Testata del sito fumettomanai nel 2010-11
Logo fanzinoteca

a cura di Fanzine Italiane Associazione di Promozione Sociale

Fatece Largo n. 48

Cover di Fatece Largo n., 48

Gennaio 2008 – Trimestrale – 48 pagg. bn, 21×15, spillato, 3 euro 
Copertina a colori di Naera (www.naera.it)

Fumetti:
ANTABUSE – Uno strano “ragazzo” s’aggira nella città di Torino dopo una notte di bisboccia. Un fumetto davvero surreale e divertente, che non mancherà di sorprendervi tavola dopo tavola con trovate grafiche davvero accattivanti. Testi e disegni di Massimo Zanaga.
BRODERIE – Tematiche ambientali e un pizzico di filosofia sono al centro delle strip di Rosanna Pasero (www.broderie.it) pubblicate su questo numero. Si ride sempre, ma si riflette anche.
PICCOLI GESTI QUOTIDIANI – Quando la routine esalta – invece che affossare! – l’amore. Una delicatissima storia raccontata da Andrea Laprovitera (http://ilfarista.blogspot.com) e disegnata magistralmente da Oscar Celestini (www.oscarcelestini.alte rvista.org), che si è aggiudicata la Menzione Speciale al concorso “L’amore che verrà” indetto dalla fumetteria Antani Comics.
LURKO – Inizia una lunga saga del nostro porco mannaro preferito che si snoderà per tutto il 2008. Ma la notizia più importante è che il suo autore, Fam (www.fumettidifam.com), dal mese di dicembre ha aperto la fumetteria Hidalgo in quel di Vigevano (Via Cairoli 2A, per la precisione). Insomma se siete di quelle parti, o zone limitrofe, che aspettate a farci un salto?
PULCI – Continua l’improbabile amore tra Pulci e la sua micia. Riuscirà il pennuto di Claudio Cardinali (www.pulci.org) a far breccia nel suo cuore? Ne dubitiamo molto, viste le tattiche adottate.
LA GALLERIA DELLE FIGURINE FUTURIBILI – Doppia dose delle “figurine” di Federico Zenoni, alle prese con Democrazia Digitale, Punkabbestia, Bancomat e Ministero della Paura Indotta.
ODISSEO – Una piccola furfantella incallita dà davvero del filo da torcere al personaggio creato da Stefano Ratti, disegnato per l’occasione dall’altrettanto brava Mirka Ruggeri
GENTE DEL GHETTO – Anche se lui è ufficialmente scomparso, noi continuiamo imperterriti a pubblicare i suoi fumetti, perchè li troviamo molto spassosi. Stiamo parlando di Marco Tenace (http://xoomer.alice.it/fum ettista) e delle sue irresistibili gag.

Illustrazioni:
Cristiano Panepuccia

Poesie
Felice Serino, Erika Pastorelli, Cristina Torella, Chiara Giulia Schiavini

Racconti:
4° CANE – I CANI FRA NOI – Tornano i racconti “canini” di Stemel che fanno da sfondo ad uno struggente sentimento provato, ma mai rivelato.
FAVOLA DELLA NOTTE – Maria Grazia Armone ci racconta una favola davvero moderna e molto intrigante, piena zeppa com’è di metafore e doppi sensi.

Rubriche: ON STAGE – Stavolta tocca a Daft Punk, Better Than A Thousand e Ulan Bator finire sotto la lente d’ingrandimento di Cristiano Della Bella. E se i primi due se la cavano decisamente bene nelle rispettive performance musicali, il terzo gruppo invece… puntini puntini!!!

LA BIBLIOTECA INTELLIGENTE – Nadia Alibrandi ci parla dell’ottimo libro intitolato Memoriale di un cuore errante della bravissima Alice Alberini (www.teia.splinder.com), dove una promettente ballerina di flamenco fugge di casa alla ricerca di se stessa, portandosi nel cuore un misterioso segreto.

Articoli:

CHIAMATELO BRU – Ogni tanto qualche sceneggiatore riesce a scalfire la dura corazza dietro cui si cela il nostro ipercritico di fumetti Sergio L. Duma, facendo breccia nel suo cuore e accaparrandosi le sue simpatie. E’ il caso di Ed Brubaker, che per la Casa delle Meraviglie cura i testi di Devil, Capitan America e Uncanny X-Men, sfoderando delle ottime trame a cui è davvero difficile restare indifferenti. E se lo dice il Duma…

SEGNALAZIONI DOVEROSE in tema di festeggiamenti, nel 2008 uscirà anche il numero 50 di Fatece Largo. Avete letto bene, c’è proprio scritto… CINQUANTA!!! 
Anche qui, per sottolineare degnamente l’evento, abbiamo deciso di stampare DUE “balenotteri” da 120 pag. l’uno che verranno distribuiti in fumetteria e nelle principali mostre-mercato del fumetto. 
In poche parole, cari AUTORI fatecelarghisti, è ufficialmente iniziata la campagna d’arruolamento. Nei giorni a seguire vi contatterò personalmente uno ad uno per spiegarvi in dettaglio il progetto, ma visto che ormai rasentate quasi il CENTINAIO DI PERSONE, se qualcuno di voi vuol farsi avanti prima di ricevere la mia “chiamata alle armi”, BEN VENGA!!! 
L’email ormai dovreste conoscerla, no? ;-)

info: fatecelargo@infinito.it – www.perfect-trip.com/fatecelargo

——————————————————————————-

Manga Club Riedizione

Copertina di Manga Club
Copertina di Manga Club

Il primo numero di Manga Club è uscito ad aprile del 2004. I numeri sono 22 (l’ultimo è uscito a gennaio 2006), più uno special che conclude la serie: totale 23 numeri.

