Nuovo articolo dal sito di John Freeman, downthetubes.net (sottotitolo: EXPLORING COMICS AND BEYOND ON THE WEB SINCE 1998)

Dopo quello sui vincitori del Ringo Awards 2022, premi che sono stati assegnati al Comic-Con di Baltimora ad inizio settembre, oggi rilanciamo il suo articolo dello scorso 15 settembre, dedicato alla scelta di Bill Willingham di fare diventare la proprietà della pluripremiata serie Fables, da lui creata (inclusi tutti gli spin-off e i personaggi di Fables correlati), di DOMINIO PUBBLICO.

La notizia ha fatto il giro del mondo; in italia, ad esempio, l’hanno pubblicata molti siti.
Ma, la reale portata di questa decisione è stata compresa?

Buona lettura

Mario Benenati, direttore culturale di Fumettomania Factory Magazine

P.S.: Dell’autore abbiamo pubblicato, qualche settimana fa, una recensione scritta da Ambrogio Isgrò​ su una serie hero(t)ic fantasy : Ironwood, oggi poco conosciuta.

P.S. II: ringraziamo tutti coloro che hanno deciso di devolvere il loro 5×1000 a Fumettomania Factory APS,  con sede operativa a Barcellona Pozzo di Gotto – Messina.
C’è ancora tempo per coloro che presentano il Modello Unico: quando presenti la dichiarazione dei redditi, inserisci il codice fiscale 90003850832 nella sezione destinata al sostegno per gli Enti del Terzo Settore.


Bill Willingham takes “Fables” into the Public Domain

JOHN FREEMAN  )

A partire dal 15 settembre 2023, la proprietà della serie a fumetti chiamata Fables, creata da Bill Willingham, inclusi tutti gli spin-off e i personaggi di Fables correlati, è diventata di dominio pubblico.

In un comunicato stampa pubblicato sul suo Substack, in segno di protesta per le sue divergenze con l’attuale management della DC Comics, riprodotto di seguito, Bill ha illustrato le ragioni delle sue azioni.

Fables è una serie di fumetti americana creata e scritta da B. Willingham, pubblicata dalla Vertigo della DC Comics. Willingham è stato l’unico scrittore per l’intera opera, con Mark Buckingham che ha realizzato le matite di oltre 110 numeri. La serie comprendeva vari altri disegnatori nel corso degli anni, in particolare Lan Medina e Steve Leialoha.

Lanciato nel luglio 2002 e conclusosi nel luglio 2015, Fables è stato ripreso nel 2022 con una continuazione di 12 numeri della serie principale, oltre a una miniserie spin-off di sei numeri Batman vs. Bigby! A Wolf in Gotham, entrambi pubblicati sotto l’etichetta Black Label della DC

Fables-Bill-Willingham

D: Perché l’hai fatto?

Una serie di ragioni. Ci ho pensato per un po’. In nessun ordine particolare sono:

1) Praticità: quando ho firmato per la prima volta il mio contratto editoriale di proprietà dell’autore con la DC Comics, la società era gestita da uomini e donne onesti e integri, che (per la maggior parte) hanno interpretato i dettagli di tale accordo in modo equo e leale. Quando inevitabilmente si presentavano problemi, li risolvevamo, come uomini e donne ragionevoli.

Da allora, nell’arco di vent’anni circa, quelle persone se ne sono andate o sono state licenziate, per essere sostituite da una serie di estranei, di integrità non misurabile, che ora scelgono di interpretare ogni aspetto del nostro contratto in modi che avvantaggiano solo DC Comics e le sue società proprietarie. Un tempo le proprietà di Fables erano in buone mani e ora, a causa del logoramento e della sostituzione dei dipendenti, le proprietà di Fables sono cadute in cattive mani.

Dal momento che non posso permettermi di citare in giudizio la DC, di costringerla a rispettare la lettera e lo spirito dei nostri accordi di lunga data; dal momento che anche vincere una causa del genere mi porterebbe via quantità ridicole di denaro dalle mie tasche e anni dalla mia vita (ho 67 anni e non ho anni da perdere), ho deciso di adottare un approccio diverso e combatterli in un’arena diversa, ispirata ai principi della guerra asimmetrica.

L’unica cosa del nostro contratto che gli avvocati DC non possono contestare, o reinterpretare a proprio vantaggio, è che io sono l’unico proprietario della proprietà intellettuale. Posso venderlo o regalarlo a chi voglio.

Ho scelto di regalarlo a tutti. Se non sono riuscito a evitare che Fables finisse in cattive mani, almeno in questo modo posso fare in modo che cada anche in molte buone mani. Poiché credo davvero che al mondo ci siano ancora più persone buone che cattive, la considero una forma di vittoria.

