immagine disegnata da Hugo Pratt

Seconda parte, subito dopo ferragosto, dell’articolo su ANEDDOTI E CURIOSITA’ nel mondo del fumetto USA, a cura del super esperto Dario Janese.
Di questi bei articoli ne potremo leggere almeno altri 3 da fine settembre, nella seconda stagione di Lone Ranger.
Buona lettura e se l’articolo vi piace condividetelo, grazie.

Mario Benenati, curatore di Fumettomania Web Magazine

Nota introduttiva per chi ci legge: TUTTI gli articoli (tranne due, che sono completamente inediti ) sono estratti da un precedente blog di Dario: “Lone Ranger, Blog di storia critica del fumetto” , e vengono ri-pubblicati, a distanza di oltre sette anni, nel nostro web magazine con alcune piccole modifiche e completati con l’aggiunta di immagini.


FLASHFACT.
Cose che vi Stupiranno del Fumetto. Parte seconda

(Articolo del 13 maggio 2013)

Cover di Action comics #1, 1938

1. Superman

Superman, come tutti sanno, è un alieno proveniente dallo scomparso pianeta Krypton.
Bruce Wayne alias Batman  è di origine scozzese. Il suo nome di battesimo viene dal patriota autonomista scozzese Robert Bruce: il cognome poteva essere Adams o Hancock, ma alla fine il co-creatore e disegnatore Bill Finger convinse Bob Kane a usare quello del rivoluzionario americano Anthony Wayne (detto il Folle) figlio di irlandesi e comandante al fianco di George Washington.
Wonder Woman, al secolo Diana Prince, è una dea greca venuta come ambasciatrice dell’isola favolosa di Themiscyra, popolata di sole donne Amazzoni e proibita agli uomini (intesi come maschi).

Steve Rogers, cioè il Capitan America simbolo della democrazia del Nuovo Mondo, è di famiglia irlandese, cresciuto nelle periferie degradate dove vivevano gli immigrati più poveri negli anni ’20.
Zio Paperone (Scrooge McDuck) è nativo scozzese emigrato alla fine dell’800.
Linus di Peanuts e sua sorella Lucy sono ebrei di origine olandese (Van Pelt).
In definitiva, ben pochi tra i più noti protagonisti del fumetto americano sono autentici americani, mentre i loro creatori – da Stan “Lee” Lieber e Jacob “Kirby” Kurtzberg , da Jerome Siegel e Simon Schuster a Robert Kane, Charles Schultz, Will Eisner , sono tutti ebrei immigrati o di ascendenza europea.

Cover di Detectivecomics #1, 1939

2. Pietro Gambadilegno

Pietro Gambadilegno è molto più anziano della sua celeberrima nemesi, Topolino! Compare infatti già dal 1925 nei cartoon della serie Oswald il Coniglio Fortunato del giovane regista Walt Disney : quando la perdita dei diritti d’autore sul personaggio lo spinge a ripiegare su una nuova creazione, un buffo topo in braghette rosse dal volto e dalle orecchie circolari, Disney ripesca il suo vecchio cattivo come comprimario regolare fin dal secondo, famosissimo cartoon “Steambot Willie” del Giugno 1929.

foto del volume Mickey Mouse annual del 19325 by Dario Janese

3. Walt Disney

Walt Disney è stato una delle prime vittime della cultura americana del politically correct: la pubblicazione nel Gennaio 1932 di una strenna  inglese di Topolino (foto) con materiale originale venne accompagnata da forti polemiche sul contenuto antisemita e sprezzante verso la razza nera di varie situazioni comiche: analoghi commenti accompagnarono l’edizione successiva del 1932, che vedeva per di più l’uso ricorrente del termine spregiativo “nigger”.

4. Snoopy

Snoopy ha ben SETTE tra fratelli e sorelle: quattro maschi – Spike, Andy,Olaf e Marbles – e tre sorelle – Belle, Molly e Rover. La madre della cucciolata risponde al nome di Missy e il padre, baffuto e occhialuto, di Baxter. Dopo Snoopy, il cui nome in origine avrebbe dovuto essere Sniffy, il più famoso è il macilento Spike (il nome del  vero cane dell’Autore, Schultz) , il più anziano della famiglia, che vive da solo nel deserto californiano di Needles e parla con i cactus. Spesso calza un buffo paio di scarpe che dice regalategli da Topolino. Andy ha pelo lungo arruffato, Marbles le orecchie pezzate e Olaf è grasso.

la Snoopy band

Belle è la gemella di Snoopy, vive a Kansas City, Missouri e ha un figlio (quindi S.è zio!). Nei cartoon televisivi la cucciolata si è talvolta riunita nelle vesti di una jazz big band.