Manga Club ha trattato oltre 300 serie televisive giapponesi, ha fatto conoscere 21 dei maggiori e più importanti autori e interpreti delle siggle televisive italiane, ha trattato il mondo del merchandising di ben 16 settori, ha trattato 13 diversi special sui cartoni animati, ha realizzato 14 servizi ai migliori siti internet che trattavano cartoni animati, ecc.

Manga Club è ristampato da marzo 2006, con una nuova copertina.

Si possono chiedere gli arretrati direttamente all’indirizzo mail.

Presentazione

“MANGA CLUB” tratta di tutti i cartoni animati giapponesi apparsi in Italia, dai più conosciuti a quelli meno noti.

Nasce in stile rubrica telefonica, ogni numero corrisponde a una lettera:

N. 1. i cartoni animati che cominciano con la lettera A

N. 2: i cartoni animati che cominciano con la lettera B

N. 3: i cartoni animati che cominciano con la lettera C

N. 4: i cartoni animati che cominciano con la lettera D

N. 5: i cartoni animati che cominciano con la lettera E

e così via…

– Vengono proposti oltre 300 titoli, da quelli degli anni 70 ad oggi.

Vi si trova una scheda del cartone animato con:

– titolo originale giapponese

– casa di produzione

– anno in cui è stato creato

– numero puntate

– la trama

– In ogni numero, verranno dedicate 2 pagine ai gadget, dei cartoni animati con foto e storia,:

album delle figurine, bambole e pupazzetti, cartoline, card, dischi, le riviste, modellini e robot, puzzle, patatine, poster, videocassette….

– Sempre in ogni numero ci saranno 2 pagine dedicate agli interpreti delle sigle televisive:

Andrea Lo Vecchio, Augusto Martelli, fratelli Balestra, Cristina D’Avena, Douglas Meakin, Georgia Lepore, Giorgio Vanni, I Cavalieri del Re, Le Mele Verdi, Nico Fidenco, Oliver Onions, Paola Orlandi, Vincenzo Draghi…

– “Vota la voce della sigla”: in ogni numero i cantanti delle sigle più votati dai lettori.

– Ci sarà, inoltre, un gioco per i fanatici delle sigle “Indovina la sigla”, in cui dovranno indovinare una sigla a partire da alcune strofe…

– E uno special di 2 pagine dedicati ai siti internet più belli e seguiti.

– Il giornalino si concluderà, in quarta di copertina, con il “Cantasigla”. In ogni numero il disco e il testo della canzone delle sigle dei telefilm più famosi e conosciuti: “Arnold”, “Dallas”, “Furia cavallo del West”, “Hazzard”, “Mork e Mindy”, “Orzowei”, “Pippi calzelunghe”, “Sandokan”, “Woobinda”, “Zorro”…

Gianni SORU

info: mangaclub@virgilio.it – www.telecartoni.it

——————————————————————————-

Mano Libera n. 35

Cover Mano Libera n. 35

Carissimi amici,
un altro anno finisce, ed ecco quindi l’ultimo numero 2007 della nostra newsletter, con le piccole grandi notizie che siamo soliti comunicarvi sul piccolo grande mondo del fumetto, stavolta con alcune segnalazioni cultural-visuali da non trascurare. Vi ricordo che sul sito www.amicidelfumetto.it è già in linea il catalogo arretrati aggiornato. E vi ricordo ancora una volta che chi non legge il file in pdf ce lo può segnalare con una mail e il file sarà inviato (ahimé, molto più ingombrante…) in formato word.

A presto e… tanti auguri!!!

Paolo Gallinari
Presidente Anafi

SOMMARIO
1. UN 2008 IMPORTANTE PER IL FUMETTO ITALIANO

2. LE NOTIZIE ILLUSTRATE DEL NOVECENTO

3. NON C’E’ AMERICA SENZA FUMETTI

4. FUMETTI E CITTA’

5. UN ORSETTO SENZA INIBIZIONI

6. RARITA’ DAL NOSTRO CATALOGO

Associazione Nazionale Amici del Fumetto e dell’Illustrazione – ANAFI
Via Emilia Ospizio, 102 – 42100 Reggio Emilia

info: info@amicidelfumetto.it – www.amicidelfumetto.it

——————————————————————————-

A6 fanzine n. 8

A6 FANZINE – DICEMBRE 2007 – GENNAIO 2008

Copertina A6 fanzine.
Copertina A6 fanzine.

Lo avevamo sognato da tanto questo giorno… si, sin dalla nascita di A6 stessa.
Sognavamo… di quando finalmente i fumetti e l’essenza di tutta A6 fosse giunta nelle mani di tutti coloro che l’avrebbero scovata in qualche luogo di Roma.
Sognavamo… ed ora il sogno è diventato realtà: finalmente A6 Fanzine è diventata tutta a colori !
Ebbene si… da questo numero anche la versione cartecea di A6 diventa a colori! 
La realizzazione di questo numero è stata faticosa, estenuante… ogni nostra goccia di sudore… tutte le notti insonni… sono racchiuse in questo numero, insieme alla nostra passione e dedizione… insieme ai bellissimi fumetti e alle storie che ci raccontano e vi racconteranno un pezzo di vita.

