L’anno scorso, tra gli autori che ci lasciarono ci fu Kevin O’Neill, immenso autore inglese co-creatore di Nemesis the warlock, di Marshall Law (con Pat Mills), e della Lega degli straordinari gentiluomini (con Alan Moore).
Presi dalla preparazione del crowdfunding, e da alcuni problemi logistici, non potemmo dare lo spazio che questo autore meritava e merita.

Facciamo ammenda ad un anno dalla sua scomparsa pubblicando questo articolo, ricco di immagini, dell’amico John Freeman (del quale trovate la biografia in fondo all’articolo), che proviene dal suo blog: downthetubes.net.

Mario Benenati
(direttore culturale del magazine Fumettomania Factory)

P.S.: ringraziamo tutti coloro che hanno deciso di devolvere il loro 5×1000 a Fumettomania Factory APS .
C’è ancora tempo per coloro che presentano il Modello Unico: Quando presenti la dichiarazione dei redditi, inserisci il codice fiscale 90003850832 nella sezione destinata al sostegno per gli Enti del Terzo Settore.


In Memoriam: Comic Artist Kevin O’Neill 1953 – 2022

di JOHN FREEMAN (articolo originario del   )

Siamo spiacenti di comunicare la scomparsa del creatore di fumetti Kevin O’Neill, morto la scorsa settimana dopo una lunga malattia (l’articolo è del 9 novembre 2022, NdR) . Qui di seguito mettiamo in evidenza alcuni aspetti chiave della sua lunga e illustre carriera, tra cui il suo lavoro per 2000AD; inoltre, i colleghi creatori di fumetti, gli amici e i fan hanno celebrato uno straordinario artista del fumetto con i loro ricordi …

Il lavoro di Kevin è inconfondibile: una volta è stato descritto da Michael Molcher di 2000AD come “un’esplosione di immaginazione febbrile, persino squilibrata, piena di alieni mostruosi, mutanti, robot e umani grotteschi. Assolutamente unico nel panorama dei fumetti, il suo lavoro ha mantenuto un’intensità iconoclasta che non ha eguali“.

Non c’è dubbio che abbia influenzato molti altri creatori di fumetti: inizialmente si è affermato come artista di rilievo grazie al suo lavoro per diverse fanzine negli anni ’70, ha iniziato la sua carriera professionale nel mondo dei fumetti come impiegato per Buster, un fumetto settimanale della Fleetway, e ha lavorato per 2000AD sia come artista che in ruoli editoriali.

È probabilmente conosciuto per il suo lavoro su “Nemesis The Warlock” e “ABC Warriors” per 2000AD, lavorando con Pat Mills, con Nemesis si è assicurato il posto di grande fumettista britannico. Altri lavori importanti sono Metalzoic e Marshal Law, sempre con Pat Mills, e League of Extraordinary Gentlemen, creato insieme ad Alan Moore.

Art by Kevin O’Neill. With thanks to artist Mike Perkins for posting this panel
Art by Kevin O’Neill. With thanks to artist Mike Perkins for posting this panel
Carlos Ezquerra has some fun at Kevin O’Neill’s expense, in an early “Judge Dredd” story. With thanks to David McDonald
Carlos Ezquerra has some fun at Kevin O’Neill’s expense, in an early “Judge Dredd” story. With thanks to David McDonald
Eagle Comics – Nemesis the Warlock cover by Kevin O’Neill
Eagle Comics – Nemesis the Warlock cover by Kevin O’Neill
Kevin-O-Neill-Metalzoic
Metalzoic by Kevin O’Neill
STRIP-01-MUK-Cover-Marshal-Law
Marshal Law, as featured on the cover of the first issue of Marvel UK’s STRIP anthology, a character co-created by Pat Mills and Kevin O’Neill. The art was sold for $17500 last year

Uno dei primi lavori di O’Neill per il mercato statunitense è stato Tales of the Green Lantern Corps Annual #2, tratto da una sceneggiatura di Alan Moore, una storia che ha introdotto concetti che in seguito si sono concretizzati nella storyline Blackest Night di Geoff Johns.

“Ironia della sorte, il lavoro di O’Neill su questo numero fu brevemente minacciato quando la Comics Code Authority si rifiutò di approvarlo”, scrive Russ Burlingame per ComicBook, in un tributo all’artista. “Quando sono stati messi sotto pressione, hanno detto che si opponevano all'”intero stile” di O’Neill. Alla fine, in quella che era ancora una rarità negli anni ’80, la DC decise di pubblicare il libro senza l’approvazione del Codice”.

Opening pages from “Tygers” by Alan Moore and Kevin O’Neill, first published in Green Lantern Corps Annual No. 2 in 1986 by DC Comics
Opening pages from “Tygers” by Alan Moore and Kevin O’Neill, first published in Green Lantern Corps Annual No. 2 in 1986 by DC Comics
Marvel Comics Presents #45 by Kevin O’Neill – front cover and wraparound
Marvel Comics Presents #45 by Kevin O’Neill – front cover and wraparound

Kevin non ha fatto mistero delle sue influenze. Intervistato dal Times nel 2009 a proposito de La Lega degli Straordinari Gentlemen, ha sottolineato che lui e Alan Moore sono nati nello stesso anno, il 1953.

