Ottobre è un mese speciale per noi di Fumettomania, si avviano i nuovi progetti nelle scuole e si seguono le varie fiere che ci conducono (a fine ottobre) a Lucca Comics&Games. Quest’anno Fiere non ce ne saranno, sia il LICAF (ci siamo stati l’anno scorso) che Lucca Comics&Games saranno virtuali, ed il progetto nelle scuole sta per essere presentato.

Nel frattempo che aspettiamo nuovi momenti di incontro con gli artisti e con gli studenti ecco Filippo Marzo con un’altra bella intervista ad un altro stupefacente autore di fumetti americano: Denys Cowan, che durante l’intervista afferma che “Le idee per le storie vengono da ogni parte”.
E’ un onore ospitare questo autore nelle nostre pagine web.

Mario Benenati, curatore di Fumettomania Web Magazine


DAL NOSTRO INVIATO A MONTERREY (MESSICO):

banner introduttivo con  DENYS COWAN e Filippo Marzo

Quattro chiacchiere con DENYS COWAN

di Filippo Marzo e Vanessa Molina

Filippo Marzo: Amici di Comics Reporter e Fumettomania, l’ospite di oggi è il disegnatore americano Denys Cowan, lo ricordiamo per i suoi lavori per la DC comics e per la Marvel.

autoritratto-disegnato-di-denys-cowan

FM: La prima domanda riguarda la tua run di The Question? Una serie amata e molto apprezzato dal pubblico, scritta da Dennis O’Neil, recentemente scomparso, puoi raccontarci qualche ricordo di quella serie?

Denys Cowan: Ho lavorato con Dennis O’Neil prima della Marvel, in realtà, su un titolo chiamato “Power Man“, fu il mio primo editor ed ero un artista molto giovane, e mi ha dato del filo da torcere, perché ero terribile, ero sempre in ritardo, ero pieno di entusiasmo, ma non seguivo molto le cose. Povero Dennis che aveva a che fare con un giovanissimo Denys Cowan all’epoca.

Tre o quattro anni dopo, Dick Giordano mi ha offerto The Question? alla DC Comics, ho detto di sì e lui mi ha letteralmente portato in un altro ufficio, ha aperto la porta e ha detto “ecco il tuo scrittore” e ho pensato “Oh mio Dio”, pensavo di essere scappato da questo tipo di lavoro e invece no, l’ho rifatto. Fortunatamente, è stata un’esperienza difficile ma gratificante lavorare a The Question? con Dennis. Ho imparato molto ed è stato artefice della mia carriera.

Cover del comics hardware #1

FM: Perfetto. Cominciamo con le domande che ci pone il pubblico. Partiamo dalla domanda di Kevin Ingol, che ti chiede: “Denys, cosa consiglieresti ai giovani artisti che vogliono lanciarsi sul mercato, che vogliono iniziare con una nuova produzione a fumetti?”

DC: Fallo e basta. Non ci sono restrizioni su come puoi fare qualcosa al giorno d’oggi a mano o al computer, disegnare sul computer usando le foto… fare quello che vuoi fare, purché metti insieme le foto in sequenza e racconti una storia che trovi soddisfacente.

Se vuoi diventare un fumettista, il mio consiglio è di studiare la narrazione. Non solo le belle immagini, ma come raccontare una storia. E per farlo dovrai andare a cercare tra i narratori più esperti, Gil Kane, John Buscema, le persone che hanno potuto raccontare una storia in modo solido, perché quelle abilità non passano mai di moda. Ma se ti manca la capacità di raccontare una storia, o se non puoi, non sarai in grado di fare molto, perché questo è il nostro lavoro. Quindi il mio consiglio sarebbe quello di studiare al meglio che puoi, studiare i vecchi stili, imparare dal tuo mestiere e se vuoi solo fare fumetti, prendi letteralmente carta e matita e inizia a disegnare.

Ho un figlio di 11 anni che disegna da quando aveva 5 anni, mi ha sempre superato, non penso che dovresti fare a gara con tuo figlio, ma sì, mi supera, perché prende solo un foglio di carta e inizia a disegnare. Io pianifico, prendo le foto, ottengo i miei riferimenti, devo avere lo storyboard, l’ambiente deve essere giusto, le stelle devono essere allineate, tutto deve essere a posto … lui disegna solo, quindi il mio consiglio sarebbe: inizia a farlo e basta!