Numero Natalizio… per augurarvi un Felice Natale e un Buon Anno Nuovo… pieno di sogni, speranze e realizzazioni. Il nostro motto sarà… Realizza il tuo sogno e vivilo, non lasciarlo marcire in un cassetto! Il 2008 sarà un anno propizio, dove finalmente le strade fin’ora percorse, ci porteranno lontano: si, perchè se nel 2007 non sapevamo ancora quale fosse la nostra meta… ora ne siamo ben consapevoli. Il mondo è nelle nostre mani: plasmiamolo a nostra immagine… un’immagine creativa e positiva.
Felici di aver raggiunto il nostro scopo in poco più di un anno, ora siamo finalmente pronte a diventare grandi! Seguiteci, perchè numerose saranno le iniziative per il prossimo anno… 
In primis presenteremo il Calendario for Girls! In esclusiva solo con A6 Fanzine e sui nostri space personali ( SaDiCa e IsaComics ).
A6 Fanzine compirà in gennaio, il suo primo anno di presenza sullo space! Un evento da festeggiare, con tutti i nostri lettori!!! Al più presto saprete come partecipare a ” I LOVE A6 FANZINE “…
Altre tantissime iniziative vi verranno svelate dal prossimo anno… e su ragazzi… mancano ormai pochissimi giorni al 2008… pazientate ;)

Anche in questo numero di A6, non mancano le novità: un benvenuto cioccolatoso va a SalvaConNome, artista tuttofare milanese, incontrato in un piovoso pomeriggio nella piovosa e fredda Milano. Poteva non mancare la cioccolata? 
Diamo il benvenuto anche a Thoms, artista romano, di cui avrete una piccola anteprima in questo numero, ma potrete saggiarne la sua creatività sul prossimo A6.
Prestigioso duetto creativo, quello tra Isa e Piero Tonin, che si incontrano in…. Una valle di lacrime! Chi li consolerà?
L’angolo di Ludus ci allieta questa volta, con una canzoncina di Natale… suonata da un roboante zampognaro… Sarà “Tu Scendi dalle Stelle” o “Bianco Natale”? Dicci la tua!
Il Disco di questo numero è quello degli Inseta: ascolta il rock che fa vibrare il cuore! Recensione by SaDiCa.
Ancora di SaDiCa, il racconto volutamente non-natalizio: racconto non adatto a tutti i PRESUNTUOSI d’Italia! Io vi ho avvertito.
Musicomics: la nuova rubrica che piace tanto alle band! Ospiti di questo numero, i Raggi Fotonici! Alzi la mano chi ancora canta le sigle dei cartoni animati! Mitici e divertentissimi, vi inviatiamo ad ascoltare le loro canzoni originali e le vecchie glorie del mondo animato: un tuffo nell’infanzia assicurato!
Immancabile ormai, la rubrica del nostro più caro collaboratore: Max Brighel. In questo numero, Max ci consiglia Très e Il Vangelo del coyote.
Per la vignetta natalizia, Isa si è lasciata intenerire da un folletto: seguite le avventure di questo birbante.
Diamo il benvenuto anche a colui che di Fanzine se ne intende e che anzi, ne è il presidente: Gianluca Umiliacchi, della Associazione Fanzine Italiane.Come non potevamo contraccambiare la sua gentilezza e l’interessamento che suscita A6 Fanzine? Fate un giro nel sito: scoprirete un variegato mondo creativo che vi stupirà! Mi raccomando, poi tornate qua!
Ritorna in questo numero Giorgio Bellasio, storico e affezionatissimo collaboratore di A6: siete stati buoni quest’anno? Non importa: riuscirete lo stesso a procurarvi i regali. Come? Ve lo spiega Giorgio!
Spazio Musicale: intervista ai Cabaret Sauvage! Il trio torinese che vi incanterà con le loro magiche atmosfere. Fate silenzio e lasciatevi cullare dalle melodiose note: il viaggio è appena iniziato. Rubrica a cura di SaDiCa.
Confermato lo spazio poesia. L’animo oscuro prende il sopravvento e… Killer: poesia di Davide Meroni. 
Isa in Love: le avventure di una pazza… d’amore! Quali sono, secondo voi, i 10 motivi per amare ed essere amati? 
Spider-Toilet in versione natalizia. Anche i supereroi vi augurano un Buon Natale! Con una dedica speciale… anche i supereori si innamorano? Chiedetelo al suo creatore, Pietrangelo Minnelli! 
Non dimentichiamoci che è festa anche per i nostri amici a quattro zampe. Ce lo ricorda Fiona, con un dolce cagnolino che attende solo il vostro affetto! E ricordate… non abbandonateli!!!
Work in Progess: i Neropaco ci raccontano la loro preparazione verso una importantissima audizione. Come andrà a finire? In esclusiva, su A6 Fanzine!
Isa in Love… 2 ! In questo numero, Isa si è sdoppiata e torna all’attacco con frecciate che vanno dritte… al cuore! 
Live consigliati: segui gli Zephiro! Il rock-progressive contaminato da suoni seventhy… live!
Web: Il progetto che ribalterà il mercato discografico italiano. Innovativo e unico in Italia, spazzerà via il vecchio sistema, portando con sè una nuova mentalità e soprattutto… tanta bella musica! Ascoltare per credere: Almost Famous!