“Da bambini leggevamo gli stessi fumetti ed eravamo entrambi grandi fan di Beano e The Dandy. Erano ricchi di dettagli e di retroscena, come non lo sono le versioni moderne. Leggevo anche i tascabili di Mad. Frequentavo una scuola cattolica e Mad era vietato. Era considerato pernicioso. Praticamente tutti i fumetti erano disapprovati, ma Mad era visto come il peggior trasgressore. Ma io ridevo delle cose di Mad, anche se non sapevo che si trattava di umorismo satirico ebraico.

C’era una ricchezza, una profondità nelle battute e riuscivo a capire gli americanismi se ne vedevo abbastanza. Mad aveva dei ragazzi fantastici che lavoravano per loro – Bill Elder, Wallace Wally Wood – che inserivano tanti altri punti di umorismo sullo sfondo, tante cose che potevi tornare indietro e leggere e rileggere. C’era così tanto da assorbire. Avresti voluto provarci anche tu. Le prime influenze hanno giocato un ruolo importante. Mi fa piacere includere questi dettagli.

“Quando guardo le versioni contemporanee dei fumetti della mia infanzia, mi sembrano tutte molto scarne, essenziali e poco coinvolgenti, cosa che non accadeva negli anni Cinquanta e Sessanta”, afferma. “All’epoca c’era una ricca industria britannica del fumetto, non solo quello umoristico. C’era un’ampia gamma di talenti creativi che probabilmente non si vedranno mai più. Era davvero sorprendente. Non voglio paragonarmi a quegli artisti, ma vorrei sfruttare l’effetto che hanno avuto”.

League of Extraordinary Gentlemen - The Tempest #3.jpg

Tra i progetti più recenti legati ai fumetti c’è la collaborazione con Hibernia per la raccolta di alcuni dei suoi lavori meno noti e la realizzazione di strisce come la storia “Kids Rule O.K.” con Garth Ennis per il Battle Action Special di quest’anno. Il suo ultimo lavoro a fumetti apparirà nel 2000AD Christmas Special di quest’anno, facendo rivivere Bonjo from Beyond the Stars, in una storia sceneggiata da Garth.

“È successo che Alan mi ha mandato in pensione in anticipo”, ha scherzato O’Neill con Jamie Lovett di ComicBook.com all’inizio di quest’anno, quando gli è stato chiesto della fine apparente della sua carriera nei fumetti. “Il ritiro di Alan dai fumetti significava che avrebbe smesso di scrivere fumetti. Quella è stata la fine. Non ho detto che mi sarei ritirato. Ho pensato che questo sarebbe stato l’ultimo fumetto che avrei disegnato, La Lega degli Straordinari Gentlemen, ed ero molto felice. Siamo arrivati alla fine e abbiamo dato un finale adeguato. È stato molto importante per noi farlo. Ma ero ancora pronto a fare fumetti, dipendeva solo da quali fossero.

Limited edition 40th anniversary Nemesis the Warlock print by Kevin O’Neill (2021)
Limited edition 40th anniversary Nemesis the Warlock print by Kevin O’Neill, available from Gosh!

“Ho illustrato due libri miei. Non sono fumetti, sono libri illustrati a colori, ne ho fatti due e ne sono stato molto soddisfatto, ma nel bel mezzo di tutto ciò, ho ricevuto la richiesta da parte di Rebellion: “Saresti interessato alla storia di Garth?”. Ed è stato perfetto per me, è arrivato proprio al momento giusto. Mi è piaciuto molto. Mi piace fare fumetti”.

Ricordando Kevin

(testi del novembre 2022, NdR)

A tribute to Kevin O'Neill posted to the Official Alan Moore Facebook Page
KEVIN O’NEILL
1953-2022
Thus is the course of fable’s river run
To flood with jewels the delta of its end.
Here is the summit peak of let’s-pretend;
Now is the story of all stories done,
And we hail our imaginary friends
Before the curtain of the stars descends.

Il seguente tributo a Kevin O’Neill è stato pubblicato sulla Official Alan Moore Facebook Page

KEVIN O’NEILL
1953-2022

Thus is the course of fable’s river run
To flood with jewels the delta of its end.
Here is the summit peak of let’s-pretend;
Now is the story of all stories done,
And we hail our imaginary friends
Before the curtain of the stars descends.

(IT: Così scorre il fiume della favola
Per inondare di gioielli il delta della sua fine.
Qui c’è la vetta della finzione;
Ora la storia di tutte le storie è finita,
E salutiamo i nostri amici immaginari
Prima che scenda il sipario delle stelle.
)

Rendendo omaggio a Kevin, Pat Mills, collaboratore di lunga data, ha dichiarato a downthetubes: “Parlando della triste notizia con lo scrittore Tony Skinner – che era molto vicino a Kevin – Tony ha detto: “Perché le persone fighe non possono vivere per sempre?”.

“È proprio vero. Kevin era il più figo”.

