Ed eccoci, anche se con qualche mese di ritardo, ai testi del n. 2 della fanzine Fumettomania pubblicato ad Aprile del 1991, numero che faceva da apripista alla nascente associazione culturale (fondata il 14 maggio di quell’anno) e che era anche un omaggio alla serie della Bonelli che sarebbe uscita in edicola il 18 giugno 1991, stiamo parlando di Nathan Never.

La copertina di quel nuovo numero, infatti, era dedicata proprio a Nathan con uno strepitoso disegno di Claudio Castellini ed una eccelsa colorazione di Giuseppe Orlando, artista barcellonese già autore delle precedenti due copertine della fanzine. A Claudio piacquero molto i lavori di giuseppe, e volle che la colorazione della copertina fosse realizzata da Orlando.

I testi di oggi sono estratti, dunque, dal n. 2 di FUMETTOMANIA dalla rubrica Obiettivo su … , e riguardano alcuni bei Fumetti Italiani e qualche incursione nei manga e nei fumetti USA pubblicati in Italia.
Ringrazio il socio Antonio Barreca che ha trascritto questi testi.

Mario Benenati, responsabile del Web Magazine Fumettomania.

Nota bene: II festeggiamenti per l’anniversario dei trent’anni dell’associazione Fumettomania Factory non si sono affatto conclusi! A settembre si pubblicheranno altre testimonianze di amici ed ex collaboratori. Abbiamo tante idee e progetti legati ai 30 anni che speriamo di realizzare entro dicembre del 2021.


Fumettomania da 0 a 30, Trent’anni straordinari!

Com’era il Salone del Fumetto di Lucca – quinta parte

Novembre 1990″

Il n. 2 di Fumettomania pubblicato nell’aprile del 1991 oltre la conferma di un gruppo e di un percorso che la fanzine desiderava compiere fu, per certi versi, il risultato della partecipazione all’edizione di Novembre 1990 del Salone del Fumetto di Lucca, come dimostrato dal ricco reportage che pubblicammo in quel numero, bel 11 pagine!

Di quella Lucca Comics, proseguiamo a scrivere alcuni bei ricordi, con la puntata di oggi e le prossime due.

Delle interviste agli autori di Nathan Never e a Sergio Bonelli ho già scritto; dalle belle pubblicazioni di Granata Press, con il ritorno dei Manga in Italia, pure; delle visite di tanti autori italiani, in particolare di tanti giovani esordienti, al nostro stand ho già scritto; delle tensostruttura, vicinissima al Palazzetto dello Sport, tutta dedicata alla Walt Disney Italia (a quel tempo la Panini S.p.A. non esisteva) ha dato qualche cenno.

In quella tensostruttura c’erano tre spazi: uno per una mostra espositiva dedicata agli autori italiani che avevano lavorato in Disney, uno per gli incontri (ho già scritto la volta scorsa della presentazione della prima edizione del bellissimo libro “I Disney Italiani“) ed uno dedicato ad uno spazio allora nuovo: quello della Disney University, fortemente voluta da Giovan Battista Carpi, e lì ho incontrato ed intervistato i giovanissimi Silvio Camboni e Roberto Santillo.

Ancora non ne avevamo coscienza ma quell’anno la creazione diDisney University, fu evento epocale!

Altro ricordo indelebile fu la serata del 3 novembre 1990 (per me e per fumettomania, ch’era la prima volta che partecipavamo) con la consegna dei premi Yellow Kid. Avere tanti artisti italiani e stranieri, nonché i vari operatori del settore, tutti riuniti in un unico luogo era una cosa incredibile ai nostri occhi.

Quella sera trai giovani premiati, per alcune storie a fumetti su SPOT, che era un supplemento della storica rivista Eternauta c’era un certo Leonardo Ortolani (!), mentre tra i big premiati ci furono Claude Moliterni, Sergio Toppi, Alberto Breccia (ho ancor ai brividi per il sketch a penna che mi fece), Paolo Eleuteri Serpieri con la sua splendida Druuna, il grandioso John Bolton (anche se poco conosciuto in Italia), Tiziano Sclavi, per l’apporto che sta dando alla serie Dylan Dog, Kent Williams, ed infine il grandissimo maestro Romano Scarpa, che ebbe due minuti di applausi.

