FUMETTOMANIA continua anche nel 2024 a celebrare i 60 ANNI di DOCTOR WHO!

Con l’episodio del 25 dicembre, trasmesso dalla BBC nel Regno Unito ed in Italia da Disney+, si sono conclusi i 3 episodi speciali con i quali sono stati festeggiati i 60 anni della serie televisiva di Doctor Who più quello Natalizio.

Nelle precedenti settimane abbiamo letto la bella trilogia di Fabio Ciaramaglia (un lungo articolo dal titolo The Shakespeare Code dedicato al secondo episodio della terza stagione di Doctor Who, dopo il reboot dei primi anni 2000), e l’interessante breve saggio di Alessandro Bottero, grande esperto di fumetti, oggi torniamo nel Regno Unito.

Oggi, dopo la conclusione dei 4 episodi speciali pubblichiamo la recensione completa di The Star Beast, primo episodio speciale di Doctor who, trasmesso il 25 novembre, e degli stralci delle recensioni degli altri 3 episodi speciali di DW trasmessi il 2, il 9 ed il 25 dicembre (le recensioni le potete leggere integralmente nei rispettivi link indicati sul sito downthetubes, NdR).
Le recensioni sono di un altro grande esperto del Dottore Tim Robins che viene pubblicato grazie al nostro amico John Freeman.

Il Dottore è tornato, ed anche il suo pubblico!
Auguri per i suoi 60 anni.

Nota bene: Doctor Who © 2023 BBC Studios. Le immagini che pubblichiamo sono solo a fini divulgativi.

Mario Benenati
Presidente di Fumettomania Factory APS
e direttore culturale del sito-magazine omonimo

P.S.: Continuiamo a ringraziare a John Freeman per la sua strip e per gli altri articoli e tutti gli altri amici ed amiche che pubblicheremo nelle prossime settimane: Elena Casagrande, Fabio Ciaramaglia, Bryan Talbot, Sonia Saturno, Alessandro Bottero, Tim Robins (che pubblichiamo oggi), Luigi Iannelli, Antonino Barreca, Maria Celeste Arena, Gabriela Pinzaru, Damiano Gallinaro e, mi auguro, tanti altri artisti.
I nostri ringraziamenti sono molto sentiti, perché sappiamo bene che non è facile per un autore professionista partecipare a questi tipi di progetti, immerso com’è nei vari impegni di lavoro. Grazie di cuore a tutti.


WE CELEBRATE 60 YEARS OF DOCTOR WHO
(Celebriamo i 60 anni della serie televisiva Doctor Who)

Nuovo Banner promozionale per il nuovo DOCTOR WHO, in occasione dei 60 YEARS del DW
Nuovo Banner promozionale per il nuovo DOCTOR WHO, in occasione dei 60 YEARS del DW © 2023 BBC Studios. Immagine utilizzata solo a fini divulgativi.

Recensione: Doctor Who –The Star Beast, di Tim Robins

(Articolo originario di TIM ROBINS del  )

ATTENZIONE: SPOILER!
Tre speciali del 60° anniversario di Doctor Who, “The Star Beast” (25 novembre), “Wild Blue Yonder” (2 dicembre) e “The Giggle” (9 dicembre), riuniranno il Quattordicesimo Dottore (David Tennant) e Donna Temple-Noble (Catherine Tate) che si troveranno faccia a faccia con il più terrificante dei cattivi: il Giocattolaio, interpretato da Neil Patrick Harris, al suo debutto in Doctor Who.

IMMAGINE PROMOZIONALE dello speciale n. 1per il 60° anniversario di Doctor Who, "The Star Beast" (25 novembre)

Lo scorso sabato 25 novembre, David Tennant, che interpreta il Dottore, e Catherine Tate, che riprende il ruolo della compagna Donna Noble, si sono riuniti sullo schermo in The Star Beast, il primo di tre speciali che avevano il compito di riportare l’amore per Doctor Who nell’anno del suo 60° anniversario. Sono felice, e anche un po’ sollevato, di dire che è riuscito oltre le mie aspettative. Abbiamo anche un nuovo interno del TARDIS. Sembra enorme, freddo e vuoto di emozioni. Ottimo per trasmettere le dimensioni, ma non altrettanto per trasmettere il TARDIS come luogo di comfort e sicurezza. Mi aspetto che cresca con me.