An unused "Nemesis the Warlock" cover idea by Kevin O'Neill for the first story, "Terror Tube", from Prog 167
An unused “Nemesis the Warlock” cover idea by Kevin O’Neill for the first story, “Terror Tube”, from Prog 167

“Tutti i membri di 2000AD sono sconvolti dalla notizia della morte dell’artista Kevin O’Neill”, si legge in un comunicato dell’editore del Galaxy’s Greatest Comic, Rebellion.

“La sua morte è una perdita monumentale per i fumetti. Davvero unico, davvero un genio, O’Neill ha fatto arte come nessun altro ha potuto o potrà fare; siamo più ricchi per averlo conosciuto e più poveri per averlo perso.

Parole come “unico” e “genio” non sono rare nel pantheon dei creatori di 2000AD, ma nessuno le merita più di O’Neill, il cui lavoro innovativo, iconoclasta, idiosincratico, inventivo, visionario e provocatorio ha ancora la capacità di scioccare e abbagliare, anche decenni dopo la sua prima pubblicazione.”

“Le nostre più sentite condoglianze vanno alla sua famiglia, ai suoi amici, ai suoi colleghi e a tutti coloro che sono stati in qualche modo toccati dalla magia di Kevin O’Neill”.

Art by Kevin O'Neill (1972)
Just some of Kevin’s work for various fanzines, the first above dating back to 1972. With thanks to David Hathaway-Price, curator of The FANSCENE Project

“Conoscevo Kevin dai tempi in cui era un impiegato di Fleetway e io bazzicavo lì all’ora di pranzo cercando di ottenere dei lavori da freelance”, ricorda l’artista e scrittore Dave Gibbons. “Ricordo di aver scritto e disegnato una storia per una delle prime fanzine di Dez Skinn.

“Nel corso degli anni ci conoscemmo molto bene e facemmo parte di una piccola banda (insieme a Mick McMahon, Brian Bolland, Nick Landau, Robin Smith e Richard Burton) che andava alle convention e si riuniva una volta al mese per una serata tra ragazzi a Londra.

“Kev è stato un elemento estremamente prezioso di 2000AD, inizialmente come assistente dell’art editor e poi come uno dei suoi creatori più caratteristici. Ha fatto in modo che il mio lavoro venisse presentato all’editore Pat Mills, il che mi ha portato a far parte della squadra fin dal primo numero. È stato anche il responsabile dell’inserimento dei crediti dei creatori nelle storie, un enorme passo avanti rispetto alla prassi consolidata dell’anonimato.

“Kev era un uomo modesto ma schietto, con un senso dell’umorismo malvagio e un fondo di storie fantastiche sul mondo dei fumetti. È stato influenzato dal lavoro di artisti umoristici britannici come Ken Reid e l’americano Jack Cole, ma ha portato ai fumetti uno stile e un’eccitazione del tutto personali”.

“Sono molto triste per la notizia di Kevin”, ha dichiarato a downthetubes l’illustratore Colin Wyatt. “Ho iniziato a lavorare con Kevin nell’ufficio di 2000AD nel 1978 e ho preso il suo posto come Art Editor, quando ha lasciato per diventare freelance, poco dopo. Con il passare degli anni abbiamo perso molti artisti di talento. Le opere di Kevin avevano uno stile molto particolare e creativo e, come loro, ci mancheranno molto.

“È stato Kevin a darmi la spinta per diventare un freelance”, aggiunge Colin. “All’inizio del 1980 stava visitando un’azienda londinese con l’intento di realizzare alcuni lavori artistici per loro. Si trattava di una serie televisiva per bambini e lui non pensava che fosse il suo stile, così, dato che il mio lavoro era più giovane e grazie ai miei legami con la Disney, Kevin mi raccomandò molto generosamente a loro.

Mi è stato offerto il lavoro, ma la società ha finito i soldi prima che potessi iniziare e il lavoro è saltato. Tuttavia, mi ha dato la spinta necessaria per prendere la decisione di mettermi in proprio, quindi sono grato a Kevin. Non lo vedevo da tempo, l’ultima volta è stata a una convention qualche anno fa, ma ho dei bei ricordi di quando ho lavorato con lui e mi mancherà”.

Fantasy Bookshop advertisement created by Kevin O'Neill
Fantasy Bookshop advertisement created by Kevin O’Neill
Starlord Issue Five Cover by Kevin O'Neill, cover dated 10th June 1978
Starlord Issue Five Cover by Kevin O’Neill, cover dated 10th June 1978

“Sono molto triste per la morte di Kevin O’Neill”, racconta Kelvin Gosnell a downthetubes. “Insieme a me, Jan Shepheard e Pat, Kev era uno degli ‘staffers’ originali di 2000AD-four che erano presenti prima e durante il lancio della rivista.

“Era una persona estremamente creativa con cui lavorare: sfidava le tue idee e ne proponeva di nuove. Il suo stile artistico e creativo era potente, spiritoso e unico. Questa sorprendente individualità ha riscritto il libro dell’arte e dello stile dei fumetti.

