La nuova stagione di Fumettomania (la trentesima) è iniziata lo scorso 10 settembre con una intervista ad un grande autore di fumetti americano e si continua, dopo tre articoli e qualche nuovo progetto, con un’altra bella chiacchierata di Filippo Marzo con Whilce Portacio, co-fondatore (negli anni 90) della Image Comics.
E’ un onore ospitare questo grande autore nelle nostre pagine web.

Mario Benenati, curatore di Fumettomania Web Magazine


DAL NOSTRO INVIATO A MONTERREY (MESSICO):

Quattro chiacchiere con Whilce Portacio

di Filippo Marzo

The Uncanny X-Men #290, disegni di Whilce Portacio

Filippo Marzo: Salve a tutti amici di Comics Reporter e Fumettomania, oggi intervisteremo l’artista Whilce Portacio, co-fondatore della Image Comics, disegnatore di X-Men, X-Factor, Wetworks ed altro ancora.
Ciao Whilce, come stai?

Whilce Portacio: Ciao, bene e tu?

FM: Bene. Grazie.

FM: Come stai passando la quarantena?

WP: È come la barzelletta che gira per ora su Internet; per me, il modo in cui lavoro a casa, non è così diverso, è quasi lo stesso. L’unica cosa buona è che i miei figli sono qui, sono tornati dall’Università e passiamo lunghe serate guardando film facendo chiacchierate, quindi mi sto divertendo.

Sketch di Silver Surfer di Whilce Portacio

FM: C’è un personaggio che volevi disegnare, ma non hai avuto l’opportunità di farlo? Se sì, quale?

WP: Il mio personaggio preferito in tutta la mia vita è Silver Surfer, ho iniziato a essere artista attraverso libri di fantascienza, grazie alla mia immaginazione, ho letto questi romanzi su persone pazze nello spazio e nel tempo e li ho disegnati, è così che ho iniziato disegnare.

Quando ho iniziato con i fumetti, i supereroi non erano proprio la mia prima scelta, volevo disegnare personaggi come Deathlok e Silver Surfer, tutti personaggi di fantascienza, purtroppo me li faccio sempre sfuggire, ma c’è ancora tempo.

Altro Sketch di Silver Surfer di Whilce Portacio

FM: La prossima domanda ci viene proposta dal pubblico, i tuoi fan ci hanno fatto alcune domande, iniziamo con quella di Jesús Cuevas: “Hai pensato di pubblicare un’edizione speciale raccolta The Wetworks? Sono un tuo ammiratore”

WP: Mi piacerebbe, ci sono molte storie che devo ancora raccontare con quei personaggi, purtroppo ci sono problemi legali in cui i personaggi sono come tutti i personaggi della Wildstorm, tutto è con la DC Comics della Warner Company, ma è interessante per me perché mio padre era nell’esercito, in marina, quindi sono un ragazzo in marina. Sono cresciuto intorno a tutto questo e l’esercito mi ha sempre affascinato.

Cover di Wetworks #2 disegni di Whilce Portacio

Come ho detto, da bambino leggevo fantascienza e, naturalmente, quando mi hanno chiesto di far parte di Image Comics e di creare la mia serie, ovviamente avrei fatto un libro sulla scienza narrativa militare, ed è interessante perché ci sono franchising come Alien e Halo, e altri titoli di fantascienza militare, ma è strano, tutti vanno molto bene ma non sembra essere niente di consistente e una parte di me se ne rammarica. Tecnicamente non posso solo lavorare a Wetworks, quindi negli ultimi anni ho pensato a un altro team con un altro concetto che possa soddisfarmi nel genere sci-fi militare, principalmente perché ci sono storie che non abbiamo raccontato, se ricordi Wetworks, era una squadra militare e la fantascienza è cambiata lì, avevano armature liquide metalliche simbiotiche, erano davvero dei piccoli scienziati che stavano sperimentando il DNA dei personaggi, c’era Dozer che era un bodybuilder dopo i suoi muscoli erano cresciuti in modo esponenziale, Grail che faceva arti marziali che voleva sempre stare con l’esercito per comunicare con “Chi” … Secondo i miei termini in Wetworks, siamo arrivati ​​al punto in cui gli scienziati pazzi stavano iniziando a mutare la squadra, ma non siamo mai arrivati ​​al partita finale. Avevo delle storie individuali in cui quei personaggi hanno lasciato… (qui non ha finito di raccontare quello che stava dicendo), sto cercando di capire la maniera per proporre il tutto.