Veramente grandi emozioni e grandi ricordi.

Mario

continua

Dopo gli ottimi articoli pubblicati nel n. 1 , che avevano riguardato : le storie pubblicate sulla rivista COMIC ART, il successo di Dylan Dog, Martin Mystère, le storie USA delle riviste All American Comics e Corto Maltese, ed i fumetti USA pubblicati da Star comics e da Play Press, anche nel n. 2 ospitammo degli altri articoli seguendo quel primo imprinting.

OBIETTIVO SU …
Recensioni su alcuni fumetti ITALIANI del 1990-1991
ed anche di qualche fumetto USA e manga pubblicato in Italia

di Salvatore BUCCA, Maurizio Pustianaz, Mario Benenati

(NOVEMBRE 1990 – GENNAIO 1991)

FUMETTO ITALIANO

Parlando di Dylan Dog: orrore, fumetto e rinascimento

I nostri collaboratori (semplici lettori di Dyd, due o tre al massimo) ci avvertono che D. continua a proporre avventure piacevoli e interessanti, belle nella loro repellenza e repellenti nella loro bellezza. Dobbiamo quindi necessariamente, a furor di popolo (sempre i soliti due o tre) continuare a parlare bene di questo investigatore dell’orrore, o del candore, visti gli orrori veri della guerra, cosa che abbiamo sempre fatto e che, proprio per questo, da alcuni è mal sopportato.

Scusate l’inizio poco serio (hem) ma trattasi di un tentativo per introdurre alcune riflessioni che non possono, come dicevamo prima, esimersi dall’essere soddisfatte e che, prendendo le mosse delle letture degli ultimi albi, accerta quanto di positivo il personaggio di Sclavi ha fatto sino a ora.

Da tutte le parti sono sorte inchieste, sono stati fatti studi e commenti, sono stati scritti e letti articoli su questo fumetto così ben fatto, per far parte di una serie popolare, che tutto il termine ne è uscito rivalutato, ne è risultato emendato dalle considerazioni (di scarsa maturità e documentazione, di scarso approfondimento e di artisticità, di scarso livello dei disegni) che fino a poco fa sembravano contrassegnare tale genere. Ed è senza dubbio questo uno dei maggiori successi di DyD, di essere un fumetto che nasce e che, nonostante tutto, rimane “popolare”.

Si è molto parlato, dicevamo di Dylan Dog, dei suoi aspetti e soprattutto dei suoi contributi al boom del fumetto italiano, della rinascita di quest’ultimo, della grande considerazione in cui è tenuto (oggi) come mezzo di comunicazione, dei “messaggi” che i vari generi (e quello horror in particolar modo) lanciano a lettori e studiosi; insomma dei contributi di DyD a tutti quei fenomeni che chi fa parte del mondo fumettistico, sia come addetto ai lavori (come dicono i calciatori) sia come semplice lettore, sa facenti parte di questi ultimi anni che, almeno per questi aspetti, sorprendentemente, sono legati proprio a D.

Il come si siano formati tali legami è argomento degno di essere preso in grande considerazione ma prima ancora è importante cercare gli aspetti, le caratteristiche di questo sosia di Rupert Everett (l’attore inglese che è diventato famoso più per la somiglianza con D. che per i suoi film) e da essi farne derivare le dovute conseguenze.

Parlare di Dylan conduce, invariabilmente, a una conclusione, fondamentale per chi affronta l’argomento: che, cioè, sia il genere trattato e l’interesse che quest’ultimo evoca a determinarne il successo. L’abbiamo detto anche noi, in quanto il nostro indagatore, indaga appunto, su temi e miti cari alla nostra cultura, perché sempre presenti, sempre attrattivi; l’orrore, il macabro sono componenti, al pari di altri, dell’essere umano, ed è normale che essi abbiano sempre ispirato non solo repulsione ma anche l’opposto, attrazione.