“Soprattutto, però, Kev era molto divertente con cui lavorare. Abbiamo trascorso dei momenti fantastici: ululando dalle risate per l’ultima voce del 2000AD Excuseometer; uscendo dai Bray Studios vestito con i costumi di Space: 1999 in un’auto americana grande come una nave da guerra; esplorando l’originale Fortress of Solitude sul sound-stage di Bond dopo aver intervistato il supremo FX Derek Meddings e il creatore di Thunderbirds Gerry Anderson. Non è mai stato noioso. Grazie di tutto, Kev, ci mancherai molto”.

Kevin O’Neill’s pitch for a new Thunderbirds TV series, via ArtDroids. Kevin was hired by Gerry Anderson in 1982 to make designs and presentation art for a proposed new Thunderbirds series that Anderson hoped Matchbox Toys would fund, in return for shared toy royalties. This art was created for the Pitch. Art has Anderson Films sticker attached, as this was used at the meeting. (With thanks to Paul Gravett)
Kevin O’Neill’s pitch for a new Thunderbirds TV series, via ArtDroids. Kevin was hired by Gerry Anderson in 1982 to make designs and presentation art for a proposed new Thunderbirds series that Anderson hoped Matchbox Toys would fund, in return for shared toy royalties. This art was created for the Pitch. Art has Anderson Films sticker attached, as this was used at the meeting

“Kevin era un talento creativo straordinario”, scrive Nick Landau, co-proprietario di Forbidden Planet e partner editoriale di Kevin O’Neill durante la sua direzione di 2000AD. Nick lo incontrò per la prima volta a metà degli anni ’70, quando stava progettando una rivista per una delle Società Interplanetarie.

“Non solo aveva una visione unica come artista, ma era anche un disegnatore e un narratore consumato. Abbiamo lavorato insieme a 2000AD, durante il suo periodo forse più rivoluzionario, dove abbiamo supervisionato (lui più di me) i primi crediti per i creatori di fumetti, il ritorno della grafica (ancora frammentaria ai nostri tempi) e, collaborando con Pat Mills e John Wagner, l’introduzione di storie più lunghe come “La Terra Maledetta”, che consentivano un maggiore sviluppo dei personaggi e si ispiravano al nostro comune amore per i fumetti statunitensi.

“Sono stati i giorni più belli e sarò per sempre grato di aver potuto condividere quei momenti divertenti e intensi insieme…”

An advertisement for Interplanetary News, by Kevin O'Neill. Via David Hathaway-Price
An advertisement for Interplanetary News, by Kevin O’Neill. Via David Hathaway-Price
A Forbidden Planet Catalogue cover by Kevin O'Neill
A Forbidden Planet catalogue cover by Kevin O’Neill

“Lavorare con Kevin alla Fleetway era una gioia”, afferma l’ex redattore di 2000AD e scrittore di fumetti Steve MacManus. “Spesso si sentiva la sua inimitabile risata di fronte all’ultimo esempio di follia umana che aveva catturato il suo sguardo incredulo. E poi, poco dopo, quando è diventato freelance, l’opportunità di ammirare da vicino il suo stile artistico unico, che presto avrebbe deliziato il mondo dei fumetti”.

2000AD Promotion by Kevin O'Neill
Early 2000AD promotions by Kevin O’Neill

“Quando ho iniziato a progettare 2000AD, ricordo di aver trovato i design originali dei loghi di Kevin O’Neill per ‘ABC Warriors’, ‘Ro-Busters’ e ‘Nemesis’, ci racconta il designer e fotografo Steve Cook , “e di aver realizzato che avevo molto da fare vivere fino a. Kev era un artista e designer incredibilmente innovativo, con una sensibilità grafica che non sarà mai eguagliata o replicata. Ci ha lasciato troppo presto”.

A fabulous example of Kevin O’Neill’s work, from “Nemesis the Warlock” Book Three
A fabulous example of Kevin O’Neill’s work, from “Nemesis the Warlock” Book Three

“Una notizia terribile, una tale perdita”, commenta l’autore ed ex redattore di 2000AD David Bishop. “Kevin O’Neill era un vero e proprio fumetto originale: innovativo, malizioso, iconoclasta, creativo e un professionista consumato. Non è una combinazione che trovi molto spesso. Ogni creatore di fumetti di 2000AD può ringraziare Kevin per aver introdotto di nascosto i crediti nel fumetto.

“Ho avuto la fortuna di commissionare a Kev il disegno dell’ultimo ‘Nemesis’, per Prog 2000. Kev era un tale professionista, ha ridisegnato una pagina dopo aver consegnato il lavoro perché non ne era soddisfatto!”

“C’è stato un periodo nei primi anni ’80, nella rivista 2000AD, in cui sembrava che Kevin O’Neill e Mick McMahon si spingessero a vicenda verso vette sempre più grandi di genialità e follia”, osserva l’artista e archivista di fumetti David Roach. “Il mio primo lavoro artistico per 2000AD è stato disegnare ‘Nemesis’, quindi ho un enorme debito di gratitudine con Kevin per aver creato questo incredibile universo visivo con cui giocare.”

