Quarto appuntamento con i testi dell’edizione cartacea di Comic Book #0, che fu una sorta di prova generale del magazine FUMETTOMANIA (quest’ultimo pubblicato dal 1990 al 2008).

Oggi viene pubblicato un articolo di approfondimento dedicato alla mitica First Comics, a cura di Giorgio Cambini uno dei migliori esperti di comics USA che abbia mai incontrato, già negli anni 80, e grande conoscitore deglilndipendent Pubblisher.
Buona lettura

Mario Benenati, responsabile del Web Magazine Fumettomania.

P.S.: non abbiamo ancora un logo personalizzato. Il nostro amico Antonino Mancuso (già autore dell’apprezzato logo dell’associazione) ci lavorerà la prossima settimana.


Fumettomania da 0 a 30, Trent’anni straordinari!

Introduzione

I 30 anni di vita dell’associazione, che saranno il prossimo 14 maggio, si avvicinano sempre più mentre continuiamo a proporre gli articoli estratti da Comic Book #0.

Ci spiace molto, NON POTERE realizzare degli incontri con autori di fumetti ed una mostra espositiva nella nostra città, ma i locali pubblici continuano a non essere concessi (a causa delle restrizioni della Pandemia) e la cultura rimane il fanalino di coda.

Ecco che, dunque, dal nostro archivio abbiamo recuperato i vecchi numeri della fanzine, le matrici (i lucidi) e i menabò, tutti rigorosamente conservati, e da quelle pagine stiamo estraendo tutti gli articoli (a meno delle news) che vi stiamo presentando settimanalmente.

Oggi verremo catapultati nel bellissimo mondo della First Comics che ha rappresentato negli anni 80, è delle più valide alternative ai fumetti Marvel e DC Comics, i cui fumetti andrebbero recuperati perché sono belli e molti anche mai pubblicati in Italia. Anzi a proposito di questo abbiamo saluto con piacere la pubblicazione di alcuni volumi di American Flagg (7), Nexus (4), DreadStar (3), ed Elric (5) da parte dell’Editore Cosmo.

Mario B.

DA COMIC BOOK n. O – DIC ’88 – GEN ’89

MONDO FIRST

starslayer #21 - first comics

GENESI

Quando a causa di difficoltà economiche la PACIFIC COMICS1 decise di cessare l’attività di produzione per limitarsi esclusivamente alla distribuzione, la maggior parte dei lettori si rammaricarono per due titoli, indubbiamente validissimi, che non avrebbero più’ visto pubblicazione. 

Il primo di questo, GROO the Wanderer, venne ripreso momentaneamente dalla ECLIPSE COMICS e poi dalla MARVEL, che la pubblica tuttora nel filone EPIC2.

L’altra serie era STARSLAYER, creata e disegnata da Mike Grell già noto per aver creato una delle migliori serie DC, “WARLORD“, che tuttora continua con buon successo. 

Fù allora alla fine del 1983 che un gruppo di ragazzi di Chicago decise di “provarci” : erano tutti appassionati di comics e di un certo tipo di fantascienza. Questi amici, con a capo Mike Gold, fondarono la FIRST COMICS, che si affiancò cosi’ alla Eclipse come “lndipendent Pubblisher“. 

La First debuttò con il proseguimento di StarSlayer, l’epopea di un glorioso guerriero celta trasportato dal 50 A.C. al 3000 e passa; contemporaneamente, iniziò la trasposizione a fumetti di una commedia di fantascienza che da qualche anno furoreggiava nei teatri Underground : WARP. 

Nel comic si parlava di una cittadella “sacra”, SHANGRI-LA, di un Lord protettore, di un Eroe invincibile e di un Fratello Malvagio (non ricorda la storia di un personaggio famoso per il suo martello MJOLNIR ?). Era una saga, comunque, ben disegnata e dal taglio veloce. 