Tutto questo, nel nuovissimo e coloratissimo numero di A6 Fanzine!
Auguriamo a tutti voi… un sereno Natale e un Felice, Produttivo e Remunerativo ( eh beh, non si campa di sola gloria 😛 ) Anno Nuovo… che la Fanza sia con voi !!!
Un ringraziamento speciale va a tutti i nostri affezionati lettori, ai nostri creativi collaboratori che arricchiscono, numero dopo numero, le pagine di A6; un ENORME GRAZIE va anche a tutti i nostri sponsor, i quali ci permettono di rendere reale ogni numero di A6… senza di loro, noi non potremmo esistere!
Un saluto speciale va a Gabriele: un sorriso che non avremmo mai voluto fosse spezzato… per chi come noi crede che una vita umana valga molto di più… 
Arrivederci a Febbraio 2008 !!! 
SaDiCa 

info: a6fanzine@yahoo.it – a6fanzine.blogspot.com

——————————————————————————-

Little Nemo 8

Little Nemo 8 – a cura di Luigi Serra e Corrado Zedda – Anno XVI gennaio 2007 – spillato, 60 pagine
La prima fanzine sarda di comics

In questo numero 
Argomenti 
1 Editoriale 
2 Autore completo? Si grazie! – di Luigi Serra 
7 Il ritorno al futuro della Disney – di Corrado Zedda 
19 Corto Maltese e dintorni – di Corrado Zedda 
21 Il Poliziesco Italiano a fumetti – di Luigi Serra 
27 Desdy Metus: L’insonne – di Luigi Serra 
28 Intervista: Giuseppe Di Bernardo 
30 Incontro con Fabiano Ambu 
33 Incontro con Simone Guglielmini 
35 Efisio Marini, il fumetto – di Corrado Zedda
CHANCE (Inserto a fumetti) 
2 Il Corvo – di Efisio Bianco
5 Le torri di Junas – di Serra & Ballò 
12 Gitani – di Corrado Zedda

Cover di littke Nemo

EDITORIALE
di Corrado Zedda e Luigi Serra
Ancora Little Nemo, otto anni dopo.
Quante sensazioni, più che quanti ricordi. Non ci siamo mai persi di vista in tutto questo tempo, anzi, in certe occasioni abbiamo continuato a lavorare insieme. Ma le nostre strade si erano in qualche modo separate.
Luigi aveva iniziato l’esperienza di Gruppo Misto con le prime pubblicazioni professionali. 
Corrado che inseguiva la sua carriera scientifica: una vita fra la Sardegna, la Spagna, un anno di studio a Palermo, le pubblicazioni nel campo della medievistica.
Il progetto su Efisio Marini, il pietrificatore cagliaritano del XIX secolo, ci aveva riunito e, pur fra incomprensioni, attriti e stress da super lavoro l’iniziativa aveva prodotto un bel catalogo con la storia a fumetti sul Marini, scritta da noi e disegnata magistralmente dal duo Lutzoni & Fundoni.
Tutto questo ci ha fatto riflettere.
In un mondo fumettistico (e non solo fumettistico, direi), in cui tutto appare fermo e quasi privo di entusiasmo, di slanci, di coraggio di osare, in un momento in cui ci si azzarda poco a tentare un’avventura con una rivista o fanzine dedicata al fumetto, perché non ricominciare da dove si era interrotto?
Certo, il compito che ci siamo posti non è semplice, ci rendiamo ben conto che il momento magico del fumetto, almeno in Italia, è ormai passato, e da un pezzo anche. Sarà agevole leggere negli articoli di questi numeri la disillusione riguardo alla situazione editoriale attuale ma accanto ad essa trovano ancora posto gli aspetti positivi, perché non tutto il panorama è desolazione e persino all’interno di una bieca multinazionale come la Disney vi sono spazi di bel fumetto da apprezzare e valorizzare.
Così abbiamo voluto selezionare soprattutto gli argomenti e le pubblicazioni che riteniamo belle o anche solo positive, lasciando ai margini quanto non ci piace: il silenzio basta e avanza per esprimere una valutazione su certi prodotti editoriali, inutile incaponirsi e tirare fuori il livore dei fanzinari frustrati. Siamo dei professionisti nei nostri settori e non abbiamo il bisogno di prendercela con nessuno, se una cosa non ci piace non ne parliamo e basta. Il nuovo Little Nemo, insomma, ha una ben precisa direzione verso valori in positivo.
In occasione di questo nuovo numero e abbiamo deciso di intervistare due nostri vecchi collaboratori, i disegnatori Fabiano Ambu e Simone Guglielmini, entrambi avviati verso una brillante carriera professionale. Fabiano è impegnato nello staff dell’Insonne, mentre Simone collabora con Detective Dante.
All’interno della rivista sono presenti anche tre racconti a fumetti. Non abbiamo la presunzione di aver prodotto chissà quale immortale capolavoro. Con la sua storia, Efisio Bianco, ci comunica il suo profondo amore per gli animali. La storia di Corrado, invece, viene pubblicata solamente perché è la quarta e crediamo penultima puntata della saga del Muto, alla quale è affettivamente legato, nonostante gli evidenti limiti nella realizzazione. La terza storia, scritta da Luigi Serra e disegnata da Marco Ballò, è un omaggio “fantasioso” alla storia della Sardegna. 
In ogni caso speriamo che l’intero contenuto del nuovo LittleNemo possa donarvi uno spazio di serenità e di piacevole lettura, in attesa di ripartire verso nuovi progetti. Con rinnovato entusiasmo. 

E’ possibile richiedere gli arretrati della fanzine, secondo queste modalità: Ogni numero ha un costo comprensivo di spese postali.
N° 1 – € 3,00
N° 2 – € 4,00
N° 3 – € 3,00
N° 4 – € 5,00
N° 5/6/7 – € 4,00
N° 8 – € 6,00
Effettuare il pagamento con un versamento sulla carta Poste Pay
n° 4023 6004 4323 4960 intestata a Luigi Serra.
Una volta effettuato il pagamento inviare una mail a luigiserra@hotmail.com indicando Nome, Cognome e indirizzo dove effettuare la spedizione.