King Kong by Kevin O'Neill
Gorgeous Kevin O'Neill artwork from the first Titan Books ABC Warriors collection. “One of the greats, taken from us far too soon,” notes artist David Roach
Gorgeous Kevin O’Neill artwork from the first Titan Books ABC Warriors collection. “One of the greats, taken from us far too soon,” notes artist David Roach
“This is the one I had blu tacked to my bedroom wall. This was why I just wanted to draw robots,” says artist Steve Pugh, paying tribute to Kevin O’Neill
“This is the one I had blu tacked to my bedroom wall. This was why I just wanted to draw robots,” says artist Steve Pugh, paying tribute to Kevin O’Neill. Via ArtDroids
A young Kevin O'Neill, and his 'Nemesis' cover for Lew Stringer's Fantasy Express zine. Courtesy and © Lew Stringer
A young Kevin O’Neill, and his ‘Nemesis’ cover for Lew Stringer’s Fantasy Express zine. Courtesy and © Lew Stringer

“Ho intervistato Kev per la mia fanzine Fantasy Express nel 1982, per la quale ha anche disegnato una splendida copertina avvolgente con Nemesis”, ricorda il fumettista e scrittore Lew Stringer. “Diventammo presto amici, incontrandoci regolarmente al Westminster Comic Marts e al vicino Westminster Arms, insieme al resto della troupe del 2000AD dell’epoca.

“Abbiamo collaborato anche ai fumetti alcune volte. Kev ha disegnato un capitolo di due pagine del mio fumetto di Brickman nel 1986, “Brickman goes to Hell” e ha illustrato una storia che ho scritto per il primo Oink! Annuale, “La verità su Babbo Natale”. Entrambe le strisce nella prima parte della mia carriera e Kev è stato sempre incoraggiante, il che mi ha dato una buona spinta.

“Se ricordo bene, Kevin si è allontanato dalle convention dei fumetti verso la fine degli anni ’90, ma negli ultimi anni è tornato in contatto e ci siamo scambiati messaggi e abbiamo avuto diverse lunghe conversazioni telefoniche, spesso ricordando il periodo d’oro degli anni ’80.

“L’ultimo messaggio che ho ricevuto da Kev, a luglio, parlava di quanto fosse rattristato dal fatto che la ‘nostra vecchia guardia’ stesse morendo (ad esempio: Garry Leach e Alan Grant). Non credo che nessuno di noi sapesse allora che sarebbe stato il prossimo. Avevamo intenzione di incontrarci di nuovo, ma non avevo idea di quanto fosse malato.

“La notizia della sua scomparsa è stata uno shock totale. È molto difficile immaginare che se ne sia andato, ma quello che ricorderò sempre, a parte le incredibili opere d’arte di Kev, è il suo spirito tagliente e acido e le risate che ci facevamo tutti ai mercatini e alle convention di Londra negli anni ’80/’90. I momenti migliori con le persone migliori.”

The League of Extraordinary Gentlemen Volume One - art by Kevin O'Neill

“Ci saranno sicuramente molte storie all’interno di questi tributi che tessono storie dei figli di Kevin; giorni più selvaggi”, ricorda Josh Palmano di Knockabout Comics. “Sebbene le nostre strade si siano incrociate dalla fine degli anni ’70 in poi, la mia amicizia con Kevin è fiorita negli ultimi 12 anni della sua vita. Lui e io ci siamo avvicinati di più quando Alan e Kevin hanno affidato la pubblicazione di League of Extraordinary Gentlemen nelle mani di Knockabout Comics e Top Shelf Productions.

“Da quel momento in poi, ho avuto l’onore e il piacere di scansionare ogni pagina squisita e appena inchiostrata del lavoro di “League” di Kevin. Ogni visita, quando Kevin lasciava quelle pagine immacolate, rifinite con precisione ma anarchiche, portava il suo brivido.

“Avrei poi trasmesso le scansioni a Todd Klein negli Stati Uniti per il layout e i caratteri, lui a sua volta le avrebbe rese disponibili a Ben Dimagmaliw in Giappone, per colorarle. Poi mi cadevano in grembo, per presentarli a Kevin per la revisione.

“Sebbene abbracciassero tre continenti, c’era una tale vicinanza, calore e rispetto tra coloro che erano coinvolti nella creazione dei libri; Alan, Kevin, Todd e Ben. È stato un piacere per me svolgere un piccolo ruolo nel facilitare il loro processo creativo.

“Dal rapporto di lavoro tra me e Kevin, è nata un’amicizia.

“Sebbene fosse una persona molto riservata e non una persona che esprimesse liberamente le sue vulnerabilità, Kevin mi ha dato un notevole sostegno durante un momento difficile della mia vita alcuni anni fa. È stato durante quel periodo che Kevin è entrato davvero nella mia vita.
Un professionista eccezionale, un maestro artigiano, un uomo con un lato non piccolo e selvaggio e un caro amico. Mi manca profondamente.

The League of Extraordinary Gentlemen Volume Two - art by Kevin O'Neill

“Ho incontrato Kevin di persona solo una volta, ma mi ha trattato come un vecchio amico e, nonostante la sua evidente posizione nel settore, anche come un collega professionista”, ricorda il colorista di The League of Extraordinary Gentlemen, Ben Dimagmaliw, per Downthetubes.