Consapevole di questo Sclavi, attinge ai diversi generi, letterari, cinematografici (magari del quotidiano) per mostrare una sua visione di questa presenza, estendendo al fumetto di massa l’interesse per il macabro, il diverso, il mistero. Naturalmente. Mancava nel panorama italiano un approccio più maturo a questo genere, approccio più solido di semplici riferimenti agli esperti più truculenti di alcune pubblicazioni.

Dylan diviene così un fumetto più completo, con tutti i suoi riferimenti ad altri campi, diviene un “personaggio da 300.000 copie” grazie alla benevolenza dei lettori che preferiscono, si interessano, o semplicemente ricordano che l’orrore, è quello che ad esso è legato, è una componente del, come dicevamo prima, essere umano.

Accade però che siano necessari altri motivi, individuabili in D. stesso, cioè nelle sue caratteristiche, per riuscire a trasformare, ad accrescerne il ruolo di eroe di carta e avvicinarlo a chi, fra i lettori, è così aperto da tenerle in conto. Ecco che la sua capacità di sdrammatizzazione con l’ironia, di sgonfiare tutto e tutti, i suoi complessi (non vorremmo pensare ai suoi amplessi), i suoi valori e il conseguente rispetto per determinati sentimenti, primi fra tutti l’amore e l’amicizia, tutte caratteristiche del personaggio di Sclavi che, unite al modo con il quale quest’ultimo ci propone tali caratteristiche (all’interno di una grande articolazione della trama, di una presenza perenne di situazioni comiche e di tensione, intorno a riferimenti ironici e omaggi a personaggi, reali e non, che non hanno niente a che vedere con la serie); ecco che, dicevamo, si dà forma a un fumetto di ampio spessore che riesce ad accompagnare momenti anche diversi della sola lettura.

Non vorremmo aver dato vita a un ritratto troppo enfatico, ma è dal respiro di un personaggio che ne deriva il successo e probabili influenze sul resto dell’ambito in cui il personaggio agisce. Il legame fra la rinascita del fumetto in Italia e il contributo di DyD a essa sta, forse, proprio in questo, nel fatto cioè che Dylan si è inserito sì in una congiuntura, evidentemente favorevole, ma della quale esso ne rappresenta l’esempio più significativo, una sorta di causa ed effetto, in ogni caso un indiscusso emblema e le sue caratteristiche (che abbiamo tentato di evidenziare) permettono di spiegare non soltanto i record di vendita, o per lo meno l’attenzione di cui è oggetto, ma, in primo luogo, il fascino del fumetto in genere. Fascino che sarà sempre alla base di ogni futura rinascita e riconsacrazione.

Salvatore Bucca

Auguri, in ritardo, a un personaggio e al suo autore: Martin Mystere e Alfredo Castelli.

Dopo l’originalità con la quale Martin svela il segreto che sta dietro l’indefinibile sorriso della Gioconda[1] e il successivo omaggio a Hitchcock e Lovecraft[2], le storie seguenti il centesimo numero vedono il detective dell’impossibile, prima impegnato in Israele (ancora non in guerra fortunatamente) in una vicenda che, incentrata sull’Arca dell’Alleanza e sulle figure di Mosè e Aronne[3], presenta dei riferimenti con un’avventura con Mister No, dando vita a un collegamento tra gli albi della Bonelli, collegamento che con M.M. era iniziato quando, in un vecchio episodio, questi incontra proprio Mister No, ormai appesantito dagli anni e dai guai[4].

Il nostro eroe poi viene alle prese con un fenomeno tanto normale quanto tuttora misterioso come quello dei sogni[5], riuscendo a unire le fila di diversi temi cari ai suoi lettori: il ritorno del diabolico M.Jinx, l’accenno al passato e alla morte dei genitori di M., soprattutto riprende quei temi già trattati nelle brevi storie apparse sulla rivista COMIC ART[6], storie piacevoli, a colori, disegnate da Alessandrini ma appunto, ahinoi, brevi.

Tutti questi contenuti rimandano a delle considerazioni, tanto più necessarie in quanto si inseriscono all’interno di due avvenimenti che anche noi, naturalmente in ritardo, vogliamo festeggiare: la quasi contemporaneità fra il raggiungimento della soglia dei cento numeri per M., tappa fondamentale per un albo in genere e per quelli bonelliani in particolare e il venticinquesimo anno di attività del suo autore, Alfredo Castelli.