Mars (First) #12

Le due testate ebbero successo, tant’è vero che tempo dopo uscirono altre serie : 

E-MAN (una parodia dei comics Marvel e Dc), MARS (serie di fantascienza che però ebbe pochissime vendite e chiuse presto i battenti). In Starslayer intanto debuttava quello che sarebbe stato il punto di forza della First: GRIMJACK

Mercenario “buono”, agisce a mo’ di detective privato in una città infradimensionale CYNOSURE. In questa città le realtà si intersecano, quindi è possibile avere zone dove funziona la magia ma non la fisica newtoniana, altre zone dove vivono demoni, etc. Gli sviluppi possibili con questa ambientazione sono infiniti, quindi Grimjack ottenne presto un suo albo3. Per la cronaca Grimjack, come Starslayer era disegnato in quel periodo da Timothy Trumann che in seguito avrebbe abbandonato la First per fondare una sua casa di produzione, la 4WINDS4

grimjack #3, first comics

Nel frattempo, eravamo nell’anno 1984, erano cessate le pubblicazioni di E-Man e di Warp, mentre Mike Grell aveva lanciato un nuovo titolo per la First, JON SABLE FREELANCE: racconto semi-autobiografico su un mercenario, ex-pentatleta, che lavora come risolutore di casi intricati per conto dei governi, delle multinazionali, ed altri.

Importanti nel periodo sono le acquisizioni da parte della First di due cernie della defunta CAPITAL COMICS: NEXUS (fantascienza pura) e BADGER (una via di mezzo tra vaudeville, commedia sofisticata e sit-com), entrambi scritti dal geniale Mike Baron5.

Presto il successo (immenso) di queste serie costringerà la First a varare il formato Deluxe a prezzo più elevato, standard che poi verrà applicato a tutte le serie. Intanto, terminato il suo corso Starslayer (che recentemente è stato ripubblicato in versione cartonata), debuttavano gli adattamenti a fumetti delle opere di Michael Moorcock con ELRIC6 : SAI LOR ONTHESEASOF FATE, primo di una serie di adattamenti di libri della saga del CHAMPION ETERNAL (che in seguito pubblicherà CORUM, HAWKMOON e nel 1989 EREKOSE). 

Visti i successi riscossi dai suoi titoli, la First lanciò un’idea “nuova”, un antologia contenente personaggi minori che potevano essere ritenuti pronti per avere un titolo proprio. 

Nacque così FIRST ADVENTURE, con capolavori come WHISPER (acquistato dalla Capitai Comis) e DYNAMO JOE, accanto al terribile BLAZE BARLOW. Di questi una chan-ce in più fu data a Whisper (un poliziesco hi-tecnology7 molto ben fatto) e a Dynamo Joe (storia di robot e di guerre planetarie). 

whisper #14 first comics

Purtroppo Dynamo Joe si interromperà col n° 13. Veniva lanciato, intanto, l’idea- SHATTER: il primo comic americano disegnato col computer8. Intorno a tutte queste serie fantastiche, da molti anni continuava imperterrita la serie di successo di Howard Chaykin, stiamo parlando di AMERICAN FLAGG9. Più volte vincitore di premi , il fumetto, molto impegnativo per disegni e testi, ha subito una flessione in concomitanza dell’abbandono di Chaykin, e solo da pochi mesi è ritornato grande con il ritorno dello stesso. 

American Flagg, #11, First Comics

E siamo così arrivati agli anni 87/88: acquisizione di DREADSTAR, il grande capolavoro fantascientifico di Jim Starlin (chi non ricorda CAPITAN MARVELL e WARLOCK?), e di EVANGELINE della COMICO, sono i più grossi colpi della First, che ha iniziato anche la pubblicazione LONE WOLF and CUB, fumetto giapponese di un certo calibro, da cui è stata tratta la serie di telefilm SAMURAI, trasmessi anni fà in Italia da ITALIA 1. Tra i nuovo progetti PSYCHOBLAST è un grosso buco nell’acqua, e TEAM YANKEE non sembra molto migliore. 

lone-wolf-and-cub-11-nm-4

Tuttavia la serie CROSSROADS (che racchiude i piu importanti eroi della casa madre), lascia intuire che il futuro è roseo .. 

Per concludere, questa lunga carrellata sulle pubblicazioni First, un suggerimento: provate a spulciare qualcosa di questa casa editrice e scoprirete che non solo MARVEL e DC, sanno fare bei fumetti. 

