Banner del progetto 2020-01-02: isaac asimov. concesso gratuitamente dalla STEREOTOMY - The Alan Parsons Project Tribute Band
L’immagine, del banner di questo SPECIALE è stata realizzata da Silvano Beltramo, e ci è stata concessa gratuitamente dalla STEREOTOMY – The Alan Parsons Project Tribute Band, che ringraziamo.

2020-01-02: Centenario dalla nascita ISAAC ASIMOV
– NONA PUNTATA –

Oggi ospitiamo due artisti molto talentuosi ed entrambi già collaboratori di Fumettomania: Maurizio Gemelli artista poliedrico di Messina, che mancava da queste pagine da giugno 2019; e lo scrittore (e disegnatore nonché socio della nostra Associazione) Antonio Barreca, che invece aveva già partecipato allo speciale su Edgar A. Poe.
Sono loro i protagonisti del nuovo appuntamento, con lo SPECIALE dedicato al centenario dalla nascita di ISAAC ASIMOV (indimenticato scrittore e scienziato russo, naturalizzato statunitense, scomparso nel 1992).

Mario Benenati, ideatore dei progetti culturali di Fumettomania Factory


CYBERBITCH:

La prostituzione legata al futuro della robotica

di Maurizio GEMELLI

Ecco la mia illustrazione legata ad Isaac Asimov.
Il titolo è CyberBitch: La prostituzione legata al futuro della robotica

Mentre si va a letto col robot si può tranquillamente sentire il rumore di una Harley Davidson con il classico motore “El diablo” della marca di moto. E’ come fare due cose contemporaneamente, per la gioia di chi non ha mai abbastanza tempo e non vuole sprecare un minuto della propria vita (ma anche 20… suvvia). Ho tratto ispirazione dal Metal, Cyberpunk, manga e ovviamente dal mondo dei Robot di Asimov.

TECNICA

Tecnicamente parlando l’ho fatto a matita con parti in china.
La modella è in parte inventata, alcune references le ho prese  nei posti più ignobili di internet.

BIOGRAFIA/BIOGRAPHY

Maurizio Gemelli è nato e vive a Messina.
La propensione per il disegno e la pittura si manifesta già in tenera età fino ad orientare la sua formazione negli anni a venire.
Decide di affinare la propria attitudine alle discipline figurative presso l’Istituto Europeo di Design di Roma, dove  consegue il Diploma di Illustratore nel 1999 con punteggio di 110 su 110, con una tesi di computer grafica 3D, scaturita da una fruttuosa collaborazione con l’Università di Tor Vergata nell’ambito di una ricerca sperimentale sulla impostazione grafica dei siti Internet.
La passione per l’arte si accompagna costantemente ad uno spiccato interesse per la grafica virtuale: al 2001 risale infatti la pubblicazione del videogioco Land of Genesis per la società inglese Clearwater Interactive, di cui cura la programmazione e la grafica.
Si occupa della pubblicazione di videogiochi con la mansione di Lead Artist anche per le società americane Clickboom e Cinemaware.

Nel 2005 fonda la società di computer grafica Dead Graphic Society, in cui svolge la mansione di Grafico 3D e Lead Artist.
Lavora intanto come illustratore per Clearwater, Apc/Tcp, Synsoniq, NFM productions, oltre a creare storyboards e fumetti come disegnatore, sceneggiatore e colorista.
Negli ultimi anni ha intrapreso a tempo pieno la carriera di pittore partecipando e organizzando mostre.

Attualmente co-fondatore della Cooperativa Mondo Sostenibile, continua  a  fare dell’arte il suo principale canale espressivo ed individua in Caravaggio e Norman Rockwell i suoi modelli illustri.
Come Matte painter artist ha lavorato per 22 Dogs, Sky tv, Enel, Millenium media, Vendian; creando matte paintings per spot Tv e film internazionali come “Day of the dead bloodline” e “Under the Silver lake

Il suo sito è: mauriziogemelli.com


RITRATTO DI ISAAC ASIMOV

ANTONIO BARRECA

TECNICA USATA

La tecnica usata è china e colorazione digitale.

Biografia Autore

Antonio Barreca nasce a Milazzo (Me) il 06/09/1979.
Consegue un diploma tecnico di geometra e parallelamente alla sua professione, coltiva la passione per la scrittura e il disegno artistico.

Nel dicembre 2015 esordisce sulla piattaforma Amazon Kindle Direct Publishing, pubblicando la silloge poetica “Il severo monito degli angeli silenti”.
Nel giugno del 2015 pubblica l’antologia di racconti “Il sorriso dell’arcana regina” (Edizioni Montag).
Dopo una lunga gestazione, nel luglio del 2016 viene pubblicato il primo romanzo “Le imprescindibili trame del destino”, disponibile in formato digitale e cartaceo su Amazon Kindle Direct Publishing.