info: littlenemo@tiscali.it – littlenemo.altervista.org

——————————————————————————-

La Gazzetta di Clerville n. 33

Numero 33 – Novembre 2007 – Pagine: 32 – Copertina: Sergio Zaniboni

Cover de La Gazzetta di Clerville n. 33

A cura di: Lorenzo Altariva – Supervisione: Roberto Altariva – Grafica e impaginazione: Paolo Ferriani – Formato: 14,85 x 21
Contenuto: 
- Prima di cominciare 
- News, News, News 
- I volumi usciti 
- Albi fuori serie 
- Audio & Video 
- Altre pubblicazioni 
- Erminio Ardigò passed away 
- Diabolikamente 
- Diabolik in mostra 
- Diabolik all’asta 
- Il fumetto ritrovato 
- Cartoline che passione 
- Satanik vs. Giussani 
- Quanto valgono i miei Diabolik? 
- Un pranzo irripetibile 
- Autori da non dimenticare: Angelo Saccarello 
- Diabolik kollector’s figure

LA GAZZETTA DI CLERVILLE è una pubblicazione senza alcun scopo di lucro, autofinanziata, tramite iscrizione, dai soci del DIABOLIK CLUB. Gli articoli e le illustrazioni sono © degli autori, case editrici o agenzie detentrici dei diritti, le illustrazioni sono riprodotte al solo scopo di completare la documentazione degli articoli. 
Chi si iscrive al Diabolik Club per l’anno 2007 riceverà: La Tessera Personalizzata – La Guida a Diabolik – La Gazzetta di Clerville – Dieci Anni Dopo – La Giada di Kyoto – La Diabolik Pen – Diabolik Club News – In più potrai partecipare ai “Pranzi/Assemblee” del Diabolik Club, feste riservate ai soci a cui saranno presenti diversi disegnatori di Diabolik. Inoltre, con l’iscrizione extra, si riceve anche: Diabolik Swiisss n°1 – Cofanetto Raccoglitore per la Gazzetta di Clerville.
Chi sceglie l’iscrizione standard potrà in qualsiasi momento integrare l’iscrizione e tramutarla in quella extra versando la differenza dell’importo.
L’iscrizione scade il 31/12/2007, indipendentemente dalla data di effettuazione. Il materiale verrà inviato scaglionato lungo tutto il 2007 e non in un’unica soluzione. Per le quote di iscrizione vedere sito internet.

DIABOLIK CLUB – Casella Postale 56 Succ. 1 – 41049 SASSUOLO (MO) ITALY

info: info@diabolikclub.191.it – www.diabolikclub.it

————————————————————————————–

Fumetto n.64

Associazione Nazionale Amici del Fumetto e dell’Illustrazione

Cover della rivista Fumetto n. 64

L’ANAFI, erede dell’ANAF, è nata nel 1992 ed ha sede a Reggio Emilia. Fra le attività da essa organizzate, c’è la pubblicazione della rivista trimestrale “FUMETTO”, la stampa di alcuni volumi omaggio riservati ai soci, la gestione di un nutrito parco di arretrati dell’ANAF, e la realizzazione di una serie di avvenimenti (mostre personali, incontri con autori, ecc.), di solito in concomitanza con Mostre Mercato di Reggio Emilia, dove i soci, mostrando la tessera, hanno diritto all’ingresso gratuito.

Sommario di Fumetto n.64 
IL PUNTO
Tra clave e dinosauri
Preistoria: zona di interscambio… culturale? – di Walter Iori
Il Paleolitico inglese – di Walter Iori
Il Paleolitico disegnato – di Federico Verza (tesi di laurea*)
Strisce “preistoriche” – di Alberto Becattini
Rahan, pioniere di una speranza – di François Rahier
The Flintstones, i più… moderni tra i cavernicoli – di Luigi Marcianò
UN PERSONAGGIO ALLA RIBALTA
Demian, l’ultimo cavaliere – di Paolo Gallinari
L’EVENTO – Luigi Motta, epigono salgariano – di Giulio C. Cuccolini
UN ILLUSTRATORE ALLA RIBALTA
Severino Baraldi: una vita al servizio dell’illustrazione – di Luigi Marcianò
UN AUTORE ALLA RIBALTA – Marco D’Aponte pittore e fumettista alle prese con Nivola – a cura di Giulio C. Cuccolini
L’EVENTO – Io e la Collana Freccia alle Edizioni If – di Graziano Origa
PER VOI COLLEZIONISTI – Piccola guida pratica per cercare fumetti a Bruxelles – di Nicola Pesce
LOST IN COMICDOM L’inimitabile Jane – di Alberto Becattini
IL FUMETTO DIMENTICATO Jane e il mago – di Mike Hubbard
I DIMENTICATI Libico Maraja – di Giulio C. Cuccolini
LE INTERVISTE Uno spazio bianco non è uno spazio vuoto – a cura di Paolo Gallinari
FLASH La deriva della vignetta – di Antonio Rubinetti
IL MAGICO MONDO DI SERGIO ASTERITI Il mito degli Albi Uragano – di Sergio Asteriti
L’EVENTO 12º premio Scarpetta d’oro – di Piero Zanotto
L’ANGOLO DI HUGO PRATT Il Maestro ed io – di Josè Eduardo Caramuta
IN RICORDO DI… DINO BATTAGLIA Il tesoro di Battaglia – di Enrico Anceschi
Addenda alla cronologia di Antonio Canale – di Luigi Marcianò
INSERTO SPECIALE Fish and chips all’italiana
Artisti italiani per la Gran Bretagna – a cura di David A. Roach e Alberto Becattini

PROGRAMMA ANAFI 2008 – quota sociale € 75,00 (estero € 110,00)
Come associarsi:
Inviando la quota annua stabilita ad: ANAFI
Via Emilia Ospizio, 102 – 42100 Reggio Emilia
con causale QUOTA SOCIALE 2007 

info: info@amicidelfumetto.it – www.amicidelfumetto.it

———————————————————————————–

Talking Clouds n.1

Talking Clouds n.1

Talking Clouds è un’autoproduzione della scuola di fumetto leccese “Lupiae Comix”, contenente alcuni lavori degli allievi, storie a fumetti realizzate dai docenti, interviste ad Autori, testi di sceneggiature, racconti illustrati e articoli legati al mondo del fumetto e della comunicazione.