Alcuni super eroi di colore, rappresentati da Denys Cowan

FM: Hai co-creato l’universo Milestone pubblicato dalla DC, quando crei i tuoi eroi, quanto gli eventi, i problemi socio-politici, influenzano la creazione dei tuoi personaggi?

DC: È una domanda complessa. Le idee per le storie vengono da ogni parte. La formazione di Milestone è stata essa stessa un atto politico. Eravamo io, Derek Dingle, Michael Davis e Dwayne McDuffie, e un ragazzo di nome Christopher Priest, fin dall’inizio. Eravamo quattro ragazzi neri nel campo dei fumetti, che ci riunivamo per fare fumetti. È stato un atto politico. Il tipo di storie raccontate con Milestone non erano apertamente politiche, raccontavamo solo storie interessanti, ma intrinsecamente, invece, erano politiche per quello che stavamo cercando di fare e l’atmosfera che stavamo cercando di creare.

Milestone è stato creato negli anni ’90, quando c’è stata una vera rinascita di afro-americani nel mondo dello spettacolo e in tutti i campi dell’industria, della letteratura dell’intrattenimento, ovunque. Quindi, erano i tempi di Spike Lee e John Singleton, con “Boys in the Hood, Reggie Hudlin aveva fatto “House Party” e ci siamo trovati nello stesso gruppo, c’era Public Enemy, eravamo così.

Cover di batman: gotham nights

Milestone era saldamente allineato con quei registi e rapper neri, artisti hip hop e con quella cultura. Quindi tutti quelli erano atti politici, per esteso. Eravamo con quelle storie, l’arte e tutto il resto. Ci sono state altre cose nella mia vita e nei miei disegni che non erano politiche. Non credo che nessuna storia di Batman sia stata un atto politico o una protesta, non era “Black Lives Matter” per Batman. The Question?, era un altro albo che Dennis O’Neil ha fatto, era un fumetto sulla politica ma in un modo completamente diverso, parlava di questioni politiche nella città, ma non era come Milestone. Ho fatto entrambe le cose, ma Milestone lo era davvero, e come ha detto la persona che ha fatto la domanda, era un atto politico, era un atto sociale e significava molte cose, fatte tutte di proposito.

Cover dell'album Genius di GZA

FM: Parlaci del tuo rapporto con la musica. Ti ricordiamo per la mini serie sul cantante Prince con la tua collaborazione con GZA dei Wu-Tang Clan.

DC: Sono un grande fan della musica, sono un musicista terribile, ma apprezzo i buoni artisti e la buona musica, forse li apprezzo più dei fumettisti, è una cosa molto brutta da dire ma alcuni fumettisti mi hanno deluso e la musica non lo ha mai fatto.

Il graphic novel che ho fatto su Prince, intitolato Alter Ego (Piranha Press Ndr) realizzato insieme a Dwayne McDuffie. Abbiamo saputo che Prince voleva fare un fumetto e che stava cercando di farlo con la DC Comics. Non so se me lo abbia chiesto specificatamente lui, ma DC mi ha chiesto se fossi interessato a farlo, quindi ho fatto un disegno di Prince, del Prince di allora, con un muro di graffiti sullo sfondo, quindi l’ho disegnato e l’hanno inviato al cantante, lui ha approvato e ha detto “quel ragazzo sta facendo un fumetto, wow!” Quindi io e Dwayne abbiamo realizzato il volume e Prince stava dando il suo benestare in ogni fase. Non avevamo molti contenuti, non è che mi chiamasse tutti i giorni o che avessi conversazioni con lui, siamo onesti, ma se gli avessi mandato il lavoro, e se non gli fosse piaciuto, lo avremmo saputo, quindi lui ha dato l’ok e gli è piaciuto… Ed è così che ho capito che gli era piaceva davvero.

Cover del fumetto su PRINCE

Dopo aver fatto il volume, una o due settimane dopo averlo fatto … vivevamo tutti a Manhattan, abbiamo ricevuto una chiamata dal manager di Prince e ci hanno invitato a un concerto che stava per dare il cantante, nel bel mezzo del pomeriggio, in un piccolo club per studenti delle scuole superiori, nessuno lo sapeva, era come un piccolo concerto, venivano i ragazzi svantaggiati delle scuole superiori e avevamo accesso alla prima fila, quindi ho guardato il palco e io avevo il Prince ad un metro di distanza da me, infatti stavano registrando il concerto. Ero affascinato e pensavo di non poter credere di essere di fronte a Prince, ho appena realizzato il suo fumetto, sa chi sono? Mi sta vedendo? Beh, probabilmente non stava facendo niente di tutto ciò, ma ero lì, è stato molto divertente.