Illustrazione di Wetworks di Whilce Portacio

FM: La seconda domanda ci viene posta dal pubblico, Mark Woodward ci chiede: “Con quale casa editrice ti è piaciuto lavorare di più, Marvel o Image? E perché?

WP: Realmente, è come il tuo primo appuntamento, come la tua prima ragazza, sono cresciuto con molti personaggi Marvel. Quando sono arrivato a lavorare alla Marvel, come ogni altro fan che diventa un creatore e un artista, hai già tutte le idee nella tua testa di ciò che vuoi fare con i personaggi, e ho avuto la straordinaria fortuna di poter entrare a far parte della famiglia degli X-Men. e poi creare i miei X-Men con Bishop, quelli sono stati i momenti migliori.

C’è un interessante contrasto tra lavorare con Marvel o DC allora, negli anni ’80 e dai primi anni ’90 ad oggi, quando lavoravo su X-Men, regolarmente si vendevano circa 400.000 copie di fumetti di X-Men ogni mese, così in termini di pubblicità avevamo un ottimo seguito, soprattutto rispetto ai numeri di adesso, ma tutta la nostra società e il resto del mondo sapevano molto poco di fumetti e supereroi. Il punto è che perché stavamo facendo soldi e avendo successo nella pubblicità, ma il mondo non ci stava davvero prestando attenzione, per questo motivo era possibile che ad un artista con due anni di esperienza, come me allora in X-Men,  hanno chiesto di creare il suo personaggio; ci hanno permesso molte cose, una volta verificato che potevi fare il lavoro e farlo in tempo, e parlare con il pubblico, i redattori della compagnia ti hanno davano molta libertà. Molte delle storie che abbiamo fatto in X-Men erano le storie che volevo fare, le storie che Jim (Lee Ndr) voleva fare, le storie che il nostro Editor voleva fare, avevamo molta libertà. Soprattutto se ricordi che allora, molti degli artisti di maggior successo avevano un titolo, hanno dato loro la libertà di cambiare i costumi, cosa che oggi non accade più.

Cover di X-Factor #65 disegni di Whilce Portacio

Ora hai numeri di vendita molto inferiori rispetto a prima, ma tutti conoscono i supereroi. Mia nonna mi porta i fumetti da firmare per i suoi amici, sai, tutti conoscono i fumetti, ora ci sono personaggi da 1 miliardo di dollari nel settore quindi ora cambiare la ciocca di capelli di Superman da un lato all’altro costerebbe 200 milioni di dollari.

C’è pochissima libertà di creatività rispetto ad allora.

E per rispondere alla tua domanda, quei tempi Marvel sono stati fantastici e grazie a quella libertà che noi sette avevamo, abbiamo creato Image Comics. L’immagine era esattamente quello che abbiamo fatto in X-Men, eravamo abituati a quella libertà e l’abbiamo mantenuta, quindi in quel senso, la Marvel sarebbe come la mia prima ragazza, ha un posto speciale nel mio cuore perché era dove abbiamo avuto quella libertà per la prima volta, lì è stato che ho imparato a comunicare al grande pubblico per la prima volta.

Cover di the Punisher #10, disegni di Whilce Portacio

FM: Quali sono i tuoi progetti presenti e futuri e c’è qualcosa che possiamo vedere?

WP: Ho appena iniziato ad aprire la mia lista di commissioni, sto facendo alcune commissioni, qui sulla mia scrivania c’è la copertina di Bloodshot per The Hero Initiative che sto facendo, devo ancora fare un braccio e lo sfondo, questa invece è una commissione privata, si tratta di Blacklash e il personaggio femminile della squadra, questo è solo lo schema che chiamiamo “Spot Black”, avrò bisogno di un’altra ora per completare il reticolo trasversale e le ombre.

Quello su cui sto davvero lavorando ora è un progetto personale, sono nato nelle Filippine ma quando avevo due anni mi sono trasferito negli Stati Uniti, e da allora sono qui, ho 56 anni e sono qui da 54 anni, il  punto è che sono cresciuto più americano che filippino, quindi negli ultimi 20 anni sono andato e tornato nelle Filippine. Ora ho molti amici e contatti lì, conosco di più della mia cultura, ho imparato sulla mia storia e sulla mia gente.