Il numero del quale è possibile vedere la copertina è il n.1, realizzato a un anno di distanza dal n.0 ed entrambi presentati per la prima volta, durante la manifestazione “Nuvole di carta”, piccola fiera del fumetto che si tiene annualmente in provincia di Lecce.

La copertina del n.1 è realizzata da Marco Cito e la fanzine contiene le storie: “Doppio Inganno” di Luca Esposito (docente di Anatomia delle Lupiae Comix), “Ettore il cacciadraghi” di Marco Cito (pubblica per Albatros Editore), “Il favoloso mondo di Nino” di Antares e Max Favatano (docente di Sceneggiatura della Lupiae Comix), “Matt e Lynn” di Fabrizio Malerba (Direttore della Lupiae Comix, illustratore per “Il Tacco d’Italia” e “Il Filo”), “Il collezionista” di Gianfranco Florio (ex allievo della scuola, ora nello staff dell’Accademia Italiana Disney), “Toccata e Fuga” di Fabio De Paolis (ex allievo), “Il malinconico peloso” di Daniela Tripodi (ex allieva).

Comtiene inoltre il racconto-metafora “La magia del lago” di Ilaria Ferramosca (pubblicazioni con: Il Filo, Aletti Editore, Edita, Lupo Editore) illustrato da Daniele De Simeis (docente di Aerografia) e l’intervista al fumettista Alessio Fortunato (Erinni, Lazarus Ledd, Neromantique, John Doe, Detective Dante), curata da Max Favatano.

L’intento di Lupiae Comix, non è solo quello di promuovere i suoi allievi e professionisti, ma anche di diffondere la cultura fumettistica, partendo dal Salento ove ha sede la Scuola. L’invito alla lettura della fanzine è contemporaneamente un invito a utilizzare la propria inferenza e le proprie emozioni per contribuire alla creazione delle storie presenti nel volumetto e a farle proprie, compiendo un viaggio in un “laboratorio d’arte” e in un percorso di creatività, fantasia, sentimento.

info: info@lupiaecomix.com – www.lupiaecomix.com

———————————————————————————–

FUTURE SHOCK N.50

Future Shock – La rivista della fantascienza umanistica 
Anno XIX – ottobre 2007 – n.50 (nuova serie)
E’ uscito il n.50 (versione su carta) di “Future Shock”.
Editoriale di Antonio Scacco
La fantascienza come guida e la crisi dell’Europa
Già nella prima metà del secolo scorso, alcuni saggi famosi dal titolo eloquente: Il tramonto dell’occidente (1922) di Oswald Spengler, La crisi della civiltà (1935) di Johan Huizinga, La fine dell’epoca moderna (1950) di Romano Guardini, ecc., segnalavano la grave crisi etica, sociale e culturale che attanagliava la società occidentale e, in particolare, l’Europa.. Oggi, il problema non sembra essersi risolto, ma maggiormente acuito. In due recenti libri: L’eclissi dell’Europa. Decadenza e fine di una civiltà (2006) di Sabino Acquaviva e Il dramma dell’Europa senza Cristo (2006) di Massimo Introvigne, è tracciato un quadro desolante del declino culturale, morale, politico ed economico della nostra civiltà: «L’Europa sembra ormai quasi priva di quell’umanità, di quella presenza collettiva, proposta dal cristianesimo e dal socialismo, che rende ricco l’animo umano. Per questa ragione, malgrado tutto, malgrado il fatto che sono sfruttati e precari, filippini, indiani, cinesi, arabi e africani che incontriamo nelle strade delle nostre città, spesso sorridono.

