team della mostra Doctor Who di Blackpool.

Stuart-Glazebrook-Timelord title Graphic 79
Stuart Glazebrook, Time Lord, photographed in 1979. Photo courtesy Jeremy Bentham

Per coloro che appartengono a una certa generazione, i pezzi di StuART su TARDIS e altrove, a volte in collaborazione con Gordon ‘Drog’ Langden, sono stati un elemento fondamentale delle prime pubblicazioni dell’organizzazione.

Leggendo i tributi online dei suoi amici per una persona che è stata uno dei primi padri fondatori del fandom degli anni ’70, so che mi mancherà molto e che ha sicuramente avuto un’influenza nello sviluppo del mio amore per i mondi immaginari della serie, portati in vita da tanti grandi artisti nel corso degli anni, sia professionisti che fan.

Il lavoro di Stuart mi ha colpito molto alla fine degli anni ’70, quando l’idea di vedere i primi Who sembrava un sogno impossibile. Ha evocato mondi negati in un’epoca di poche repliche, prima ancora dell’home video, per non parlare di DVD, Blu-Ray e BritBox, e ha stimolato la nostra immaginazione.

Solo alcuni dei lavori artistici di Stuart Glazebrook dalle prime pubblicazioni dei fan di Doctor Who della CMS – Doctor Who: Un’avventura nello spazio e nel tempo. (Above: Just a few of Stuart Glazebrook’s artworks from the early CMS Doctor Who fan publication – Doctor Who: An Adventure in Space and Time)

Il suo amico Kevin Taylor, un collega degli Hyde Fundraisers che negli anni hanno raccolto fondi per BBC Children in Need e per molte altre buone cause, ha riferito che si è spento serenamente, dopo una dura battaglia contro il cancro.

Stuart, insieme a Christine, è stato un punto fermo degli eventi tra la fine degli anni Novanta e gli anni Duemila“, ha raccontato Kevin. “Essendo uno dei fondatori della Doctor Who Appreciation Society, mi sono sempre sentito fortunato ad avere il suo sostegno in ciò che facciamo a Hyde Fundraisers. Il suo entusiasmo nel personaggio suscitava sorrisi sia nei bambini che negli adulti durante gli eventi. Amava Batman, l’Egitto e i cult televisivi, cosa che avevo in comune con lui. Il Doctor Who classico lo ha sempre entusiasmato e, nei primi giorni a Blackpool, si vestiva come vari personaggi alla mostra“.

La compagna di Stuart, Christine, è venuta a mancare all’inizio del 2023: un duro colpo per l’artista, che si è sentito in colpa per le battaglie in corso.

“Abbiamo avuto la fortuna di festeggiare il suo 70° compleanno a marzo (del 2023, NdR) e spero che si sia reso conto di quanto le persone tengano a lui”, dice Kevin. “Ora è tornato insieme a Christine e non dimenticheremo mai il loro contributo alla Hyde Fundraisers e la loro amicizia”.

Doctor-Who-Adventure-In-Space-And-Time-42

“Stuart ha preso l’idea di come dovrebbe essere l’arte di Doctor Who, stabilita commercialmente da Bellamy e Achilleos, e l’ha portata avanti, alimentata da una sensibilità da fan che ha trasmesso ad altri”, osserva lo scrittore, editore e ricercatore Matthew Kilburn. “Il suo lavoro potrebbe essere stato visto da pochi al momento della prima pubblicazione, rispetto agli artisti commerciali e ai creatori dell’era di internet, ma ha avuto un’influenza sproporzionata”.