I raccomandati sono: BADGER, DREADSTAR e WHISPER

Giorgio Cambini

Le note all’articolo:

  1. Le difficoltà economiche erano state causate dal fallimento di CAPTAIN VICTORY e di SILVER STAR, fumetti, entrambi di Jack Kirby, per i quali erano stati investiti tempo e risorse eccessivi. 
  2. L’EPIC è (era, NdR) quel ramo della Marvel, in cui sono pubblicate delle collane di cui la casa madre non detiene alcun diritto d’autore. 
  3. Caratteristica di ogni numero è quella di trovare al termine della storia un siparietto di 4-5 pagine, chiamato MUNDEN’S BAR, affidato ogni volta a disegnatori e scrittori diversi che possono sbizzarrirsi a raccontare qualsiasi tipo di storia purché ambientata nel Munden’s Bar di Cynosure. 
  4. La 4WINDS produce degli albi che sono distribuiti da altre case editrici : la ECLIPSE per esempio distribuisce l’albo chiamato SCOUT, con ottimi risultati. 
  5. Mike Baron, è noto in questi ultimi mesi per la nuova serie della Marvel : The PUNISHER
  6. Elric,è nato dalla penna dello scrittore di fantascienza inglese Michael Moorcock nel 1961, sulle pagine della rivista SCIENCE FANTASY
    Nell’arco di quindici anni Moorcock ha scritto molte storie su Elric; questi racconti sono stati raccolti in 6 volumi che l’autore stesso, nel 1977, ha ordinato cronologicamente in questa sequenza: 
    1) ELRIC OF MELIBONE (1972) narra di come Elric perse il trono di Rubino, di come si alleò ad Arioch e di come trovò la spada chiamata “TEMPESTOSA”; 
    2) THE SA ILOR ON THE SEAS OF FATE (Sui mari del Fato, del 1973), narra le avventura di Elric tra l’inizio dell’esilio e il tentativo di tornare a IMRRYR. 
    3) THE WEIRD OF THE WHITE WOLF (Il fato del Lupo Bianco}, contiene – tra gli altri LA CITT A’ DEL SOGNO e chiude il primo ciclo della saga di Elric. 
    4) THE SLEPING SORCERESS (1971) 
    5) THE BANE OF THE BLACK SWORD (1977)
    6) STORMBRINGER (1965) 
    I suddetti volumi, narrano le avventure a posteriori della caduta di IMRRYR. Ricordiamo ai lettori che la defunta Labor pubblicò nel Maggio 1986, il Graphic Novel della Marvel intitolato ELRIC: La citta’ del Sogno, l’adattamento cioè, al primissimo racconto di Moorcock. 
  7. Hi-tecnology, dello così per l’ambientazione molto scientifica, diversa dal solito poliziesco tipo MARLOWE
  8. Gli autori sono Mike Saenz (autore, anche del Graphic Nove! IRON MAN : CRASH per la Marvel, sempre al computer}, e Mike Gills, lanciarono una storia molto simile a BLADE RUNNER : in fondo, oltre alla novità e al disegno che ben rendeva l’ambiente, poco altro era raccomandabile in Shatter (il cui costo ha raggiunto i 30 dollari.)
  9. American Flagg, presenta le disavventure di una società del futuro (2020), governata dai Mass-Media, che sono l’unico potere sulla Terra, dopo il numero 35 passò nelle mani di un altro autore. Nel 1988 è ritornata nelle mani di Howard Chaykin
Elric the vanishing tower #6, first Comics

Un link per conoscere meglio i fumetti pubblicati dalla First Comics

https://comics.fandom.com/wiki/First_Comics

Nei mesi scorsi abbiamo parlato, grazie a Filippo Marzo, di alcune serie pubblicate dalla First Comics con

Howard Chaykin

e con

Philip Craig Russel


GIORGIO CAMBINI

Originario di Livorno, 58 anni, logistico, bookmaker. Anche un po’ di televisione su SKY.
Una passione per i fumetti che nasce quando si impara a leggere e ancora non è passata.
Tutti i fumetti (ma solo quelli belli), con predilezione per la scuola americana

Co-fondatore della fanzine Fumettomania, quale esperto di fumetti USA, in particolare di quelli pubblicati dagli editori indipendenti USA


NOTE EXTRA

FUMETTOMANIA INDEX 1990 -2021

DALL’ARCHIVIO DI QUESTO WEB MAGAZINE

articolo del 2019-01-19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.