doppia-pagina-tratta-dal-fumetto-su Prince

Con GZA, è stata un’esperienza interessante, la casa discografica ha contattato il mio studio in quel momento e mi hanno chiesto se ero interessato a fare qualcosa per loro, avevamo fatto alcune cose della Milestone, quindi ci conoscevano, e ho detto ovviamente di sì. Dopo che GZA e il suo manager sono venuti allo studio, ci siamo seduti e abbiamo iniziato a parlare di quello che voleva, ho preso tutti gli appunti e una settimana dopo è tornato, avevo fatto diversi schizzi a matita, con linee molto spesse, li ha visti e ha detto: “Sono fantastici “, ho detto ok, li finirò e saranno migliori, e lui dice” no, li useremo “e io ho detto: cosa? E lui risponde:” no, useremo questi disegni che hai fatto, sono fantastici”… gli ho detto che quelli erano gli schizzi che ho fatto per mostrare come sarebbero stati i veri disegni, e lui ha detto: “non mi interessa, questi sono i disegni “quindi tutto ciò che vedete nell’album, tranne la copertina, sono schizzi che nessuno avrebbe dovuto vedere. doveva pubblicamente.

L’album è uscito e io ero molto imbarazzato per la mia pessima arte, e da quando uscí quell’album, 20 anni fa o non lo so, tutti si congratulano con me, “è la migliore copertina e gli interni, sono fantastici” e penso che forse non so più cosa sia giusto o sbagliato (risate Ndr). Ma quelle sono le due storie, dalla copertina dell’album e dal fumetto di Prince. Ho ottenuto un disco d’oro dal disco GZA dalla casa discografica, sono probabilmente uno dei pochi artisti di fumetti che ha un disco d’oro nel loro salotto. È geniale!

FM: Conosciamo tutti la tua collaborazione con l’artista Bill Sienkiewicz che in seguito è diventata un’amicizia. Puoi raccontarci come è iniziato il tuo rapporto con lui?

DC: È iniziato nei primi anni ’80, nell’83 o nell’82, avevo 16, 17 o qualcosa del genere, ed ero seduto nella hall, in attesa di un artista con cui stavo lavorando, penso Rich Buckler , mi facevo gli affari miei, perché tutte le buone storie iniziano così, si pensa sempre ai propri affari. Ero seduto proprio davanti alla scrivania della receptionist, e vedo questo nome camminare in giro con un cappotto scozzese, pantaloni e una camicia, sembrava molto formale. Indossavo jeans come erano usati negli anni ’80, probabilmente erano lavati con candeggina. Entra e aveva fretta perché doveva vedere Vinnie Colletta o qualcun’altro, mi sono voltato a vederlo e ho pensato, questo ragazzo sembra molto strano e con un bell’aspetto, è entrato e non l’ho più visto.

Poi sono andato in un posto chiamato “Continuity” per lavorare con Neal Adams e stavo disegnando pubblicità per Neal lì, mi giro e vedo entrare lo stesso ragazzo, con la stessa giacca, gli stessi pantaloni, la stessa valigetta, tutto uguale, e ho detto “Conosco quel ragazzo, l’ho visto alla DC Comics.” È andato a trovare Neal, credo, e credo che abbia visto me. È andato da Neal, e apre il suo portfolio, lo guarda e chiama tutti i suoi assistenti, me compreso, per farci esaminare il portfolio di Bill Sienkiewicz, e ha detto “questo ragazzo è bravo, vedi? Cerca di essere come me ma fa qualcosa di diverso, è fantastico ”e ci ha guardato come se fossimo dei marmocchi per non essere bravi come lui. E ho pensato, questo ragazzo è venuto alla Continuity per stupirci con il suo portfolio, Neal lo ama e non sa nemmeno chi sia e Neal chi sono, è terribile. Ho visto che lui ha preso il telefono e ha chiamato Jim Shooter e ha detto “Jim, ti mando un artista, il ragazzo è bravo quindi probabilmente vorrai vedere cosa fa, il suo nome è Bill … come si pronuncia il tuo cognome?” “Sin-kev-itch”… Sienkiewicz lo ha inviato alla Marvel ed è così che Bill ha cominciato a disegnare Moon Knight; giuro su Dio che quel giorno è andato alla Marvel con Jim Shooter e gli hanno assegnato Moon Knight. E quella fu la mia prima esperienza vedendo Bill due volte.