The cover of the Doctor Who Appreciation Society’s Amazing Stories title, edited by Jeremy Bentham, cover art by Stuart Glazebrook and Gordon ‘Droog’ Langden

Ho incontrato Stu per la prima volta alla fine degli anni ’70, in occasione di eventi DWAS“, ricorda lo scrittore Stephen James Walker, “e l’ho conosciuto meglio poco dopo, quando sono entrato a far parte del team CMS di Jeremy Bentham, per il quale lui e il suo amico Drog erano art editor. Ricordo che inizialmente era molto restio all’idea che io prendessi il posto di Gary Hopkins come redattore capo della pubblicazione di punta del gruppo, Space and Time (credo, e spero, perché aveva avuto un ottimo rapporto con Gary piuttosto che perché aveva qualcosa contro di me in sé!), ma in seguito si convinse dell’idea e mi piacque molto lavorare in tandem con lui per un paio d’anni, fino a quando non passò i compiti artistici principali a Phil Bevan intorno al 1984.

“Sono sempre stato un grande ammiratore dei suoi disegni, che hanno abbellito moltissime fanzine in quegli anni, e la sua scomparsa è un’altra grande perdita dei primi anni del fandom di Doctor Who”.

“Ai tempi in cui le fanzine in formato A5 avevano ben poco materiale visivo, l’arte di Stuart brillava come un faro ogni volta che appariva”, afferma l’archivista di Who Richard Molesworth.

“Ho conosciuto il leggendario Stuart”, racconta il collega artista degli Who Pete Wallbank. “Molto preparato, molto talentuoso e davvero un uomo adorabile. Un pensiero ai suoi cari”.

“Mi ha rattristato molto la notizia della scomparsa di Stu”, ha commentato Chris Howarth, fan e collezionista di Who. “In passato, abbiamo trascorso molti sabati pomeriggio a fare i conti con il mondo nell’ormai chiusa Crown Tavern di Manchester. Era un’ottima compagnia e una persona in gamba”.

“Siamo profondamente addolorati per la scomparsa di uno dei nostri Exhibition Army”, ha dichiarato il team del progetto Blackpool Remembered.

“Stuart Glazebrook era una leggenda della comunità di Doctor Who, un artista eccezionale e un visitatore abituale di Blackpool. Le nostre più sentite condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici”.

Jeremy Bentham and Stuart Glazebrook, photographed in May 1986. Photo courtesy Jeremy Bentham

“Stuart è stato un membro fondatore della Doctor Who Appreciation Society quando è stata lanciata come fan club nazionale nel maggio del 1976”, ricorda l’archivista e autore Jeremy Bentham, “che, in qualità di curatore del dipartimento artistico della DWAS, ha ricevuto e valutato le proposte di altri aspiranti collaboratori, un ruolo che ha contribuito a far entrare nel mondo dei fan di Doctor Who nomi come Tony Clark, Paul Stephen-Smith, Phil Bevan e l’altro residente di Atherton, Gordon ‘Drog’ Lengden.

“È stato con grande dolore che ho appreso della sua scomparsa. Sebbene sapessi da tempo della battaglia di Stu contro il cancro ai polmoni, è stato comunque un terribile shock sapere che era giunta la sua fine, perché ha messo fine a un’amicizia che è stata salda e ininterrotta dal 1976”.

Jeremy ha scritto un tributo a Stuart, ripercorrendo la sua carriera, che sarà pubblicato in un prossimo numero della rivista della Società, Celestial Toyroom.

WEB LINKS

AGGIORNAMENTO, 31 dicembre 2023:

Ad agosto (del 2023, NdR), il gruppo di fan di Blackpool Remembered ha pubblicato una pubblicazione speciale in omaggio all’artista, raccolta e curata da John Collier e disponibile per il download qui.

  • La Doctor Who Appreciation Society
    Il fan club di Doctor Who più longevo al mondo, con membri in tutto il mondo. L’associazione offre ai suoi membri una rivista mensile, Celestial Toyroom, che è la più longeva rivista di Doctor Who attualmente esistente, e tutti i membri sono invitati a contribuire.