“Nel corso dei due decenni in cui abbiamo collaborato a The League of Extraordinary Gentlemen, ci siamo conosciuti, scoprendo che la sua carriera era in linea con il mio consumo di libri, film e televisione britannici. Conoscevo molti dei riferimenti e dei personaggi che metteva nelle sue pagine e ascoltare le sue intuizioni personali al riguardo era sempre una gioia. L’esperienza di lavorare con Kevin è stata un punto culminante della mia carriera, ma fare amicizia con Kevin rimane ancora oggi un punto culminante della mia vita. Riposa in pace. E grazie.”

An advertisement for TOXIC comic by Kevin O'Neill
An advertisement for TOXIC comic by Kevin O’Neill

“Abbiamo lavorato molto con Kevin negli ultimi vent’anni e nutrivamo per lui la massima stima personale e professionale e, naturalmente, l’impatto che ha avuto sul panorama dei fumetti non può essere sopravvalutato”, afferma il team del negozio GOSH Comics in una dichiarazione.

“Kevin era uno spettacolo regolare qui a Gosh, sia che passasse per firmare piatti o stampe, o semplicemente per incontrare Josh per un caffè o un pranzo. È sempre insolito quando qualcuno che hai venerato da lontano diventa un volto familiare e amichevole, e così è stato per noi veterani e Kev. Un volto amichevole che è stato uno dei più grandi fumettisti che il Regno Unito abbia mai prodotto, la cui ombra influente incombe e tuttavia il cui lavoro è così personale e unico che è impossibile imitarlo”.

“Kev O’Neill è stato uno degli artisti più singolari nella storia del fumetto britannico e il minimo che possiamo fare in sua memoria oggi è condividere la sua arte con coloro che potrebbero non averla mai vista”, ha commentato l’artista e colorista Owen Watts.

“Queste immagini ‘pin up’ [presentate di seguito] compaiono in alcuni dei primi numeri di 2000AD e ci penso sinceramente tutto il tempo. Questi bizzarri manufatti alieni epici con le loro piccole mitologie. Non erano collegati a nient’altro, ma erano disegnati in modo mozzafiato e stimolavano l’immaginazione più di quanto potessero fare intere storie.

“La sua arte era allo stesso tempo totalmente estranea e completamente accessibile. Ci sono molti che ci provano, ma non ce n’è nessuno che possa eguagliarlo”.

“Grandi robot, cingoli, taniche di petrolio con cannucce e dischi fiscali: Kevin O’Neill era l’artista dei robot”, osserva David McDonald di Hibernia Comics, uno degli editori che ha lavorato più recentemente con Kevin. “Splendide pagine doppie a colori di ‘ABC Warriors‘ e le fantastiche copertine di Starlord, ho ‘leccato’ ogni sua arte, trascorrendo il sabato mattina a osservare ogni dettaglio. Ho seguito la sua arte per tutti gli anni Ottanta come molti, la sua svolta in “Nemesis the Warlock”, il primo libro, è stata sorprendente. La sua arte su quel libro era particolarmente inquietante. Passa dal cartoon al grottesco con disinvoltura, in particolare la sequenza con la fortunatissima Nosedrip!

Marshal Law è stata un’altra serie rivoluzionaria, così come la sua opera, League of Extraordinary Gentlemen. Ma, grazie alla spinta di Robots, Metalzoic è di gran lunga il mio genere preferito. John Pain è stato l’ultimo dei suoi lavori che ho scoperto (grazie al suo suggerimento a Hibernia di ristamparlo). Anche il breve “Kingdom of Ziturk” in Monster Massacre è stata una nuova scoperta per me.

A Message from Torquemada, art by Kevin O'Neill (2000AD)
A message from Torquemada – self-deprecating fun, art by Kevin O’Neill

“Il suo lavoro come redattore artistico, i suoi brillanti design e loghi sono spesso trascurati. Le copertine di 2000AD prog 63, 112 e 167 in particolare, così come i suoi loghi di “Death Planet”, “Diceman” e TOXIC mostrano il suo nous progettuale.

La prima raccolta di Hibernia su Kevin O’Neill, insieme a Rebellion, è stata Cosmic Comics, una raccolta di storie e copertine di breve durata e meno conosciute di Kevin di 2000ADTornadoLionStarlord e Oink.

“Era da tempo una mia ambizione riportare in stampa il suo brillante Capitano Klep, ispirato a MAD“, racconta David in televisione, “e Cosmic Comics era il posto giusto per farlo.

Captain Klep by Kevin O'Neill
Captain Klep by Kevin O’Neill

“Un po’ di tempo dopo la pubblicazione, Kevin si è messo in contatto tramite Gosh Comics per chiederci se volevamo ristampare Cosmic Comics e aggiungere alcune pagine dalla sua collezione privata. Inutile dire che Richard Pearce e io abbiamo colto al volo l’opportunità di lavorare con uno dei giganti dell’industria dei fumetti.