Entrambi quindi, giungono a dei traguardi importanti e mentre Castelli festeggia le sue nozze d’argento con il fumetto, il detective dell’impossibile (uno dei “figli” più riusciti di queste nozze) supera brillantemente il centesimo mese di vita.

Traguardi importanti, fondamentali dicevamo, i quali mostrano appieno le capacità di Castelli ma soprattutto evidenziano il posto rilevante che egli occupa nel panorama del fumetto italiano e il grande contributo fornito alla delineazione, alla caratterizzazione di tale panorama. Tutte le riviste specializzate, e non, poteva essere altrimenti, hanno parlato di Alfredo Castelli, ne hanno tracciato i momenti di una lunga carriera[7] e tratto analoghe conclusioni.

Di questi momenti, senza dubbio, l’incontro con M. rappresenta un passo rilevante, quasi una svolta, magari perché con M.M. Castelli si è fatto conoscere (e apprezzare) dalla grande massa dei lettori dei fumetti “popolari” che in Italia si identificano quasi totalmente con gli albi Bonelli. Ed è grazie al fumetto “popolare” che Castelli ha potuto rivelare, anche se sarebbe meglio dire confermare, le sue qualità e al tempo stesso far risaltare quella più importante ed evidente, cioè la forte carica innovativa, la ricerca di soluzioni, di aspetti che rompono con il tradizionale che aprono a nuove possibilità. Proprio quello che è avvenuto con la Bonelli Ed., dove i cambiamenti, le innovazioni, avvengono (o avvenivano) con i piedi di piombo e a passo di lumaca.

M.M. invece ha rappresentato, e rappresenta tuttora, una specie di battistrada, di fucina per nuovi modelli[8]: se Martin infatti è stato il primo dei bonelli brothers a venir fuori dall’ottocento americano è stato anche il primo ad apparire, con una breve ma esauriente e bellissima storia, su una rivista specializzata[9], accompagnata (la storia) da un dettagliato servizio il quale si addentrava nei segreti e nei retroscena del personaggio, realizzando così un modo nuovo per proporre, per lanciare quest’ultimo, mettendosi al passo con le esigenze di pubblicità, esigenze molto più complesse dei metodi tradizionali; come non ricordare poi che M. ha dato il via, se non formalmente almeno concretamente, alla nascita degli albi fuori serie[10], i cosiddetti speciali estivi, con libriccino aggiunto che poi sono stati “copiati” da tutti gli altri personaggi; e come non pensare al fatto che proprio da queste pubblicazioni è venuta una spinta notevole verso la ricerca di nuove proposte, come potrebbe essere il “librone” di Tex, affidato a diversi maestri del disegno. Infine proprio Martin ha tracciato la via del possibile collegamento tra diversi personaggi[11] (fra tutte le novità forse quella più appetita dai lettori) e che, iniziata come abbiamo detto con un incontro tra Martin e Mister No, ha trovato il punto culminante in una visita del primo a Londra, dal suo amico Dylan Dog[12].

Insomma M. si è trasformato in scienziato e laboratorio, in ricercatore e cavia di nuove idee, nuove posizioni, di diverse possibilità. Necessarie, vista la stasi che attanagliava il fumetto agli inizi del decennio scorso; valide, visti i risultati raggiunti e soprattutto piacevoli, visto la presenza di M. in riviste, esaurienti monografie, albi clonati[13] etc., tutte cose proliferate in questo periodo, in cui si è sentito parlare anche di una prossima presenza del nostro eroe sul piccolo schermo.

I 25 anni di attività di Castelli, i 100 numeri di M.M. sono quindi tappe fondamentali, accompagnate però dall’augurio che siano, in primo luogo, punti di partenza futuri anniversari.

Salvatore Bucca

È arrivata la bufera…

Dopo tanto tempo è arrivata una rivista che darà nei prossimi mesi uno scossone a un mercato da troppo tempo in stasi, le varie COMIC ART, ETERNAUTA e CORTO MALTESE saranno costrette a migliorarsi di fronte a questa nuova pubblicazione, e alla prossima NOVA EXPRESS. Vedremo nel corso dell’anno lo sviluppo di queste riviste.