  • Pagina web degli Hyde Fundraisers
    Un team di volontari che crea repliche di personaggi di Doctor Who, Star Wars e altri franchise per raccogliere fondi per BBC Children In Need e altri enti di beneficenza.
  •  Blackpool Remembered
    Blackpool Remembered è un glorioso progetto di Doctor Who realizzato dai fan per i fan, che celebra l’originale mostra di lunga durata della città balneare del nord.
    Disponibile ora come pubblicazione digitale, Blackpool Remembered offre un ricordo appassionato della mostra originale di Doctor Who sul Golden Mile di Blackpool, approfondendo la sua ricca storia e creando una guida impressionante che include i contributi di Stuart Glazebrook.
Cover della pubblicazione digitale Blackpool Remembered

Rivelata la copertina del volume “Doctor Who – The White Dragon”

(articolo originario di JOHN FREEMAN del 

Ecco la favolosa copertina di David Roach per Doctor Who – The White Dragon, la prossima raccolta di fumetti del Tredicesimo Dottore di Panini, pubblicata da Doctor Who Magazine, in uscita a marzo 2024.

cover_DoctorWho-TheWhiteDragon

L’uscita del volume di 124 pagine è prevista per l’1° marzo 2024 e può essere preordinata su AmazonUK (link affiliato) e in altri punti vendita.

The White Dragon è l’attesissimo prossimo capitolo delle avventure a fumetti del Tredicesimo Dottore della rivista ufficiale di Doctor Who, giunta al suo quarto decennio di pubblicazione.

La raccolta presenta storie scritte da Scott Gray e Jacqueline Rayner, con disegni di Martin Geraghty, Russ Leach e Scott Gray sulla striscia del titolo.

Si prevede che il libro includerà delle pagine con “speciali “il dietro le quinte” con materiale esclusivo che rivelerà come sono state create le strisce, compresi i disegni e i commenti degli autori e degli artisti.

Visto il titolo, ho pensato che sarebbe stato divertente avere una copertina che ricordasse la locandina di un vecchio film di kung fu“, afferma Ed Hammond, editor delle collezioni Panini, “ma non avrei mai pensato che sarebbe andata così bene!

David Roach ha fatto centro. È un’opera d’arte davvero bella – ho già visto un tweet descriverla come la migliore copertina di un fumetto Panini Doctor Who di sempre!“.

Ulteriori dettagli sulla collezione saranno pubblicati a breve su Doctor Who Magazine, insieme ad altre entusiasmanti novità sulle collezioni di fumetti di Doctor Who per il 2024 che Ed ha già anticipato in un recente podcast di Doctor Who – Panel to Panel.


NOTE A MARGINE

Tra gli altri articoli recenti dedicati a Doctor Who, e pubblicati sul blog di John Freeman, vi consigliamo:

Doctor Who-Panel to Panel celebrates 10 years of charting tie-in comics

Doctor Who: Panel to Panel celebrates 10 years of charting tie-in comics

(articolo di JOHN FREEMAN del  )

Oggi ricorre il 10° anniversario del podcast di Jeremy Bement Doctor Who Panel to Panel, ricco di informazioni e molto divertente. Congratulazioni a Jeremy Bement per aver portato ai fan dei fumetti di Doctor Who tante belle interviste, recensioni e approfondimenti sulla creazione di molti fumetti e per essersi tenuto aggiornato sulle nuove storie in arrivo.

Gli ultimi episodi hanno incluso un mix di interviste classiche e nuove, come quella a Ed Hammond, Senior Editor di Panini responsabile delle edizioni raccolte di Doctor Who, che ha parlato delle attuali uscite raccolte e dei futuri libri della linea Doctor Who da mettere sugli scaffali delle tue librerie (Episodio 171); e un incontro con alcuni del team dietro l’ultimo numero della brillante fanzine su Doctor Who, Vworp Vworp, Paul Ebbs, Faiz Rehman e Gareth Kavanagh (Episodio 172).