Cover di FUTURE SHOCK N.50

Gli europei, santi, eroi e navigatori ormai in pensione, quasi mai» 1.
Qual è la causa princeps che ha dato origine a quello che sembra il tramonto di una civiltà? Secondo noi, è stato il traumatico cambiamento – da vero e proprio shock culturale – innescato nella nostra società dalla scienza moderna: la rivoluzione scientifica galileiana, per intenderci.
Ben diversamente da quella antica, la scienza moderna non rimane pura teoria, ma tende ad applicare le regole di precisione dell’epistéme alla praxis, al mondo del pressappoco, a creare cioè perfezionati strumenti tecnologici2. Nasce così la civiltà tecnologica, la cui caratteristica principale è la velocità esponenziale dei cambiamenti, di fronte ai quali il nostro mondo mentale è impreparato: «Noi continuiamo, inconsciamente, a contare con misure rigide, come se i cambiamenti avvenissero sempre con lo stesso ritmo: come se gli ultimi dieci anni fossero più o meno uguali ai dieci anni precedenti, o a quelli ancora prima, o ai dieci anni futuri. In realtà, è con un diverso orologio mentale che dobbiamo valutare tempi e misure. […] Dalla fine della guerra ad oggi, non sono quindi passati trent’anni, ma secoli o millenni» 3.
Di fronte ai mutamenti così rapidi e radicali prodotti dalla scienza, l’uomo “tecnologico” vive in uno stato di smarrimento e di angoscia ed è preda della malattia del nostro tempo (choc del futuro o future shock), che il sociologo Alvin Toffler ha efficacemente descritto nel suo “best seller” dall’omonimo titolo 4. Due personaggi storici testimoniano quale fosse la condizione socio-psicologica dell’uomo, prima e dopo l’avvento della scienza moderna: il filosofo e matematico francese Charles de Bouelles (1483-1553), noto anche con il nome latino di Carolus Bovillus, e il poeta inglese John Donne (1572-1631). Il primo è l’esponente tipico dell’uomo pre-scientifico, che si sente psicologicamente e socialmente tranquillo. Il suo mondo è una realtà ben ordinata, in cui ogni cosa ed ogni essere ha il suo posto. Perciò, Bovillus poteva affermare, senza tema di smentita: “Hunc mundum haud aliud esse quam amplissimam hominis domum”.
Ben diversa è l’opinione di John Donne. Egli vive nel clima storico della rivoluzione scientifica galileiana e ne subisce lo shock culturale, come testimoniano questi suoi versi: «[…] la nuova filosofia pone tutto in dubbio/ l’elemento del fuoco è affatto spento;/ si sono persi il sole e la terra, né ingegno d’uomo/ può bene indirizzare a dove cercarli/ […] tutto è in pezzi, ogni coerenza se n’è andata,/ ogni giusto supporto e ogni relazione» 5.
Tuttavia, l’impatto della scienza moderna sulla nostra società non basta a spiegarne del tutto la crisi. Ad esempio, altre società ed altre culture: quella giapponese, quella cinese, quella indiana e, persino, quella islamica, hanno reagito ben diversamente al vento del futuro. Da noi, invece, sulla scienza ha avuto un influsso negativo il Positivismo scientista, il quale coltivò – e continua a coltivare – la fallace illusione che la scienza sia l’unico strumento di conoscenza e l’unica guida sicura per l’agire umano. Da ciò, la svalutazione della filosofia e della teologia e il diffondersi del materialismo, del relativismo e del nichilismo, veri e propri tossici per il corpo sociale, palle di piombo al piede per proiettarsi fiduciosamente nel futuro, elementi di discordia e di dissoluzione sociale. Ma la scienza da sola non basta ad umanizzare l’uomo: essa non ci può dare né indicazioni di fini, né giudizi di valore. La sua egemonia sulla società non può che causare disastri, come ci ammonisce Stanislaw Lem con il suo romanzo Pianeta Eden (Eden, 1959), dove un’astronave terrestre in avaria è costretta a scendere su un lontano pianeta fuori del sistema solare. L’equipaggio, una volta sbarcato, si trova di fronte a vuote superfabbriche automatiche, a dischi volanti perfettamente controllati, a città apparentemente deserte, ma popolate da esseri malformati e impauriti. Si tratta di una civiltà che ha tentato una mutazione genetica per fini estetici, ma ha fallito. Per risolvere, dunque, la grave crisi che attanaglia l’Occidente e, in particolare, l’Europa, occorre saper guidare lo sviluppo scientifico e tecnologico. Uno degli strumenti in grado di farlo è, secondo noi, la fantascienza. Perché? Anzitutto, perché essa affronta problemi scientifici di grande complessità e attualità: la progressiva esplorazione del sistema solare, l’esistenza di altre forme di vita e di civiltà, l’intelligenza artificiale, l’energia nucleare, ecc. In secondo luogo, perché abitua la mente del lettore al metodo della simulazione mentale, cioè a spingersi in una esplorazione immaginosa delle varie implicazioni connesse ai problemi politici, sociali, psicologici ed etici che, di volta in volta, vengono alla ribalta, per capire quali decisioni sarebbe opportuno adottare e quali, invece, catastrofico prendere. Infine, perché contribuisce a sanare la frattura tra le due culture di snowiana memoria. Molti scrittori di fantascienza, infatti, sono scienziati: Isaac Asimov, Gregory Benford, Arthur Clarke, Fred Hoyle, Vernor Vinge, ecc.
È indispensabile però una condizione preliminare perché la fantascienza possa svolgere la sua funzione di guida: che vengano istituite cattedre universitarie di fantascienza!

N O T E
1 SABINO ACQUAVIVA, L’eclissi dell’Europa. Decadenza e fine di una civiltà, Edizioni Riunite, Roma 2006, p.58.
2 Cfr. ALEXANDRE KOYRÉ, Dal mondo del pressappoco all’universo della precisione, Einaudi, Torino 1980.
3 PIERO ANGELA, La vasca di Archimede, Garzanti, Milano 19824, pp.77-78.
4 ALVIN TOFFLER, Lo choc del futuro, Rizzoli, Milano 19722.
5 ALEXANDRE KOYRÉ, Dal mondo chiuso all’universo infinito, Feltrinelli, Milano 19882, p.30.