Dietro le quinte, troviamo personaggi come lo showrunner Russell T Davies, Julie Gardner (uno dei quattro produttori esecutivi), il compositore Murray Gold e il produttore Phil Collinson. In pratica, la banda del 2005 è tutta qui. E si vede. Le foto trapelate delle location hanno rivelato le riprese notturne e le battaglie nelle strade di periferia che hanno caratterizzato alcune delle migliori storie di Christopher Eccleston e David Tennant, e non sono bastate molte di queste per farmi capire che il primo Speciale del 60° Anniversario sarebbe stato un adattamento della prima striscia a fumetti di Doctor Who Weekly “Doctor Who and The Star Beast”, recentemente ripubblicata in Doctor Who: The Fourth Doctor Anthology di Panini, pubblicato all’inizio di questo mese, anche se con Tennant anziché Tom Baker come Dottore.

Questo mi ha messo in agitazione, perché la striscia era una delle poche storie che riusciva a incanalare l’energia anarchica di 2000AD, grazie allo scrittore Pat Mills (anche se co-creditato nel fumetto originale, lui e John Wagner si alternavano nella sceneggiatura delle prime storie settimanali) e all’arte di David Gibbons. Ma ciò che funziona bene in un fumetto non sempre funziona in altri media.

Doctor-Who-Marvel-US-01 - Cover
“The Star Beast” was the first story to run in Marvel Comics colour reprint of the Doctor Who Weekly strips when the title launched in the United States in 1984. Earlier stories appeared in issues of Marvel Premiere. Cover art by Dave Gibbons

In Doctor Who Weekly, “The Star Beast” è una disavventura comica, costruita sul concetto che le apparenze possono essere ingannevoli. Il tragico e adorabile Beep the Meep è braccato in tutta la galassia dai Wrarth, una razza di orrendi crostacei umanoidi. Ma quando il Dottore interviene, scopre che le cose non sono come sembrano.

Davies aveva altri obiettivi per l’adattamento televisivo, non ultimo reintrodurre Donna Noble (Tate) e introdurre la sua nuova famiglia. Il problema era che, quando si erano incontrati l’ultima volta, in “Journey’s End”, il Dottore aveva diviso la mente di Donna dopo che questa aveva assorbito la conoscenza e l’energia dei Signori del Tempo. Se quei ricordi dovessero tornare, Donna morirebbe perché la sua mente umana non sarebbe in grado di contenerli tutti.

Per quanto questa continuità sia astratta, il Dottore incontra Donna mentre barcolla per la città trasportando un’enorme pila di regali di Natale, una manifestazione fisica del significato dell’incontro.

Davies è bravissimo a scrivere personaggi comprensibili. Osservare l’impatto dell’azione del Dottore sulla vita di Donna Noble è stato straziante. Aveva persino mandato all’aria l’enorme vincita alla lotteria che le aveva cambiato la vita, organizzata dal Dottore in “The End of Time“, ignara del fatto che stava mettendo in atto l’impulso del Dottore stesso a salvare le persone. Davies scrive di personaggi con il cuore, non di intelletti intelligenti con personalità solo belle sulla carta. Le sue storie sono drammi nel senso di Soap Opera, non il dramma della mappatura di complessi punti di continuità su una lavagna bianca.

Doctor-Who-The-Star-Beast-Doctor
The Fourteenth Doctor arrives on Earth in The Star Beast. Image: BBC/ Bad Wolf
Doctor-Who-The-Star-Beast-Meep-Shed
Donna and daughter Rose with the Meep in The Star Beast. Image: BBC/ Bad Wolf

Perché Tennant è tornato a vestire i panni del Dottore al di là di un reboot morbido e necessario?

In termini di storia. “Come?” è la domanda migliore. Sappiamo che il Dottore può rigenerarsi per assomigliare ad altre persone. Il Sesto Dottore (Colin Baker) assomigliava a una guardia della Cancelleria che aveva incontrato su Gallifrey e il Dottore di Peter Capaldi assomigliava a un personaggio (Caecillius) che aveva incontrato in “The Fires of Pompeii”. Quest’ultimo è stato spiegato come il volto del Dottore fosse un ricordo inconscio di una promessa fatta a Donna Noble in quella storia. Poi c’era il Curatore, un Dottore del futuro che rivisitava il volto di Tom Baker (in “The Day of the Doctor”). Tuttavia, questa volta il motivo sembra meno giocoso e più minaccioso.