2) Filosofia: negli ultimi dieci anni circa, i miei pensieri su come riformare le leggi sui marchi e sul copyright in questo paese (e in altri, suppongo) hanno subito una trasformazione radicale. Le leggi attuali sono un miscuglio di accordi non etici dietro le quinte per mantenere marchi e diritti d’autore nelle mani di grandi aziende, che possono in gran parte permettersi di acquistare i risultati che desiderano.

Nel mio modello per una riforma radicale di tali leggi, mi piacerebbe che una proprietà intellettuale rimanesse di proprietà del suo creatore originale per un massimo di vent’anni dal momento della prima pubblicazione, e poi diventasse di dominio pubblico affinché chiunque potesse utilizzarla.

Tuttavia, in qualsiasi momento prima che scada il periodo di vent’anni, tu, il proprietario della proprietà intellettuale, puoi venderlo a un’altra persona o entità aziendale, che può averne l’uso esclusivo per un massimo di dieci anni. Questo è tutto. Quindi non può essere rivenduto. Diventa di pubblico dominio.

Allora, al massimo, qualsiasi proprietà intellettuale può essere conservata in uso esclusivo fino a circa trent’anni, e non oltre, senza eccezioni.

Naturalmente, se credessi a idee così radicali, che razza di ipocrita sarei se non le mettessi in pratica? Fables è il mio bambino ormai da circa vent’anni. È ora di lasciarlo andare. Questa è la mia prima prova di questo processo. Se funziona, e non vedo alcun motivo legale per cui non funzioni, cerca altre proprietà da seguire in futuro. Poiché la DC, o qualsiasi altra entità aziendale, non possiede effettivamente la proprietà, non ha voce in capitolo in questa decisione.

D: Cosa ha fatto esattamente la DC Comics per provocare tutto ciò?

Troppe cose per elencarle in modo esaustivo, ma ecco alcuni punti salienti: nel corso degli anni del mio rapporto d’affari con la DC, con Fables e con altre proprietà intellettuali, la DC ha sempre violato i suoi accordi con me. Di solito si tratta di questioni più piccole, come dimenticare di chiedere la mia opinione sugli artisti per nuove storie, o per copertine, o formati di nuove collezioni e simili.

A quei tempi, quando venivano chiamati, dicevano automaticamente: “Scusa, ti abbiamo trascurato di nuovo. È semplicemente caduto nel dimenticatoio”. Usano la frase “caduti attraverso le crepe” così spesso, e così istintivamente, che alla fine ho dovuto impedire loro di usarla mai più. Spesso riportano in ritardo le royalties, e spesso le sottostimano, costringendomi a seguirli per pagare il resto di quanto dovuto.

Ultimamente, però, le loro pratiche sono andate oltre queste semplici seccature, provocando una sorta di resa dei conti. Per prima cosa hanno cercato di ottenere da me la proprietà di Fables. Quando Mark Doyle e Dan Didio mi hanno contattato per la prima volta con l’idea di riportare Fables per il suo 20° anniversario (entrambi gentiluomini licenziati dalla DC), durante le trattative contrattuali per le nuove emissioni, i loro negoziatori legali hanno cercato di renderlo una condizione dell’accordo che l’opera venga eseguita come lavoro su commissione, gettando di fatto la proprietà irrevocabilmente nelle mani della DC.

Quando ciò non ha funzionato, la loro scusa è stata: “Siamo spiacenti, non abbiamo letto il tuo contratto durante queste trattative. Pensavamo di possederlo“.

Più recentemente, durante i colloqui per cercare di risolvere le nostre numerose differenze, i funzionari della DC hanno ammesso che la loro interpretazione del nostro accordo di pubblicazione, e del successivo accordo sui diritti dei media, è che potevano fare quello che volevano con la proprietà. Potevano cambiare storie o personaggi come volevano.

Non avevano alcun obbligo di proteggere l’integrità e il valore della proprietà intellettuale, né da se stessi, né da terzi (Telltale Games, per esempio) che vogliono alterare radicalmente i personaggi, le ambientazioni, la storia e le premesse della storia (ho visto il copione che hanno cercato di nascondermi per un paio d’anni). Né mi dovevano soldi per aver concesso in licenza i diritti di Fables a terzi, dal momento che tale licenza non era prevista nel nostro contratto di pubblicazione originale.

Quando capitolarono su alcuni punti in una successiva teleconferenza, promettendomi al telefono di restituirmi i soldi dovuti per la licenza di Fables a Telltale Games, ad esempio, nell’esecuzione del nuovo accordo, rinnegarono la loro parola e offrirono la l’importo promesso invece come “compenso per consulenza”, che evitava il precedente di ammettere che si trattava di denaro dovuto, e includeva un accordo di non divulgazione che mi avrebbe impedito di dire altro che cose carine su Telltale o sulla licenza.