Milestone-return-zero, immagine promozionale
I giovani Danys Cowan e Bill Sienkiewicz.

Poi sono andato a fare qualche lavoro alla Marvel Comics e siamo andati molto d’accordo, voglio dire che, ero follemente invidioso delle sue capacità, ma non è mai stato una persona da sbatterti in faccia il fatto che era molto meglio di tutti gli altri, era un ragazzo normale così siamo diventati migliori amici molto velocemente. Dopo il primo incontro iniziale, abbiamo continuato a frequentarci.

Non abbiamo lavorato molto insieme fino a quando non ho lavorato a The Question?, ma ci siamo incontrati molto prima. E quando The Question? è uscito io facevo le copertine e gli ho chiesto se voleva inchiostrarle e lui ha detto: “certo” ed è da lì che è iniziata la nostra collaborazione artistica. Ma già eravamo amici e io ero un suo fan ancora prima, anche prima che lo fosse chiunque, perché ho visto i suoi lavori della scuola d’arte ed era fantastico.

Quindi da allora conosco Bill, è passato molto tempo, più di 40 anni, ed è ancora eccitante lavorare con lui, ci piace ancora molto la reciproca compagnia. È uno dei miei migliori amici. Ma lascia che ti dica che è difficile essere amici di un genio, non è facile.

FM: Denys, l’ultima domanda, quali sono i tuoi progetti presenti e futuri?

DC: Ci sono alcune cose che verranno fuori di cui non posso parlare. Ho appena finito una storia di 8 pagine. Ho fatto una copertina per DMC, come sai DMC ha il proprio fumetto, Darryl Makes Comicse ha la sua compagnia di fumetti, quindi ho lavorato con Larry Hama e Amy Chu su una storia per loro, è stato divertente. DMC 3.5 Penso sia il numero, perché è 3.5? Non lo so ma è 3.5

Ho appena finito una storia di Batman and Swamp Thing per la DC Comics, per la quale ho fatto tutti i disegni e li ho inchiostrati, è stato davvero divertente da fare. Al momento sto lavorando a qualcosa di molto confidenziale, di cui non posso davvero parlare, ma posso dire che è qualcosa che la gente sa che ho fatto prima, sono tornato a rivisitare personaggi di molto tempo fa che dovevano essere rivisitati, questo è tutto quello che dirò al rispetto, quindi se unisci i puntini saprai di cosa si tratta … (Milestone Returns Zero Ndr), con la azienda con cui ho giá lavorato e sto lavorando attualmente. Quindi mi ha tenuto molto impegnato, non appena avremo finito l’intervista tornerò a lavorarci su. Spero che la gente possa vederlo molto presto. Quindi è quello che sto facendo, come ho detto, ci sono cose che non posso dire, ma sono tutte molto eccitanti.

Il numero 4 di The Question? (DC Black Label, Ndr) sta uscendo, ho fatto una mini-serie su The Question? con Jeff Lemire, di quattro numeri, ne abbiamo già fatti tre e sono già usciti, penso che il quarto uscirà tra un paio di settimane, quindi sarà l’ultimo. Abbiamo ricevuto molti riconoscimenti dalla critica, non so come siano andate le vendite, spero bene, ma so che alla gente è piaciuto. Ci sono molte cose in progetto che verranno fuori.

cover della serie "the question?" book 4

FM: Denys, sei stato molto gentile. Grazie per il tuo tempo e la tua disponibilità. A nome di Comics Reporter e Fumettomania ti ringraziamo e ti salutiamo, a presto, grazie, ciao!

DC: Ciao! Grazie, è stato fantastico, siete fantastici.


Cover di. Marvel Fanfare #60 con Black Panther di Denys Cowan

BIOGRAFIA DENYS COWAN

Denys Cowan è un fumettista americano e produttore televisivo, oltre ad essere uno dei co-fondatori di Milestone Media. Si è laureato alla High School of Art and Design di New York. Il suo primo lavoro nel mondo dei fumetti fu una storia di tre pagine inclusa in Weird War Tales # 93 (novembre 1980) per DC Comics. All’interno dell’industria americana, ha lavorato anche per gli editori Marvel, Eclipse, Firt e Harvey. La sua popolarità è arrivata con alcuni albi della serie The Question? Con i testi di Dennis O’Neil.