D’altronde, perché Donna Noble ha chiamato sua figlia come Rose Tyler?

La risposta a questa domanda ci fa capire ancora una volta l’impatto che il Dottore ha avuto sulla vita di Donna Noble e come il suo dilemma mortale sia stato risolto, almeno per ora. Inoltre, dà un nuovo significato ai peluche che sua figlia Rose ha fabbricato e al capanno in cui li ha realizzati. Ancora una volta, Davies riesce a dare un significato emotivo a un colpo di scena e, ancora una volta, il cast è all’altezza della situazione, per coinvolgerti nelle idee fantascientifiche più strampalate che si possano immaginare.

Doctor-Who-The-Star-Beast-Wrath-Warrior

Sono stato coinvolto in tutti questi enigmi, ma se questo fosse stato tutto ciò che “The Star Beast (La Bestia Stellare)” aveva da offrire, ora non ne sarei entusiasta. Ci sono stati azione, spettacolo, costumi fantastici e musica coinvolgente. C’è molto lavoro da fare in una produzione come questa per farla sembrare senza sforzo. Detto questo, l’aspetto di The Meep non mi ha entusiasmato. Non era la palla di pelo rotonda immaginata per la prima volta nel Doctor Who Weekly. Per me, i riccioli setosi e lunghi della versione per lo schermo, le mani e le figure tozze facevano assomigliare il Meep a una grottesca nonnina.

Come nel 2005, Davies si preoccupa di avere un cast e dei personaggi inclusivi. Fu infatti il fumetto “The Star Beast” a introdurre la prima compagna nera del Dottore. Anni dopo, Davies dovette scrivere a margine della sceneggiatura di “Rose” che Mickey Smith, il fidanzato di Rose Tyler, era di colore, per assicurarsi che il ruolo fosse assegnato correttamente.

In “The Star Beast” si intrecciano una famiglia meticcia, una figlia trans, identità non binarie e l’uso della sedia a rotelle di Shirley Anne Bingham (interpretata da Ruth Madeley) che non era, come i TV Tropes mi avrebbero fatto pensare, un personaggio malvagio su una sedia a rotelle, ma in realtà un consulente scientifico della UNIT – il vecchio ruolo del Dottore.

Yasmin Finney ha interpretato Rose, la figlia trans di Donna. Questo è un passo avanti per la rappresentazione dei trans in televisione ed è stato accolto con favore da molti fan di Doctor Who, come la YouTuber Jessie Gender. Ci sono state preoccupazioni per il fatto che nella storia Rose passa da una giovane donna transgender senza problemi nella vita a un super-dio alla fine. In realtà, la maggior parte dei gruppi emarginati desidera essere trattata come persone normali.

Doctor-Who-The-Star-Beast-Doctor-in-TARDIS

Per quanto mi riguarda, confesso di non essere riuscita a raccapezzarmi nell’esposizione conclusiva, anche perché è stata pronunciata in un crescendo di effetti speciali e orchestrazione. Una persona può essere transnon-binaria? Suppongo che la risposta sia “sì”, ma il tropo personale di Davies “Non sono solo una persona, sono un dio dello spazio” avrebbe potuto essere abbandonato nel 2005, quando fu usato per la prima volta in “Bad Wolf”.

Se vuoi goderti la storia di “The Star Beast” come era stata concepita, allora recuperate il fumetto originale. Ha grandi momenti comici ed è allegramente cattiva. In un fumetto è facile accostare l’aspetto, le parole e i pensieri di un personaggio. Ci sono momenti fantastici, come il Dottore che si prende gioco del “seggiolone” robotico di The Meep e il Wrarth che prende il tè pomeridiano con una famiglia.