Nell’agosto del 2017, a due anni dall’uscita della prima silloge, pubblica ancora con Amazon “Malinconica rapsodia dei perdenti”, opera che raccoglie poesie composte in età adolescenziale e che rappresenta l’ideale seguito dell’antologia di versi che la precede.

Nel gennaio 2018, pubblica l’antologia di racconti d’ambientazione siciliana “Profumo di zagara” (ZeroUnoUndici Edizioni).
Sempre per ZeroUnoUndici Edizioni, il 29 marzo 2019 pubblica il romanzo western “Riverberi di Luna Comanche”.


GLI ALTRI ARTICOLI DI QUESTO SPECIALE SU ASIMOV SONO:


https://www.fumettomaniafactory.net/2020-01-02-speciale-isaaac-asimov-a-100-anni-dalla-sua-nascita-primo-nuovo-progetto-per-il-2020/

VERSIONE INGLESE DELL’ARTICOLO DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

https://www.fumettomaniafactory.net/2019/06/24/2020-01-02-special-isaaac-asimov-english-version/


BREVE BIOGRAFIA DI ISAAC ASIMOV

Scrittore e scienziato russo, naturalizzato statunitense

foto di Isaac Asimov

Introduzione (Biografia, scaricata da https://biografieonline.it/, che si ringazia

Isaac Asimov nasce il 2 gennaio 1920 a Petrovichi, vicino a Smolensk, in Unione Sovietica. Nel 1923 la famiglia si trasferisce negli States, a New York, dove in seguito Isaac compirà gli studi.

Le doti straordinarie del bambino prodigio emergono da subito. Basti pensare, ad esempio, che a soli cinque anni impara a leggere da solo (quasi come Leopardi) e che da quel momento in poi non smetterà più di leggere libri e di studiare.

Leggendarie, in questo senso, sono le sue frequentazioni assidue alle biblioteche nazionali, sua unica fonte di “sostentamento” intellettivo nei primi anni della sua vita e per molto tempo ancora, poi. La passione per la fantascienza lo contagia nel 1929 quando nel negozio del padre (a quei tempi i candy stores americani non vendevano soltanto dolciumi, ma anche giornali e riviste) scopre le riviste di “Science Fiction”, di cui diviene subito un assiduo lettore.

Le promesse vengono ampiamente mantenute e il padre non potrà che essere orgoglioso di un figlio che prima si laurea in Chimica alla Columbia University di New York, (Bachelor of Science Degree, 1939) e che poi, non contento, si laurea anche in Filosofia (Master of Arts, 1941).

Dopo l’entrata in guerra degli USA, Isaac Asimov lavora come chimico presso la U.S. Navy Yard a Philadelphia. Tra il 1949 e il 1958 è professore alla Boston University School of Medicine.

Successivamente, grazie al successo delle sue opere, abbandona l’attività accademica e diventa uno scrittore a tempo pieno, dando così vita alla sua produzione sterminata, frutto della sua vena che definire prolifica sarebbe davvero riduttivo.

Di fatto Isaac Asimov è unanimamente considerato uno dei maggiori scrittori di fantascienza di tutti i tempi. La sua fortuna è dovuta al felice connubio tra invenzione letteraria e verità scientifica che riesce a rendere i suoi libri verosimili e fantastici insieme, veri specchi di un futuro possibile. Nell’ambiente letterario è nota la sua fine vena satirica e ironica, che si può riscontrare anche in alcune sue opere, soprattutto nelle prefazioni.

Conosciutissimi, in Italia come nel resto del pianeta, sono, tra i libri di Asimov, quelli appartenenti

al ciclo sul futuro della robotica (Io, Robot; Il secondo libro dei Robot) e al ciclo di “Foundation” (tradotti con i titoli di “Cronache della galassia”, “Il crollo della galassia centrale” e “L’altra faccia della spirale”).

Isaac Asimov muore il 6 aprile 1992 in seguito a delle complicazioni nel sistema cardiovascolare, gettando nello sconcerto migliaia di appassionati in tutto il mondo.

Nel 2002, la seconda moglie, Janet Jeppson, rivela che la morte di Asimov era stata provocata dall’Aids, malattia che aveva contratto nel 1983 durante una trasfusione di sangue. Non sarebbe stato lo scrittore a voler mantenere il segreto, quanto più probabilmente l’ospedale, per evitare uno scandalo.

RINGRAZIAMENTI

L’immagine, del banner proposto per la promozione del progetto è stata realizzata da Silvano Beltramo, e ci è stata concessa gratuitamente dalla STEREOTOMY – The Alan Parsons Project Tribute Band, che ringraziamo, e della quale proponiamo la LOCANDINA del loro spettacolo dedicato ad Asimov ed una breve BIOGRAFIA.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.