Il risultato è stata una seconda edizione di Cosmic Comics, con l’aggiunta di una sezione “ritaglia e conserva” chiamata “Kev’s Own”. Progettato e curato da Kevin con Richard Pearce e caratterizzato da illustrazioni e disegni rari dalla collezione di Kevin. Posso facilmente dire che questa è la mia collezione Hibernia preferita ed è stato un privilegio esserne coinvolta.

Kev's Own - by Kevin O'Neill
Kev’s Own – by Kevin O’Neill. He included his birth date on the cover

“Dalla pubblicazione della seconda edizione, ho avuto la fortuna di essere in contatto con Kevin. Le conversazioni di solito vertevano su IPC, disegni, editori e altre curiosità degli anni Settanta. Ad esempio, questo frammento offre uno spunto di riflessione:

“All’inizio degli anni ’70 fui trasferito dal reparto artistico di Buster/Valiant al nuovo reparto colore gestito dall’affascinante Gina Hart. Un ottimo campo di addestramento. Ho fatto un sacco di lavori in quadricromia e in bicromia su Whizzer and Chips, Lion, Jinty e altri. A un certo punto, il nostro piccolo reparto (cinque persone al massimo) condivideva l’ufficio con June, la sorella di Gina, che era la segretaria di Jack LeGrand. Gina, qualche anno dopo, ha fornito il gioiello “Rosetta di Sirio” per la nostra maschera di Tharg e June ha donato la coda di cavallo finta. Il mondo è piccolo, eh?”.
David suggerì a Kevin di scrivere le sue memorie. “Sarebbe stato fantastico”, osserva David, con una certa amarezza.

“Non posso dire di averlo conosciuto bene, ma Kevin non avrebbe potuto essere più generoso con il suo tempo e la sua esperienza. Un artista e designer straordinario e unico, sincere condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici”.

Titan Books Nemesis the Warlock Promotion - art by Kevin O'Neill
Titan Books Nemesis the Warlock Promotion – art by Kevin O’Neill

“Il mio primo incontro con l’arte di Kevin O’Neill è stato il primo racconto di ‘ABC Warriors‘, ‘L’Ordine dei Cavalieri Marziali’, aggiunge Richard Pearce di Hibernia.

“Non avevo letto nessuna delle altre storie di ‘ABC Warriors’ e, arrivando a 2000AD da fumetti DC Thomson come The Beano e The Dandy, i guerrieri robot di Pat Mills furono un vero e proprio shock culturale.

“Poi, oltre a tutto questo, arrivò l’arte di Kev: spigolosa, sinistra e diversa da qualsiasi altra cosa avessi mai visto. Mi ha conquistato e ho divorato il suo lavoro su ‘Nemesis the Warlock’ e ‘Metalzoic’ in 2000AD, e poi su Marshal Law. Tuttavia, il suo lavoro su La Lega degli Straordinari Gentlemen è stato forse il suo più grande successo.

The League of Extraordinary Gentlemen: Tempest

“Mi ero perso il clamore e i discorsi precedenti all’uscita dell’imprint ABC di Alan Moore e della League, e solo dopo la conclusione della prima serie ho iniziato a rintracciare i singoli numeri. Ognuno di essi era una gioia per il design, dalle copertine a tema alle pubblicità d’epoca illustrate e ai racconti d’avventura pulp, ma l’arte di Kevin era semplicemente straordinaria.

“La serie gli ha dato la possibilità di brillare per il mostruoso, il grottesco, il comico e il meccanico, ma gli ha anche dato una vetrina per la sua abilità nel lavoro sui personaggi, che credo sia stata spesso sottovalutata. Quando uscì il secondo volume nel 2002, vivevo in Tasmania e visitavo la Nuova Zelanda, e ho un ricordo vivido del tentativo di cercare ogni nuovo numero che usciva, prima in una fumetteria di Hobart, poi nelle città della Nuova Zelanda mentre io e la mia famiglia giravamo il paese in camper.

“I pored over each new issue as we travelled, always finding something new to enjoy in Kevin’s art as it took readers from the canyons of Mars to railway sidings in rural England. As a fan of his work it was an absolute pleasure to present his early work in Cosmic Comics, and an even greater thrill to have Kevin contribute directly to the second edition. He was enthusiastic, generous with his time and far too modest about his own art. It was a joy to have him working with us and one of the highlights of my time contributing to Hibernia’s books, and I’m very sad to hear of his passing.”

Bonjo-S2

“Come riassumi Kevin O’Neill?” dice Garth Ennis. “Un ragazzo meraviglioso, ottima compagnia, molto divertente. Un artista brillante, senza dubbio il più sovversivo della sua generazione, con qualcosa di meravigliosamente dubbio in quasi ogni riga che mette sulla pagina. Il suo contributo a 2000AD come redattore artistico è stato ovviamente cruciale, non ultimi i suoi successi sono stati i crediti di creatore che ha inserito di nascosto nelle strisce. Le storie che ha creato e disegnato erano semplicemente leggendarie: ‘Ro-Busters’, ‘ABC Warriors’, Metalzoic, Marshall Law, La lega degli straordinari gentiluomini e, regnando supremo, lo splendore sconvolgente di ‘Nemesis the Warlock’.