N.B:. l’associazione Fumettomania ha acquistato il numero della fanzine Vworp Vworp ed è straordinario (NdR)

cover Doctor Who Magazine Yearbook 2024

Doctor Who Magazine Yearbook 2024 out now, offering some comic treats alongside celebratory features

(Articolo di JOHN FREEMAN del )

Il Doctor Who Magazine Yearbook 2024 è disponibile in alcune filiali selezionate di WHSmith e in alcuni supermercati e offre una serie di fantastiche caratteristiche, alcune delle quali piaceranno sicuramente ai fan del fumetto di lunga data della testata.

Oltre ad articoli come la guida a un anno di vita delle star di Doctor Who, interviste, un resoconto della celebrazione musicale Doctor Who at 60 al Millennium Centre di Cardiff, un resoconto della nuova mostra di oggetti di scena e memorabilia di Who al Gunnersbury Park Museum, gli scrittori di Doctor Who parlano degli ultimi 12 mesi di libri e fumetti e lo scrittore Alan Barnes e l’artista Lee Sullivan parlano della loro epica storia a fumetti del Quattordicesimo Dottore, Liberation of the Daleks, ora disponibile in collezione.

Cover Pageturners-Kindle

Pat Mills launches “Pageturners”, a guide to writing successful comic stories

(articolo di JOHN FREEMAN del  )

Pageturners – Come scrivere storie iconiche, una guida per scrivere storie a fumetti di successo, è appena uscito da Pat Mills, creatore e primo editore di 2000AD, e include un background sulle origini di The Meep, l’alieno malvagio visto in Doctor Who – The Star Beast nel fine settimana.

Biography

John Freeman - photo

John Freeman, currently editor of Star Trek Explorer and former editor of Doctor Who Magazine, is also a comics writer and editor, and founder of the award-winning comics site downthetubes.net. He’s worked professionally in the British comics publishing industry for over 30 years, describing himself as a “freelance comics operative”, working as an editor, Creative Consultant and as a comics writer and events promoter.

His current projects include writing “Pilgrim: Secrets and Lies”, a four issue mini-series set in the “Pilgrim” universe from B7 Media; “Crucible” with 2000AD artist Smuzz; and a creator-owned SF adventure, working with Brazilian creators Wamberto Nicomedes. He also recently edited “Hancock: The Lad Himself”, a graphic novel about comedian Tony Hancock, by Stephen Walsh and Keith Page.

For fun, he’s working on “Doctor Who – Terror of the Deep“, a 90-episode not-for-profit newspaper strip with artist Danny Cushion.

Initially working at Marvel UK, joining the company in 1987, his editor credits include titles such as Doctor Who Magazine, Babylon 5 Magazine, Star Trek Magazine, (now Star Trek Explorer) and comics such as Havoc, Overkill, Death’s Head II, Warheads, Simpsons Comics UK and STRIP – The Adventure Comics Magazine. He also edited several digital and audio comics for ROK Comics, including “Team M.O.B.I.L.E.” and “The Beatles Story”.

He also edited the Lost Fleet mini-series and two Doctor Who mini-series for Titan Comics, which received critical acclaim.

Along with helping promote the annual Lakes International Comic Art Festival, his recent writing credits also include re-introducing some classic humour characters to a modern audience in two Cor and Buster Humour specials for Rebellion, working with artist Lew Stringer; and Death Duty and Skow Dogs with Dave Hailwood for the digital anthology, 100% Biodegradable.

downthetubes: http://www.downthetubes.net
Newsletter – https://cruciblecomic.substack.com
Twitter: https://twitter.com/johnfreeman_DTT
Facebook: https://www.facebook.com/downthetubesnet


I FUMETTI DI DOCTOR WHO IN ITALIA

I fumetti di Doctor Who, attualmente sono pubblicati dall’editoriale Cosmo, digitando il link seguente vedrete quali sono i volumi in vendita e come acquistarli.

https://www.editorialecosmo.it/serie/doctor-who-editoriale-cosmo/

CONTINUA NELLA SECONDA PAGINA CON LE NOTE EXTRA


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.