Commissione privata di Whilce Portacio. , si tratta di Blacklash e il personaggio femminile della squadra, questo è solo lo schema che chiamiamo "Spot Black", avrò bisogno di un'altra ora per completare il reticolo trasversale e le ombre.

Voglio fare il mio prossimo fumetto incentrato su qualcosa sulle Filippine. Perché non sono cresciuto nelle Filippine e grazie ai miei oltre 30 anni di esperienza nei fumetti sui supereroi americani, nel crearli, tenerli, metterli fuori, mantenere un pubblico, ora che voglio fare un eroe filippino e voglio parlare della società filippina e dei filippini, con la mia esperienza posso fare la struttura, il design, il mondo, ma per molto tempo non ho potuto scriverlo perché non sono cresciuto nelle Filippine, cioè se voglio creare un eroe filippino, quell’eroe deve prima di tutto essere connesso direttamente con un pubblico filippino, quindi se non dice e non fa le piccole cose che lo rendono un filippino, si guardarebbe solo l’artista.

Non posso fare qualcosa solo perché le persone vogliono vederlo, come in Wetworks o Marvel, volevo fare una cosa sui militari ma era quello che ero diverso allora. Ho incontrato un altro artista filippino che è fondamentalmente uno storico delle arti marziali filippine e della storia filippina, quindi ora siamo in procinto di prendere tutte le nostre idee e pensieri sulla società filippina, perché entrambi siamo cresciuti negli Stati Uniti. Uniti, vogliamo fare qualcosa che  mostri il contrasto tra supereroi americani e supereroi filippini, l’idea principale è che se un filippino diventasse un supereroe, come reagirebbe? Come reagirebbe al cambiamento? Cosa farebbe con quel potere? È interessante la posizione in cui ci troviamo in cui nelle notizie si può vedere la reazione degli Stati Uniti a questa nuova realtà (pandemia di coronavirus), e se si potesse guardare la TV nelle Filippine si può vedere la reazione delle Filippine su questo, e la reazione in Italia, Francia, Giappone, hanno tutti le loro differenze culturali.

Con il mio partner Rafael, parliamo di questo progetto da 10 anni, ed è solo a causa di questa situazione che ci è diventata più chiara, tra virgolette, la filosofia occidentale e orientale, e il bene e il male. Se hai intenzione di scrivere una storia molto buona, devono esserci il buono e il cattivo, perché se scrivi solo il male, soltanto ti stai lamentando, se scrivi solo il bene, stai solo fantasticando, quindi devi scrivere del  buono e del cattivo. Questa nuova storia coinvolgerà tutto ciò che volevo dire e grazie a questa situazione e al mio allenamento, sarà in grado di adattarsi alla situazione in cui ci troviamo, l’eroe è fondamentalmente un frontliner.

Gli eroi americani hanno raggi gamma, apparecchiature robotiche informatiche e cose del genere. Per la filosofia orientale che è sempre stata spirituale, e nelle Filippine, beh in Asia, c’è una cosa chiamata “il terzo occhio”, significa che è un occhio che può davvero vedere il piano spirituale, in alcune storie vede demoni, fantasmi e anime, e quello che stiamo facendo è usarlo come un potere in modo che possa vedere il buono in noi e vedere il male che sta cercando di distruggere, perché nelle Filippine, la prospettiva occidentale è ad esempio, se c’è un uomo anziano e si lamenta e urla a tutti, il mio lato americano proverebbe un po’ di aggressività o rabbia sul perché stia usando la sua rabbia su di me? Questo è il punto di vista americano, ma il punto di vista filippino è che la persona è stata ferita nella sua vita passata e non è stata curata, ci guardiamo dentro, ed è quello che farà il mio eroe, si guarderà dentro, mi dispiace per aver impiegato troppo tempo ma quando  fai un progetto come questo, diventa come una musa e devi inseguirlo.

Cover di Wetworks #1 disegni di Whilce Portacio

FM: L’ultima domanda, conosci qualche fumettista italiano?

WP: Simone Bianchi, mi invita sempre nella sua villa, mi racconta sempre della sua casa. Mia figlia è innamorata dell’Italia e vuole andarci sempre. Simone Legno è italiano? È un mio amico, l’ho conosciuto molto tempo fa nelle Filippine, va sempre nelle Filippine.