Torpedo (sotto potete vedere la copertina del n. 1, NdR), è una rivista nuova ideata da tre persone famose esperte del panorama fumettistico: Roberto Dal Prà, Carlos Trillo e Gustavo Trigo, la casa editrice è la ACME.

L’idea di base era quella di creare una rivista nuova di fumetti duri, neri, cinici e ironici, descrizione che calzava perfettamente con il Torpedo di Abuli e Bernet, che tante volte abbiamo ammirato sulle pagine dell’Eternauta prima e Comic Art poi, e possiamo dire senza trionfalismi che i “nostri” sono riusciti nel loro intento.

Le storie presentate sono sette, di cui 5 auto conclusive, gli autori che le presentano sono abbastanza conosciuti, come Dal Prà e Alessandrini che ci presentano “L’uomo di Mosca”: storia abbastanza avvincente di un detective moscovita molto dedito alla sua professione che cerca di svelare un caso molto intricato, le cui indagini vengono insabbiate perché vi sono coinvolte persone altolocate.

Molto gradevole nella lettura e con un segno abbastanza pulito, per un autore che finora è stato sempre collegato a Martin Mystere; penso che abbia fatto intravedere le sue enormi possibilità legate al suo segno anche fuori dal formato tipicamente popolare.

Oltre a questo troviamo: Privato di A. Font e Cristina di J. Martin, qui le storie diventano di una realtà sconcertante e crude, queste storie di Martin fanno parte di un ciclo chiamato “I fiori sull’asfalto”. Sicuramente un autore da seguire.

Alex Magnum di Abuli e Genies, mi sembra un fumetto abbastanza irrilevante rispetto agli altri: la storia ambientata in un futuro alla Robocop è abbastanza insipida e povera di avvenimenti e nelle otto tavole non si riesce a entrare in sintonia con il mondo depravato che ci si vorrebbe presentare.

Torpedo e Missipipi River di Abuli e Berbet, con le situazioni assurde con cui i due autori ci hanno abituato in questi anni. Per ultimo troviamo la prima parte di Jordan, dei francesi Makyo e Rossi dal segno che sembra un po’ grezzo, ma con una storia che si preannuncia intrigante, anche se ancora non è entrata nel vivo.

I servizi informativi sugli autori e sui fumetti presentati sono buoni e inoltre dal n. 3 si preannuncia la presentazione di Hard Boiled di Miller e Darrow (fumetto a colori che sta uscendo in questo periodo negli Usa per la DARK HORSE), che dovrebbe essere appassionante.

Il secondo numero di questa rivista conferma i punti salienti espressi nel primo, in quanto i personaggi presentati sono gli stessi a parte la mancanza di Font.

Così come il primo numero di Alex Magnum si presenta insipido: questa volta va a trovare un carcerato arrestato in precedenza da lui e mentre lo osserva ha un flashback delle circostanze della cattura: in pratica Alex era braccato da questo criminale e rifugiatosi in una casa abbandonata si salva perché il malvagio di turno rimane semifulminato grazie a un fortuito espediente del nostro. Ora che lo va a trovare, lo fa infuriare e questo si getta contro di lui solo per finire contro la rete elettrificata, non avendo imparato la lezione.

Oltre alla parte dedicata ai fumetti troviamo come nel primo numero, la rubrica “Black Mask” (nel n.1 aveva presentato una retrospettiva dedicata all’omonima rivista americana nata negli anni trenta) e un’intervista alla scrittrice, e fondatrice della casa editrice INTERNO GIALLO, Laura Grimaldi.

Non perdetevi questi primi due numeri e tutti gli altri di una rivista che non mancherà di stupirvi.

Maurizio Pustianaz

MANGA PUBBLICATO IN ITALIA

Ricomincio da Zero.