E così via. C’è molto di più, ma questi, come ho detto, sono alcuni dei punti salienti. A quel punto, poiché non ero d’accordo su tutte le loro nuove interpretazioni dei nostri accordi di lunga data, eravamo in conflitto. Mi hanno praticamente sfidato a denunciarli per far valere i miei diritti, sapendo che sarebbe stato un processo lungo e debilitante. Invece ho iniziato a considerare altre strade da percorrere.

copertina del volume 19 di fables. © degli aventi diritti. Per gentile concessione.

D: Sei preoccupato per cosa farà la DC adesso?

No. Ho dato loro anni per fare la cosa giusta. Ho provato a ragionare con loro, ma non si può ragionare con l’irragionevole. Hanno usato questi anni per fare promesse rassicuranti, raccontare bugie su quanto si fossero impegnati a risolvere la questione e continuare a trascinare le cose il più a lungo possibile.

Ho dato loro l’opportunità di rinegoziare i contratti da zero, esprimendo tutto in un linguaggio inequivocabile, e loro hanno ignorato quell’offerta. Ho dato loro l’opportunità, due volte, di stracciare semplicemente i nostri contratti, e ognuno di noi ha preso strade separate, e loro hanno ignorato quelle offerte. Ho provato a scavalcare le loro teste, a trattare direttamente con i loro nuovi padroni aziendali, e magari a trovare qualcuno disposto a trattare in buona fede, e loro hanno bloccato ogni tentativo in tal senso. (Prova a chiedere a qualsiasi funzionario della DC Comics di identificare a chi fanno capo nella scala aziendale. Ti sfido.)

In ogni caso, senza fornire loro dettagli, li ho avvertiti con mesi di anticipo che questo momento stava arrivando. Ho detto loro che quello che stavo per fare sarebbe stato “sia legale che etico”. Ora è successo.

Tieni presente che i miei contratti con la DC Comics sono ancora in vigore. Non ho fatto nulla per romperli e non posso porvi fine unilateralmente. Non riesco ancora a pubblicare i fumetti di Fables tramite nessuno tranne loro. Non riesco ancora ad autorizzare un film di Fables tramite nessuno tranne loro.

Né posso concedere in licenza i giocattoli di Fables, né i contenitori per il pranzo, né altro. E devono comunque pagarmi per i libri che pubblicano. E non rinuncerò agli altri soldi che devono. In un modo o nell’altro, intendo recuperare il 50% dei soldi che mi devono da anni per Telltale Game e altre cose.

Tuttavia, tu, il nuovo proprietario al 100% di Fables, non hai mai firmato tali accordi. Nel bene e nel male, io e la DC siamo ancora bloccati insieme in questo matrimonio infelice, forse per sempre.

Ma tu non lo sei.

Se ho capito bene la legge (e tieni presente che la legge sul copyright è un pasticcio; volutamente vaga e oscura, e non esistono due avvocati, nemmeno quelli specializzati in diritto d’autore e diritto dei marchi, che concordano su qualcosa), hai il diritto di realizzare le tue Fables film e cartoni animati, e pubblicare i tuoi libri di Fables, produrre i tuoi giocattoli di Fables e fare tutto ciò che vuoi con la tua proprietà, perché è di tua proprietà.

Mark Buckingham è libero di realizzare la sua versione di Fables (e spero vivamente che lo faccia). Steve Leialoha è libero di realizzare la sua versione di Fables (che mi piacerebbe vedere). E così via. Non devi ottenere il mio permesso (ma potresti ottenere la mia benedizione, a seconda dei tuoi piani). Non è necessario ottenere il permesso della DC o il permesso di qualcun altro. Non hai mai firmato gli stessi accordi che ho firmato io con la DC Comics.

È stata per me una gioia assoluta e un piacere portarvi le storie di Fables degli ultimi vent’anni. Non vedo l’ora di vedere cosa ne faranno

• Follow Bill Willingham on Substack (Segui Bill Willingham su Substack)

foto di Bill Willingham By Luigi Novi
foto di Bill Willingham By Luigi Novi . © degli aventi diritti

NOTE A MARGINE

I personaggi a fumetti (e non solo), che diventano di dominio pubblico, sono stati oggetto di articoli precedenti nel nostro sito. ovviamente la scelta di Bill Willingham, ‘sconvolge’ il mercato USA.

Immaginate se ai tempi della diatriba tra Jack Kirby e la Marvel, Jack avesse potuto effettuare questa scelta cosa sarebbe successo…

Nelle prime settimane del 2019, si è fatto un gran parlare dei personaggi Che sono diventati di dominio pubblico dall’1 gennaio 2019. In merito avevo letto l’articolo https://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2018/12/31/buon-anno-e-buoni-copyright/ di Luca Boschi del 31 dicembre 2018; ed il successivo articolo del 9 giugno 2019, https://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2019/06/09/i-fumetti-liberi-da-diritti-di-g-moeri/ .