FM: Whilce grazie per le tue risposte, da parte di Comics Reporter e Fumettomania ti ringraziamo e ti salutiamo.

WP: Grazie, abbiate cura di voi.

Foto di Filippo marzo con Whilce Portacio

Biografia breve di WHILCE PORTACIO

Creatore del mutante Bishop e co-fondatore di Image editore, Whilce Portacio ha oltre 30 anni di esperienza nell’industria dei fumetti.

La carriera di Portacio è decollata nel 1985, quando gli è stata data l’opportunità di inchiostrare i fumetti di Alien Legion e Longshot. Successivamente, l’artista è diventato il fumettista di Strikeforce: Morituri. Col passare del tempo, Whilce Portacio si è fatto strada nel settore, classificandosi tra gli artisti più importanti della Marvel, dove ha avuto l’opportunità di disegnare la serie regolare The Uncanny X-Men, la miniserie Legion of Night, The Punisher Vol.2, X-Factor , Iron Man Vol. 2 e X-Force. Dopo, la sua partenza dalla Marvel, è stato uno dei sette co-fondatori di Image, dove ha creato il fumetto di Wetworks.

È considerato uno dei  migliori copertinisti. Altri titoli in cui ha collaborato sono Journey Into Mystery, The Incredible Hulk Vol.3, Authority, Stormwatch, Batman Confidential, Superman / Batman, Spawn, Darkness, tra gli altri.

Nel 2013 ha iniziato a collaborare con Glen Brunswick alla miniserie firmata Non-Humans, pubblicata da Image.

Illustrazione dedicata a Spawn , disegni di Whilce Portacio


NOTE EXTRA

IL VIDEO DELL’INTERVISTA a WHILCE PORTACIO

Nel caso non appaia l’anteprima del video ecco il link da digitare e/o cliccare per vederlo sul canale You Tube di Comics Reporter:

https://youtu.be/vw3qh-Dc0x8


LE ALTRE “QUATTRO CHIACCHIERE”

Prima intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-ariel-olivetti/

Seconda intervista  – https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-nicola-mari/

Terza intervista  https://www.fumettomaniafactory.net/ann-nocenti-scambia-quattro-chiacchere-con-filippo-marzo/

Quarta intervista — https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-howard-chaykin/

Quinta intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/quattro-chiacchiere-con-walt-simonson/

Sesta intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/intervista-a-sal-velluto/

Settima intervistahttps://www.fumettomaniafactory.net/il-fantasy-di-charles-vess-intervista/

Ottava intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/250-volte-savage-dragon-intervista-a-erik-larsen/

Nona intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/dal-bianco-e-nero-al-colore-intervista-a-lucio-parrillo/

Decima intervistahttps://www.fumettomaniafactory.net/lintervista-bob-mcleod-un-vero-gentiluomo-del-fumetto/

Undicesima intervista https://www.fumettomaniafactory.net/intervista-allo-scrittore-peter-david/

Dodicesima intervista – https://www.fumettomaniafactory.net/italiani-protagonisti-dei-comics-usa-intervista-allo-marco-santucci/

Tredicesima intervista: https://www.fumettomaniafactory.net/philip-craig-russell-il-signore-del-barocco-a-fumetti/


BIOGRAFIA/BIOGRAPHY

Filippo Marzo nasce nel 1975, grande appassionato fin da piccolo di cartoni animati e fumetti, da Topolino a Sturmtruppen fino a Beetle Bailey. Crescendo i suoi gusti si spostano verso i super eroi e il connubio durerà per moltissimi anni.

Collaboratore con fanzine locali, diverse fan page e siti con contenuti cinematografici, visto che il cinema è un’altra sua passione. Piccolo collezionista di opere originali  è curatore di due mostre di sketchbook di disegnatori di comics negli anni ’90, sposta ancora una volta i suoi interessi verso il fumetto maturo e dai contenuti artistici sopraffini, con un occhio di riguardo alle case editrici indipendenti, come Eclipse, Tundra, Fantagraphics e Dark Horse. Fan delle opere di Bill Sienkiewicz, Mike Mignola e John Byrne. Da  qualche tempo reporter e corrispondente dall’estero per quanto riguarda Comic Convention che hanno luogo in Messico e negli Stati Uniti.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.