Dopo molto tempo di assenza dal mercato italiano il fumetto giapponese rifà capolino con questa nuova pubblicazione (alla fine degli anni ’70 aveva visto la pubblicazione il fumetto di Go NagaiIl grande Mazinga”, mentre Goldrake che usciva allora era fatto in Italia per fare il verso ai cartoni animati), e per fortuna il progetto, degno di ogni attenzione, è curato da un’equipe di tutto rispetto ovverosia dalle stesse persone che curavano MANGAZINE (che ha visto la chiusura visto che è confluita in Zero).

Analizziamo questi primi numeri: il primo, vede due ospiti molto graditi: il Ken Shiro già visto nei cartoni andati in onda su Junior Tv e una novità per il pubblico italiano “Xenon” di Masaomi Kanzaki.

Il primo uscì in Giappone nell’83 e il secondo nell’87: i due si contraddistinguono abbastanza rispetto al panorama fumettistico finora frequentato dalle riviste italiane, sia per lo stile narrativo che per quello del disegno in cui la violenza e l’azione sono padroni.

I protagonisti sono quasi sempre ragazzi in un certo modo diversi dagli altri: nel primo caso Ken è il detentore insieme a Shin (che però comparirà più avanti) della segreta via della sacra scuola di Hokuto; naturalmente i due rappresentano due lati della stessa scuola e quindi c’è una continua lotta fra loro anche se ciò avviene più sul lato psicologico che su quello fisico.

Per questo molte volte Kensi può vedere come spettatore imponente rispetto ai poteri che detiene: ciò che fa, lo fa perché deve e non perché vuole. In ogni caso vedrete da soli come si evolveranno le vicende dell’uomo dalle sette stelle che vive in un mondo dilaniato dalle conseguenze della guerra nucleare del 1998.

Credo, però, che molti lettori di FUMETTOMANIA conoscano già questo personaggio e gli effetti esplosivi dei suoi colpi.

Xenon si colloca nella scia della nuova ondata del fumetto nipponico, questo sia nello stile del disegno (molto diverso dallo stile di Ken) ricco di uso dei retini e di sequenze di azione serrate, così come per la narrazione lenta e intrigante fatta in modo da poter intrecciare meglio i personaggi fra loro e metterli in perfetta correlazione con l’ambiente in cui vivono.

Infatti la vicenda non entra subito nel vivo, ma inizia dando i particolari dei fatti paralleli che serviranno a spiegare i perché della vicenda. Così si inizia ad apprendere che un volo aereo è sparito, esploso nel nulla e che l’unico superstite è un ragazzo che si trova a vagare senza meta in uno stato di amnesia per la città. Naturalmente questo ragazzo ha qualcosa di speciale, e come lui ce ne sono molti altri: si, ma quanti?

Non dico di più in modo che abbiate la pulce nell’orecchio e che richiediate presso la vostra libreria di fiducia, questo piccolo gioiellino per la modesta cifra di lire 3500, per un centinaio di pagine.

Prossimamente usciranno degli speciali di Zero in cui verranno stampati i manga con numero di pagine eccessivo per la rivista. Il primo sarà Crying freeman di Ryoichi Ikegami (già disegnatore di quel capolavoro di Mai, che tra l’altro spero che venga pubblicato al più presto) e di Kazuo Koike autore di LONE WOLF AN CUB.

Supportate questa pubblicazione e sono certo che sarete sempre più soddisfatti del materiale che sarà presentato.

Maurizio Pustianaz

FUMETTI USA PUBBLICATI IN ITALIA

Born Again.

Per molti anni Matt Murdock, alias Devil, ha rappresentato un personaggio atipico dell’universo supereroistico. Cieco per “colpa di un isotopo radioattivo” è diventato uno dei vigilantes più interessanti della Marvel, ha sempre vissuto in bilico tra la disperazione, di colui che ha un handicap (la cecità) e la sprezzante capacità di un fisico atletico dedito alla guerra contro il crimine.

Più volte abbiamo letto e ammirato i risvolti sociali e umani di questo eroe “metropolitano”. Grazie alle capacità non solo grafiche di Frank Miller, il personaggio ha subito una ulteriore trasformazione, con ambientazioni più violente più noir.