Cowan è stato anche il fumettista della seconda metà della miniserie del 1990 Deathlok, pubblicata dalla Marvel Comics, scritta da Dwayne McDuffie e Gregory Wright, così come il successivo omonimo titolo regolare. Cowan ha poi collaborato con lo scrittore Dwayne McDuffie in un fumetto del 1991 su Prince, dal titolo Alter Ego, pubblicato sotto l’etichetta indipendente Piranha Press. Inoltre, l’artista ha partecipato a diverse pubblicazioni della House of Ideas, tra cui titoli come The Invincible Iron Man, Black Panther vol.2, Moon Knight, Power Man e Iron Fist e Marvel Fanfare, Silver Surfer e molti altri.

Inoltre, Cowan ha co-fondato Milestone Media nel 1993 con McDuffie, Michael Davis e Derek Dingle, e in seguito ha lavorato come produttore della serie animata Static Shock, basata sul personaggio Milestone. In qualità di Senior Vice President of Animation presso BET, Cowan era responsabile della creazione, sviluppo e produzione di programmi animati per l’intera rete. Ciò includeva lo sviluppo e la produzione della stagione in cui è stata presentata la serie animata The Boondocks. Inoltre, in qualità di vicepresidente senior di Motown Animation and Filmworks, ha creato e sviluppato una serie di spettacoli per le reti televisive Fox, ABC, Disney e Nickelodeon.

Al di fuori dei fumetti, Cowan ha illustrato la copertina dell’album Liquid Swords del rapper GZA / Genius, del gruppo hip hop vincitore di un disco di platino Wu-Tang Clan. Ha illustrato il successo della striscia mensile intitolata “You Can’t Handle the Truth” per la rivista Ebony. Inoltre, ha illustrato la graphic novel Django Unchained. Prossimamente, come annunciato durante il DC Fandome, tornerà ad occuparsi di alcuni personaggi dell’universo Milestone. Grande appassionato di musica e fan del maestro Sergio Toppi.



NOTE EXTRA

IL VIDEO DELL’INTERVISTA a DENYS COWAN

In inglese con i sottotitoli in italiano

Nel caso non appaia l’anteprima del video ecco il link da digitare e/o cliccare per vederlo sul canale You Tube di Comics Reporter:

https://youtu.be/pzaSQ-Z7GSg

LE ALTRE “QUATTRO CHIACCHIERE”

Prima intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-ariel-olivetti/

Seconda intervista  – https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-nicola-mari/

Terza intervista  https://www.fumettomaniafactory.net/ann-nocenti-scambia-quattro-chiacchere-con-filippo-marzo/

Quarta intervista — https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-howard-chaykin/

Quinta intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-walt-simonson/

Sesta intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/intervista-a-sal-velluto/

Settima intervistahttps://www.fumettomaniafactory.net/il-fantasy-di-charles-vess-intervista/

Ottava intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/250-volte-savage-dragon-intervista-a-erik-larsen/

Nona intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/dal-bianco-e-nero-al-colore-intervista-a-lucio-parrillo/

Decima intervistahttps://www.fumettomaniafactory.net/lintervista-bob-mcleod-un-vero-gentiluomo-del-fumetto/

Undicesima intervista https://www.fumettomaniafactory.net/intervista-allo-scrittore-peter-david/

Dodicesima intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/italiani-protagonisti-dei-comics-usa-intervista-allo-marco-santucci/

Tredicesima intervista –  https://www.fumettomaniafactory.net/philip-craig-russell-il-signore-del-barocco-a-fumetti/

Quattordicesima intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/il-mio-personaggio-preferito-e-silver-surfer-intervista-a-whilce-portacio/


BIOGRAFIA/BIOGRAPHY

Filippo Marzo nasce nel 1975, grande appassionato fin da piccolo di cartoni animati e fumetti, da Topolino a Sturmtruppen fino a Beetle Bailey. Crescendo i suoi gusti si spostano verso i super eroi e il connubio durerà per moltissimi anni.

Collaboratore con fanzine locali, diverse fan page e siti con contenuti cinematografici, visto che il cinema è un’altra sua passione. Piccolo collezionista di opere originali  è curatore di due mostre di sketchbook di disegnatori di comics negli anni ’90, sposta ancora una volta i suoi interessi verso il fumetto maturo e dai contenuti artistici sopraffini, con un occhio di riguardo alle case editrici indipendenti, come Eclipse, Tundra, Fantagraphics e Dark Horse. Fan delle opere di Bill Sienkiewicz, Mike Mignola e John Byrne. Da  qualche tempo reporter e corrispondente dall’estero per quanto riguarda Comic Convention che hanno luogo in Messico e negli Stati Uniti.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.