Per quanto riguarda lo speciale, la BBC ha definito gli ascolti notturni di 5,08 milioni di telespettatori come un enorme successo, ma i dati ricordano anche quanto poche persone guardino effettivamente la TV al giorno d’oggi su trasmissioni terrestri, rispetto ai servizi di streaming, almeno nella data in cui gli spettacoli vengono trasmessi per la prima volta.

Nel frattempo, un critico del Radio Times si è detto entusiasta: “È il tipo di episodio che farà affollare tutta la famiglia intorno alla TV, il tipo che farà venire voglia ai bambini di correre in giro con il cacciavite sonico combattendo mostri e salvando il mondo, e il tipo che ti farà credere di nuovo nella magia di Doctor Who“.

Sono sicuro che questo è l’obiettivo, ma mi chiedo se i peluche di Beep the Meep saranno presenti sugli scaffali per Natale?

Fino ad allora, un felice sessantesimo anniversario a tutti voi! Meep! Meep!

Tim Robins

  • La Bestia Stellare è disponibile su BBC iPlayer nel Regno Unito e su Disney+ in tutto il mondo.

  • Big Finish: Doctor Who – The Star Beast Audio Adventure è presente in Doctor Who: Adattamenti a fumetti Volume 01
    scritto da Pat Mills & John Wagner (adattato da Alan Barnes) e diretto da Nicholas Briggs

Continua a guardare…

• Episode 1: The Star Beast | The Official Doctor Who Podcast | Doctor Who (episodio 1: La Bestia Stellare | Il Podcast Ufficiale di Doctor Who | Doctor Who)

• Behind the Scenes | The Star Beast | Doctor Who (Dietro le quinte | La Bestia Stellare | Doctor Who)

Tim Robins

A freelance journalist and Doctor Who fanzine editor since 1978, Tim Robins has written on comics, films, books and TV programmes for a wide range of publications including Starburst, Interzone, Primetime and TV Guide.

His brief flirtation with comics includes ghost inking a 2000AD strip and co-writing a Doctor Who strip with Mike Collins. Since 1990 he worked at the University of Glamorgan where he was a Senior Lecturer in Cultural and Media Studies and the social sciences. Academically, he has published on the animation industry in Wales and approaches to social memory. He claims to be a card carrying member of the Politically Correct, a secret cadre bent on ruling the entire world and all human thought.


Tim Robinsh ha scritto e pubblicato anche le recensioni degli episodi speciali n.2. “Wild Blue Yonder” (2 dicembre) e n.3 di Doctor Who e “The Giggle” (9 dicembre), e dell’episodio Speciale di Natale 2023.
Ecco uno stralcio di ognuno dei tre speciali episodi:

Recensione: Doctor Who – Wild Blue Yonder, di Tim Robins

DI JOHN FREEMAN DEL  

Doctor Who (2023). Image: BBC Studios/ Bad Wolf | Created by Fahran Younas

Il TARDIS porta il Dottore e Donna ai confini dell’avventura. Per fuggire, devono affrontare la lotta più disperata della loro vita, con il destino dell’universo in gioco. 

Dopo 60 anni di esistenza, Doctor Who è ancora in grado di riservare agli spettatori più di qualche sorpresa. In contrasto con il suo predecessore ricco di azione, “The Star Beast”, “Wild Blue Yonder”, il secondo dei tre speciali per l’anniversario, era un inquietante botta e risposta tra David Tennant e Catherine Tate, ambientato per lo più in un lungo corridoio fantascientifico (sembrava una sorta di scherzo sulla predilezione della serie per i corridoi).

Non si sapeva molto della storia prima della messa in onda. Tutte le scene, tranne una manciata verso la fine, sono state girate in studio e quindi inaccessibili ai fotografi. Lo showrunner Russel T Davies ha spiegato che voleva che la storia sorprendesse le persone. È facile capire perché.

“Wild Blue Yonder” (da non confondere con l’omonimo film fantasy diretto da Werener Herzog nel 2005) è una storia misteriosa che diventava sempre più inquietante man mano che i viaggiatori e noi imparavamo a conoscere la situazione. Per questo motivo, qualsiasi discussione sulla storia rischia di rovinare il tuo divertimento. Quindi, se non hai visto lo speciale ma hai intenzione di farlo, salta subito a bordo – oops, ho già detto troppo.