5. L’Uomo Ragno o Spiderman

L’Uomo Ragno o Spiderman è stato creato nel 1962 dal disegnatore Steve Ditko e dallo sceneggiatore Stan Lee, che si era ispirato al personaggio di “THE SPIDER“, un vigilante mascherato eroe di riviste noir negli anni ’30 e di due film del 1938 e 1941. Si trattava di un ricco playboy di nome Richard Wentworth, che la notte avvolto in un pastrano e con un cappellaccio combatteva il crimine assistito da un servitore indiano e da un maggiordomo inglese. Alcuni tratti di The Spider dovettero chiaramente ispirare il BATMAN di Bob Kane (1939).

Immagine di "the Spider, Master of Men!"

In realtà la primissima versione di Spiderman era completamente diversa da quella poi comparsa nello storico esordio di AMAZING FANTASY 15 (Agosto ’62): Lee aveva incaricato il leggendario Jack Kirby di sviluppare il layout del personaggio, ma questi, basandosi su un’idea di supereroe da lui abbozzata con Joe Simon nei primi ’50 – chiamata prima “Spider” poi “Silver Spider”, e infine rielaborata per le edizioni Archie Comics col nome THE FLY (“La Mosca”) – ne aveva dato un’interpretazione atletica e superomistica che venne scartata da Lee perché troppo convenzionale. Fu Ditko a creare sia il celebre look di SM che il suo aspetto fisico ordinario, quasi esile, sul quale Kirby dovette poi basarsi per la copertina di presentazione, comunque affidatagli da Lee.

In seguito Kirby ebbe pochissime occasioni per disegnare Spidey – probabilmente per una sorta di gentlemen’s agreement con Ditko – e più che altro in copertine (TALES TO ASTONISH 57) o in brevi apparizioni (STRANGE TALES 115), con le sole eccezioni dei due incontri con l’altro famoso eroe teenager, la Torcia dei Fantastici Quattro nel secondo ANNUAL di STRANGE TALES nel 1963 e in una  breve storia secondaria di AMAZING SPIDERMAN 8. Solo dopo l’abbandono della Marvel da parte del collega il “Re” si permise di inserire SM a pieno titolo in uno degli episodi dei suoi FANTASTIC FOUR, il n.73 (peraltro insieme a nientemeno che Thor e Devil).

Un altro personaggio di nome “The Spider” comparve invece nel fumetto britannico nel 1965: si trattava di un criminale dal volto pressoché identico a quel del popolarissimo Mr.Spock di STAR TREK, con una bizzarra imbragatura per aderire alle pareti e una pistola spararagnatele.

L'altro personaggiodi nome "The Spider" che comparve, invece, nel fumetto britannico nel 1965, e che venne pubblicata in Italia PRIMA dell'Uomo Ragno edito dalla Corno

Il fatto veramente curioso è che la sua serie, durata dal ’65 al ’69 in Gran Bretagna, venne pubblicata in Italia PRIMA dell’Uomo Ragno edito dalla Corno nell’Aprile del 1970, perché il direttore Luciano Secchi aveva delle riserve sulle possibilità commerciali del personaggio – i diritti di pubblicazione Marvel furono usati nei secondi anni ’60 solo per due esperimenti con episodi dei Fantastici Quattro, su LINUS ESTATE 1965 (il n.1 di FF USA) e su PROVOLINUS del 1967 (il n.5, con l’esordio come “Doctor Fato” del celebre Dottor Destino).

2 – continua (a fine settembre)

Nota di Mario Benenati: I flashfacts furono un passatempo che permisero a Dari di creare la rubrica PYM SPACE, nel 2016, ed a seguire la rubrica Raro, poi diventata il gruppo attuale. Ne ritroveremo almeno 3 da fine settembre, nella seconda stagione di Lone Ranger.


BREVE BIOGRAFIA

Dario Janese, torinese, 1964, sociologo e storico americanista, dall’infanzia cultore del Fantastico in tutte le sue forme espressive. Scrittore, saggista e curatore di laboratori letterari e di informazione civile, ha tenuto cicli di divulgazione dell’opera di Lovecraft, Ballard e Pasolini e di lettura storica delle Scritture. Da vari anni conduce un blog (Lone Ranger) di storia critica del fumetto e vari gruppi Facebook sulle espressioni del Fantastico nella cultura popolare.

NOTE EXTRA

Gli altri articoli di Dario su ANEDDOTI E CURIOSITA’ sono:

Articolo del 10-08-2020
https://www.fumettomaniafactory.net/flashfact-cose-che-vi-stupiranno-del-fumetto/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.