L’uomo senza paura è diventato un paranoico, una vittima del crimine, che gli ha tolto prima l’amore (Elektra), poi la sua dignità morale (vedi Kingpin), il lavoro (Kingpin) e gli amici (ancora Kingpin). Miller, con la saga Born Again, cosa combina? Trasforma Devil e con lui ci fa intravedere la trasformazione del nostro mondo alla soglia del 2000.

Anche il taglio grafico è trasformato grazie alle capacità figurative di David Mazzucchelli, un talento ben riconoscibile. Non possiamo che applaudire e conservare con piacere quest’opera nella nostra biblioteca. Chi ancora non conoscesse la saga di “Born Again”, la vada a leggere dal n. 37 della testata “I Fantastici Quattro” , edizioni Star Comics (la copertina dell’albo è qui di lato, NdR).

Mario Benenati


NOTE AGLI ARTICOLI

[1] Martin Mystere n°101 “Il sorriso venuto dal passato” agosto 1990.

[2] M.M. n° 103 “Necronomicon” ottobre 1990.

[3] M.M. n°104 “Un uomo chiamato Mhosis” novembre 1990.

[4] M.M. n°2 “La vendetta di Ra” di Castelli e Alessandrini, DAIM PRESS Ed. Maggio 1982.

[5] M.M. n° 106 “L’Arca ritrovata” gennaio 1991.

[6] Comic Art n°71 settembre 1990.

[7] Alfredo Castelli, inizia la carriera di autore con un personaggio il cui nome la dice lunga sulle sue capacità: Scheletrino. A parte gli scherzi (in qualche maniera si deve pure iniziare) Castelli si rifà un anno dopo quando dà vita alla prima fanzine (COMIC CLUB 104, il titolo) italiana, siamo nel 1966.

Lavora per diverse case editrici realizzando storie per molteplici personaggi come, citiamo alla rinfusa, Rocky Rider, Cucciolo, Il nipote di Maciste, Pedrito el Ditro. Dalle sorelle Giussani realizza alcune storie di Diabolik e crea, significativamente, l’altra faccia del genere nero (allora in auge): Diabolik. Sul Corriere dei Piccoli un Alfredo redattore propone Zio Boris, L’Ombra, L’omino Bufo, Gli Aristocratici.

Sempre negli anni 70 dà il via alla realizzazione della prima rivista dell’orrore italiana, chiamata semplicemente Horror. Arriva alla Bonelli dove prepara alcuni episodi di Zagor e di Mister No (che poi verrà ricordato in M.M.) e, nel 1982, esce appunto Martin Mystere, con le conseguenze che sappiamo.

Si fa ammirare infine, nel 1984, assieme a Silver e a Lupo Alberto per gli ultimi e mitici numeri di Eureka. Dimenticavamo, qualche annetto dopo dà vita alla famigerata caricatura di Tiziano Sclavi ormai parte integrante del suo curriculum.

[8] È doveroso considerare l’importante opera in tal senso svolta da Berardi e Milazzo con il loro Ken Parker.

[9] Orient Express n°13, L’ISOLA RITROVATA ED., agosto 1983.

[10] Ufficialmente il primo albo fuori serie della S.B.E. (che allora non si chiamava così) può essere considerato “Cico Story” del giugno 1979, dedicato proprio a Cico il co-protagonista della serie Zagor.

[11] Anche qui bisogna ricordare che già Ken Parker n°15 “Uomini, bestie ed eroi” del settembre 1978 vengono ironicamente inseriti tutti gli altri personaggi western ma si tratta appunto, di un ironico (e delicato) omaggio.

[12] Dylan Dog e Martin Mystere “Ultima fermata: l’incubo” di Castelli (con la collaborazione di Sclavi) e Freghieri, S.B.E. ottobre 1990.

[13] M.M. “La macchina della follia” n°107 bis di Medda-Serra-Vigna e Bastianoni febbraio 1991.


L’INTERO NUMERO DUE DI FUMETTOMANIA

FM#2 – COPERTINA – Aprile 1991

LO POTETE VISUALIZZARE E SCARICARE DAL SITO DALL’APP HyperComix


NOTE EXTRA

FUMETTOMANIA INDEX 1990 -2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.