“Kevin ha disegnato solo un paio di cose per me, ma è stato un piacere lavorare con lui ed è stato un professionista assoluto (non mi sfugge che il suo ultimo lavoro che vedrà stampato sarà il maledetto ‘Bonjo From Beyond The Stars’, ma conoscendo il suo affetto per il personaggio, penso che l’avrebbe trovato cupamente divertente). Tutto sommato quell’uomo era un titano, quindi non provi nemmeno a riassumerlo. Di’ solo: grazie, Kev.”

Kevin O’Neill, 22 agosto 1953 – novembre 2022

I nostri ringraziamenti a tutti coloro che hanno risposto al nostro appello per i loro ricordi di Kevin; Sono sicuro che il fatto che questo tributo si sia trasformato in una specie di bestia lo divertirà, ovunque si trovi! Ci sono molti altri tributi individuali sui social media e su vari siti web.

I nostri ringraziamenti in particolare a David McDonald, per aver fornito un’enorme quantità di opere d’arte rare create da Kevin

Link sul Web

Nemesis the Warlock - Credo! Art by Kevin O'Neill

Tributi

• 2000AD: Kevin O’Neill 1953 – 2022
• ComicBook tribute by Russ Burlingame
• R.I.P. Kevin O’Neill – a tribute by Michael Carroll
• Kevin O’Neill – A Pictorial Tribute by Steve Cook
• FA – The Comiczine – Kevin O’Neill – a tribute by Tony Keen
• Gosh! Comics – November 2022

• Kevin O’Neill Remembered, by Pat Mills
• Kevin O’Neill, RIP, by Nick Landau
• RIP Kevin O’Neill Veteran British Comic Artist – a Tripwire tribute by Joel Meadows

• The Comics Journal – Kevin O’Neill – An Appreciation by David Roach
• Lew Stringer

• Kevin O’Neill – His work for Oink – a tribute by Philip Boyce

Credits, Fumetti ed illustrazioni

Mek Memoirs, by Chris Lowder and Kevin O’Neill

• Mek Memoirs Facsimile Edition – available from Dark and Golden Books
• Kevin O’Neill art on Art Droids
• Kevin O’Neill art on ComicArtFans
• Kevin O’Neill – 2000AD Creator Credits

• Kevin O’Neill – Grand Comic Database Chronological Credits

Interviste

• 2001: Barbelith Webzine (Wayback Archive)
• 2002: Pop Matters (Wayback Archive)
• 2009: The Times (League of Extraordinary Gentlemen focused)
• 2010: The Comics Journal (Wayback Archive)

• 2021: The 2000AD Thrill-Cast Lockdown Tapes – Kevin O’Neill, Part One
• 2021: The 2000AD Thrill-Cast Lockdown Tapes – Kevin O’Neill, Part Two

Tutte le opere d’arte presenti © rispettivi creatori o editori

Questo articolo è stato aggiornato il 22 novembre 2022 per aggiungere un tributo dell’artista Colin Wyatt, ed è stato tradotto in italiano, nei primi giorni di novembre per publicarlo sul sito fumettomaniafactory.net


Biography

John Freeman - photo

John Freeman, currently editor of Star Trek Explorer and former editor of Doctor Who Magazine, is also a comics writer and editor, and founder of the award-winning comics site downthetubes.net. He’s worked professionally in the British comics publishing industry for over 30 years, describing himself as a “freelance comics operative”, working as an editor, Creative Consultant and as a comics writer and events promoter.

His current projects include writing “Pilgrim: Secrets and Lies”, a four issue mini-series set in the “Pilgrim” universe from B7 Media; “Crucible” with 2000AD artist Smuzz; and a creator-owned SF adventure, working with Brazilian creators Wamberto Nicomedes. He also recently edited “Hancock: The Lad Himself”, a graphic novel about comedian Tony Hancock, by Stephen Walsh and Keith Page.

For fun, he’s working on “Doctor Who – Terror of the Deep“, a 90-episode not-for-profit newspaper strip with artist Danny Cushion.

Initially working at Marvel UK, joining the company in 1987, his editor credits include titles such as Doctor Who Magazine, Babylon 5 Magazine, Star Trek Magazine, (now Star Trek Explorer) and comics such as Havoc, Overkill, Death’s Head II, Warheads, Simpsons Comics UK and STRIP – The Adventure Comics Magazine. He also edited several digital and audio comics for ROK Comics, including “Team M.O.B.I.L.E.” and “The Beatles Story”.

He also edited the Lost Fleet mini-series and two Doctor Who mini-series for Titan Comics, which received critical acclaim.

Along with helping promote the annual Lakes International Comic Art Festival, his recent writing credits also include re-introducing some classic humour characters to a modern audience in two Cor and Buster Humour specials for Rebellion, working with artist Lew Stringer; and Death Duty and Skow Dogs with Dave Hailwood for the digital anthology, 100% Biodegradable.

downthetubes: http://www.downthetubes.net
Newsletter – https://cruciblecomic.substack.com
Twitter: https://twitter.com/johnfreeman_DTT
Facebook: https://www.facebook.com/downthetubesnet

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.