A gennaio, inoltre, avevo trovato questo URL, https://comicvine.gamespot.com/public-domain-characters/4015-55750/ dedicato ai personaggi di pubblico dominio apparsi in 3862 numeri, che lo scorso 30 giugno 2019 è stato aggiornato, e che ho riproposto, con alcune delle numerosissime immagini (416), in un articolo del 13 agosto 2019.

Sempre nell’estate 2019 all’interno di un post pubblicato dall’amico Luigi Riggio, sui gruppi “Comicart” “Gli Eremiti Del Pianeta Fumetto :Evoluzione” di facebook, oltre un sano dialogo tra veri appassionati, è saltato fuori anche un altro interessante link, https://pdsh.fandom.com/wiki/Public_Domain_Super_Heroes.

Infine a gennaio del 2020 l’argomento rimbalzò di nuovo sul web e così siamo tornati ad occuparcene con un alcuni articoli;il primo è stato quello dedicato a “Gli Archivi del Fumetto”, un Progetto editoriale )di qualche anno fa) realizzato da Cesare Giombetti e da Daniele Tomasi.

Per approfondire l’argomento invito i lettori che ci seguono, a digitare e seguire una “bibbia” del fumetto della Golden Age: il Digital Comic Museum dal quale si possono scaricare moltissimi albi della G.A. e per questo servizio si può versare anche una piccola donazione, noi lo abbiamo fatto e lo consiglio a tutti voi.

Un altro strumento utilissimo è il sito https://comicbookplus.com dal quale si possono scaricare altrettanti albi della Golden Age, tra cui Spirit. Anche per questo servizio si può versare anche una piccola donazione.

Per chi vuole saperne di più sul mondo dei Pulp magazine consigliamo https://www.pulpartists.com/ di David Saunders
Nel sito vengono fornite informazioni per ampliare la conoscenza degli illustratori di riviste di cellulosa. Questo sito si occupa principalmente di pulp dal 1930 al 1960, quando i progressi tecnici nella stampa a colori portarono a un’era d’oro dell’arte della pasta di cellulosa. Contiene informazioni biografiche minime su alcuni degli artisti che hanno lavorato per le pubblicazioni pulp. Ogni bio-pagina include un campionamento di immagini cronologiche per identificare stili in evoluzione.

Infine consiglio il sito principale legato ai fumetti di dominio pubblico: COMICVINE (aggiornato fino all’1 gennaio 2023, NdR) https://comicvine.gamespot.com/public-domain-characters/4015-55750/

Mario Benenati


Biography

John Freeman - photo

John Freeman, currently editor of Star Trek Explorer and former editor of Doctor Who Magazine, is also a comics writer and editor, and founder of the award-winning comics site downthetubes.net. He’s worked professionally in the British comics publishing industry for over 30 years, describing himself as a “freelance comics operative”, working as an editor, Creative Consultant and as a comics writer and events promoter.

His current projects include writing “Pilgrim: Secrets and Lies”, a four issue mini-series set in the “Pilgrim” universe from B7 Media; “Crucible” with 2000AD artist Smuzz; and a creator-owned SF adventure, working with Brazilian creators Wamberto Nicomedes. He also recently edited “Hancock: The Lad Himself”, a graphic novel about comedian Tony Hancock, by Stephen Walsh and Keith Page.

For fun, he’s working on “Doctor Who – Terror of the Deep“, a 90-episode not-for-profit newspaper strip with artist Danny Cushion.

Initially working at Marvel UK, joining the company in 1987, his editor credits include titles such as Doctor Who Magazine, Babylon 5 Magazine, Star Trek Magazine, (now Star Trek Explorer) and comics such as Havoc, Overkill, Death’s Head II, Warheads, Simpsons Comics UK and STRIP – The Adventure Comics Magazine. He also edited several digital and audio comics for ROK Comics, including “Team M.O.B.I.L.E.” and “The Beatles Story”.

He also edited the Lost Fleet mini-series and two Doctor Who mini-series for Titan Comics, which received critical acclaim.

Along with helping promote the annual Lakes International Comic Art Festival, his recent writing credits also include re-introducing some classic humour characters to a modern audience in two Cor and Buster Humour specials for Rebellion, working with artist Lew Stringer; and Death Duty and Skow Dogs with Dave Hailwood for the digital anthology, 100% Biodegradable.

downthetubes: http://www.downthetubes.net
Newsletter – https://cruciblecomic.substack.com
Twitter: https://twitter.com/johnfreeman_DTT
Facebook: https://www.facebook.com/downthetubesnet

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.