Ecco il sommario:
EDITORIALE: La fantascienza come guida e la crisi dell’Europa di Antonio Scacco
SAGGISTICA: Il darwinismo, grimaldello dei manipolatori di Francesco Agnoli; Un romanzo darwinista di Herbert G. Wells di Enrico Leonardi; Robert Anson Heinlein: “Straniero in terra straniera” di Guido Pagliarino.
NARRATIVA: L´eterno ritorno dell´uguale di Elisabetta Modena; Naiade di Luciano Nardelli; Non bisogna far piangere i calcolatori di Domenico Volpi.
RECENSIONI LIBRARIE: Phyllis Dorothy James, I figli degli uomini (The Children of Men, 1992) (E. Modena); Arthur C.Clarke-Stephen Baxter, L’occhio del Sole (Sunstorm, 2005) (A. Pulino); Francesco Agnoli-Alessandro Pertosa, Contro Darwin e i suoi seguaci (A. Scacco); Alfred Ernest Van Vogt, Hedrock, l’immortale (The Weapon Makers, 1947) (A. Pulino); Philip K. Dick, Tempo fuor di sesto (Time out of Joint, 1959) (L. Vietri).
CINEMA: Paul Anderson, Punto di non ritorno (A. M. Petrosino); Don Siegel, L’invasione degli Ultracorpi (Invasion of the Body Snatchers) (L. Vietri).
POESIA: Supplica per il nostro pianeta di Inìsero Cremaschi; Congedo di Luigi Picchi.
NOTIZIE: Kurt Vonnegut e la calda fratellanza della stupidità; Dall´androide di “Guerre stellari” al robot ultrapiatto di Roomba; Premio Arthè 2007; Gli astronauti cambiano la pelle, no, pardon!, la tuta; VII Premio letterario “Alberto Tallone”; Le scimmie hanno una vita sociale come noi!; La Chiesa nemica della scienza: verità o pregiudizio?; Concorso “Immagini di fantascinza” – V Edizione; L´Italia OGM-free è una forma di ecoimperialismo ed un ritorno all´autarchia.
LETTERE: Riarmo morale (A.Pulino); Il cromosoma sintetico del prof. Venter (M: Sladojevich); Razionalità scientifica e fede cattolica (F.Calabrese).
Per avere una COPIA OMAGGIO, consultare la pagina Rari nantes. 
Antonio Scacco

info: fantascienza.scacco@gmail.com –

http://www.futureshock-online.info/pubblicati/html/omaggio.htm

—————————————————————————-

Gatto Nero n. 23 / 23 Bis

Cover di Gatto Nero n. 23 / 23 Bis

Finalmente il nuovo GATTO NERO è arrivato in rete.
Vai alla pagina http://www.ilgattonero.it/s ito_gn_in_costr_00007b.htm e … buona lettura !!!
Federica Marchetti

La storia del Gatto Nero.
Conseguentemente alle ricerche universitarie per la tesi sulla Parigi Léo Malet, avevo accumulato molto materiale, della competenza e qualche buon contatto che mi sembrava stupido buttare al vento dopo la laurea. Così, visto che in Italia mancava, mi sono inventata l’idea della fanzine sul giallo e l’ho chiamata Il Gatto Nero per 3 motivi: 1) per omaggio al maestro del genere Edgar Allan Poe, 2) per rispettare il detto di Lilian Jackson Braun secondo il quale “se non a tutti gli appassionati del giallo possono piacere i gatti, sembrerebbe che a tutti i gattofili piaccia il giallo”, 3) in onore della mia musa ispiratrice, la gatta nera che ha condiviso con me tante notti insonni davanti ai libri e al computer (e che in questo momento siede sul davanzale della finestra dietro la mia scrivania).
Il Gatto Nero ha esordito il 13 luglio del 2000 con il numero zero. F. Marchetti 

BOLLETTINO SUL POLIZIESCO – n. 23 – OTTOBRE 2007
Sommario di questo numero: 
Televisione – 2
Speciale
RIVISTE & FANZINES SUL GIALLO – 6
PAGINA CENTRALE:
Gli Amici del Gatto Nero – 10
L’angolo di Holmes – 12
LIBRI – 14
Mondo Giallo – 18

SUPPLEMENTO: GN 23bis “Cesare Battisti” a cura di Paola Treglia

IL GATTO NERO – Federica Marchetti – Str. SS. Ilario e Valentino 7/A – 01100 VITERBO

info: federica.marchetti@ilgattonero.i t – www.ilgattonero.it

————————————————————————-

AnomaliE n°10!

Cover di AnomaliE n°10!

Ebbene sì, siamo orgogliosi di annunciarvi che la nostra millenaria fanzine è arrivata alla cifra tonda!
Le copie di AnomaliE che usciranno prossimamente mostreranno fiere sulla copertina il numero 10 (portando il totale a 11, visto che siamo partiti con il n°0). Per festeggiare degnamente il sudato traguardo vi offriremo un numero speciale, con più pagine, più fumetti, più… più AnomaliE, insomma! Per l’occasione abbiamo fatto le cose in grande, e siete tutti invitati alla presentazione ufficiale di AnomaliE n°10 mercoledì 31 ottobre, a partire dalle ore 16.00, presso la nuova libroludoteca “Triskel” di via Fratelli Fontana 30/2 a Trento.

Nei giorni successivi troverete AnomaliE, la rivista edita dall’AssociazionE AnomaliE in distribuzione gratuita, presso la libroludoteca “Triskel” e nei luoghi più fighi di Trento!
AnomaliE: non è quello che pensi!

Su AnomaliE n°10 troverete 
le strisce dei blogfumettisti Giò, 
Rx e Tommy, 
i fumetti di Consuelo Longhi,
Elisa Zeni, 
Katerina Smirnova, 
Andrea Laprovitera 
e Chiara Piunno. 
I titoli che aspettavate: “Nerd[H]ouse”, “Cagnetti”, “Le Cronache di Carnac”, “Via Roma 60” e “Sesso in Panda”. Inoltre racconti, rubriche e molto altro. E addirittura, in allegato con AnomaliE n° 10, trovate l’inedito albo “Love Wars” di Rx! Cosa volete di più?

L’Associazioni AnomaliE cambia sede. Vanno a vivere in uno spazio tutto nuovo, presso la libroludoteca “Triskel” di via Fratelli Fontana 30/2 a Trento, a partire dal 31 ottobre. 

info: tommyanomalieAThotmail.com – sessoinpanda.blogspot.com

—————————————————————————

Fanzinoteca a cura di Fanzine Italiane

Associazione di Promozione Sociale – www.fanzineitaliane.it – associazione@fanzineitaliane.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.