Nonostante sia ambientato in un ambiente per lo più ben illuminato, “Wild Blue Yonder” riesce a essere incredibilmente spaventoso, soprattutto perché il Dottore e Donna vengono scaricati senza tante cerimonie dal TARDIS in una nave che ricorda il mondo del videogioco di Valve, Portal. Il TARDIS abbandona poi i viaggiatori attivando il suo sistema di spostamento delle azioni ostili, allontanandosi fino a quando il pericolo non è passato e portando via il “sonic” del Dottore per buona misura.

…. CONTINUA NELL’ARTICOLO ORIGINARIO di JOHN FREEMAN del 


Recensione: Doctor Who – The Giggle, di Tim Robins

( ARTICOLO ORIGINARIO DI TIM ROBINS DELL’ )

immagine promozionale del terzo episodio speciale di doctor who
Image: BBC Studios/ Bad Wolf | Created by Fahran Younas

Un sinistro negozio di giocattoli. La Terra che erutta violenza. Onde d’urto che attraversano la storia…

ATTENZIONE: CONTIENE SPOILER

Le risate sono state poche in “The Giggle“, l’ultimo dei tre speciali per l’anniversario di Doctor Who, che ha visto il Dottore (David Tennant) e Donna Noble (Catherine Tate) contrapposti al Giocattolaio, un cattivo degli anni ’60 interpretato prima da Michael Gough e ora da Neil Patrick Harris di Doogie Howser MD (1989-1993), How I Met Your Mother (2005-2014) e Starship Troopers (1997).

“The Giggle” riprendeva vagamente la storia di “Wild Blue Yonder”, in cui il Dottore evocava una superstizione ai confini dell’Universo e liberava così il Giocattolaio, una forza cosmica amorale dedita solo al gioco e vincolata solo dalle “regole”, qualunque esse siano. Ma il vero scopo della storia sembrava essere quello di preparare le prossime produzioni di Doctor Who, tra cui lo Speciale di Natale di quest’anno con Ncuti Gatwa nei panni del Quindicesimo Dottore, una possibile serie UNIT sulla falsariga di Torchwood e le avventure separate del Quattordicesimo Dottore e di Donna Noble.

Nello stesso articolo, lo showrunner Russell T Davies ha indicato cosa diventerà l’universo di Doctor Who. Ad esempio, la UNIT si trova ora nella torre dei Vendicatori della Marvel invece che nella tranquilla casa di campagna di Jon Pertwee quando era il Dottore negli anni ’70: possibile che un crossover MCU/Doctor Who sia lontano? (Dopotutto, è già successo nei fumetti durante l’era Marvel UK).

doctor-who-60th-anniversary-avengers

Abbiamo anche appreso che i nemici del Dottore saranno personaggi superpotenti simili a divinità, amati dallo showrunner. A quanto pare, il Giocattolaio ne aveva schiere, che ora si stanno scagliando contro il Dottore. Immagino che Sutekh, gli Eterni, il Maestro, Rassilon e Omega siano tutti in lizza. Sarà interessante vedere come lo scenario del Dottore contro i supercattivi influirà sul tono della serie.

…. CONTINUA NELL’ARTICOLO ORIGINARIO di TIM ROBINS DELL’   )


Recensione: Doctor Who Christmas Special – The Church on Ruby Road
di Tim Robins

( Articolo di TIM ROBINS del    )

FRAME dallo speciale del 25 dicembre di docor Who, dal titolo The Church on Ruby Road

ATTENZIONE: CONTIENE SPOILER

Devo ammettere che ho guardato lo speciale di Natale di Doctor Who immaginando di avere un account su ‘X’ e di avere un dito sul tasto hashtag pronto a scrivere “#notmydoctor”. Ma questo fa parte del fascino di Doctor Who. Può essere qualsiasi cosa, anche cose che non mi piacciono molto, come, in questo caso, un enorme marchio internazionale inserito in una sorta di spettacolo di varietà tutto canti e tutto balli, con vignette drammatiche nel mezzo.

Per quanto riguarda la battaglia degli ascolti televisivi terrestri del giorno di Natale, la BBC ha fatto piazza pulita di ITV, occupando i primi otto posti su dieci nella classifica dei programmi televisivi più visti. Doctor Who si è piazzato al terzo posto, battuto solo da Il discorso del re (che mi sono perso) e Strictly Come Dancing (che non guardo mai). È probabile che Doctor Who abbia attirato un pubblico più giovane rispetto ai primi due programmi e non geriatrici come me. Bene. È così che dovrebbe essere.

A quanto pare, la Disney è preoccupata per il disinteresse dei bambini verso l’universo di Star Wars e per l’impatto che questo avrà sulle vendite del merchandising. Al contrario, se questa iterazione del Dottore sarà popolare, mi aspetto di vedere bambini che piroettano per le strade con abiti fetish gay, proprio come hanno fatto con i fezzes durante il periodo in cui Matt Smith era il Dottore.

Questo è stato il modo in cui la storia ha introdotto il nuovo Dottore al pubblico delle famiglie: vestito con un kilt, un gilet e degli stivali, girava come un derviscio rotante sulla pista da ballo di un night club. Veramente geniale. Ci sono cose che solo certi Dottori possono o non possono fare. Solo il Dottore di Matt Smith poteva giocare a calcio, mentre Stephen Moffat ha trasformato il povero Peter Capaldi nel Dottore Papà Imbarazzante dandogli una chitarra elettrica da suonare.

La storia : una bambina viene lasciata fuori da una chiesa la vigilia di Natale, viene accolta da una famiglia e le viene dato il nome della strada in cui si trovava la chiesa. La piccola Miss Road cresce con il rischio di incidenti e vive una vita piena di coincidenze che attirano i folletti che navigano nel tempo, affamati di bambini. Il Dottore interviene per salvare un bambino appena adottato e la stessa signorina Road quando era una bambina nel passato. Tra le altre cose, il Dottore si unisce a una discoteca goblin nel cielo, organizzata per celebrare l’alimentazione di un bambino al Re dei Goblin. Il Dottore, Ruby e il bambino riescono a fuggire, ma solo dopo aver eseguito un numero musicale. C’è dell’altro, ma non riesco a credere che sto scrivendo queste parole.

La trama sarà stata anche un po’ folle, un po’ di cracker, un po’ di orpelli, ecc. ma Ncuti Gatwa ha preso tutto con filosofia. Il Dottore di Gatwa è il Dottore più ostentatamente gay da quando Jon Pertwee indossava una giacca da fumo di velluto, una camicia bianca a balze e un mantello viola. E nessuno sembra avere intenzione di abbassare il volume. È un ragazzo nero molto sexy e lo sa. Fortunatamente, ha le capacità recitative per accompagnare il suo corpo. Il ruolo del Dottore gli è appartenuto completamente. Finalmente qualcuno a cui non è stato detto di “essere più simile a David Tennant”.

…. CONTINUA NELL’ARTICOLO ORIGINARIO di TIM ROBINS)


I FUMETTI DI DOCTOR WHO IN ITALIA

I fumetti di Doctor Who, attualmente sono pubblicati dall’editoriale Cosmo, digitando il link seguente vedrete quali sono i volumi in vendita e come acquistarli.

https://www.editorialecosmo.it/serie/doctor-who-editoriale-cosmo/


UN PO’ DI RASSEGNA STAMPA SUL LANCIO DEL NOSTRO PROGETTO SUI 60 ANNI DI DOCTOR WHO

Sul web

https://downthetubes.net/italys-fumettomania-factory-celebrates-60-years-of-doctor-who-and-announces-other-special-projects-devoted-to-the-ninth-art/

https://www.afnews.info/w22/2023/11/16/doctor-who-60-e-gli-altri-special-project-di-fumettomania-per-il-biennio-2023-24/

https://magazinepausacaffe.blogspot.com/2023/11/festeggiamo-i-60-anni-di-doctor-who.html

https://www.tempostretto.it/news/fumettomania.html

https://www.orawebtv.it/barcellona-pg-lultima-stagione-di-fumettomania/

https://24live.it/2023/09/28/lultima-stagione-di-fumettomania/

CONTINUA NELLA SECONDA PAGINA
CON LE NOTE EXTRA E LE REGOLE PER PARTECIPARE (fino al 31 gennaio) A QUESTO SPECIALE …


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.