PREMIO COCO AD ETNA COMICS 2019: I FUMETTISTI PREMIATI E LE MOTIVAZIONI

Banner orizzontale di Etna Comics 2019

Ventesimo ed ultimo articolo legato ad Etna Comics 2019 .
Una delle novità di quest’anno è stato il nuovo premio Coco assegnato tramite una giuria di qualità che ha avuto come Direttore: il giornalista e critico di fumetti, Alessandro Di Nocera. Nella giuria di qualità, proveniente da varie parti d’Italia, c’è stato anche il sottoscritto quale Presidente di Fumettomania Factory. Vediamo com’è andata e quali artisti sono stati premiati, nella speranza che questa bella esperienza si possa ripetere anche l’anno prossimo. Appuntamento, dunque, ad Etna comics 2020!
Mario Benenati

Aggiornamento del 20 giugno.
Questo post è stato adattato e publicato in parte, da John Freeman, anche sul sito :

downthetubes.net
(Exploring comics and more on the Web Since 1998)

il manfiesto di Etna Comics 2019, a cura di Simone Bianchi

INTRODUZIONE

Lo scorso 30 aprile avevo condiviso sul nostro web magazine l’articolo che annunciava il regolamento del nuovo premio Coco che poi è stato consegnato nella serata dell’8 giugno durante la nona edizione di Etna Comics.

Nel ricordo di Giuseppe Coco, celebre cartoonist e illustratore siciliano, infatti ETNA COMICS™ 2019 ad aprile ha lanciato questo prestigioso riconoscimento intitolato alla figura del grande artista originario di Biancavilla.

Il #PremioCoco è stato assegnato da una Giuria di Qualità a personalità, opere ed eccellenze artistiche e professionali del fumetto italiano.

Il premio Coco, asssegnato durante la nona edizione di Etna Comics.
Il premio Coco, asssegnato durante la nona edizione di Etna Comics. Foto per gentile concessione

Direttore e Senior Consultant, quest’anno sono stati rispettivamente Alessandro Di Nocera e Riccardo Corbò.

Un momento del talk show presentato da Alessandro Di Nocera con la presentazione dei premiati

Il Direttore e il Senior Consultant hanno provveduto a riunire la Giuria di Qualità composta da testate cartacee e online che si occupano di critica fumettistica, poli culturali volti alla valorizzazione del linguaggio dei fumetti, singole personalità ritenute autorevoli e competenti nei loro giudizi in merito.

Per quest’anno sono state individuate come realtà di riferimento: le redazioni delle testate online Comicus.it, Lo Spazio Bianco.it, N3rdcore.it, Popcore.it e L’Antro Atomico del Dottor Manhattan insieme ai centri culturali WoW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto di Milano, Centro Fumetto “Andrea Pazienza” e Fumettomania Factory.

Hanno Partecipano, inoltre a titolo individuale la scrittrice Nadia Terranova, il giornalista e conduttore di Sky TG24 Vittorio Eboli e Gianmaria Tammaro, giornalista de “La Stampa” ed “Esquire”.

La premazione si è svolta in due momenti, alle ore 18:00 c’è stato il talk show, condotto da Alessandro di Nocera, che ha chiamato al tavolo i due membri della giuria presenti, cioè il giornalista e conduttore di Sky TG24 Vittorio Eboli ed il sottoscritto. Alessandro ha poi letto le motivazioni del premio chiamando ogni singolo premiato presente nella Sala Galatea, ha letto anche le premiazioni per le quali l’artista non era presente in sala, ha animato un piccolo dibattito con domande anche fra gli stessi artisti ed ha dato appuntamento agli autori alla serata di gala che avrebbe seguito l’incontro alle ore 20:00.

Alla Serata di Gala sono stati consegnati i premi Coco agli artisti presenti (vedasi foto sottostanti), insieme ai premi Efesto e Uzeta.

Foto con gli artisti vincitori del Premio Coco, durante il talk show delle ore 18:00

PREMIATI E MOTIVAZIONI

LORENZO CALZA

Per aver contribuito a introdurre nel fumetto italiano ad ampia diffusione – proseguendo con assoluta originalità lungo una strada aperta già in passato da alcuni grandi maestri della sceneggiatura – tematiche di alta rilevanza sociale e politica, dal disagio giovanile alle problematiche connesse all’immigrazione, dall’incontro/scontro tra genti e culture diverse in ambito metropolitano ai punti critici del sistema capitalista. Tutto questo è accaduto e accade sulle pagine di “Julia”, serie creata da Giancarlo Berardi e edita dalla Sergio Bonelli Editore di cui è un autore di riferimento e dove la sua impronta stilistica risulta chiara e riconoscibile, riuscendo a adottare con grande attenzione e sensibilità un punto di vista femminile.

È tuttavia noto al pubblico anche per “She”, vignette da lui concepite per il web e improntate su una figura di donna che ragiona attraverso calembour di volta in volta divertenti, disincantati, inquietanti, leggeri, profondi, laddove il sentire femminile diventa specchio e simbolo di un vissuto contemporaneo che non conosce identità di genere.

Per questo il Premio come Miglior Sceneggiatore della prima edizione del Premio Giuseppe Coco viene conferito dalla Giuria a Lorenzo Calza.

Lorenzo Calza ritira il Premio Coco  come Miglior Sceneggiatore.

WERTHER DELL’EDERA

Il suo stile dinamico ed espressionista che rigetta il realismo per farsi linguaggio volto a comunicare senza tuttavia cedere alle facili interpretazioni, ha saputo adattarsi a ogni genere di narrazione infondendogli forza e originalità. Il suo “Il Corvo: Memento Mori” – sceneggiato da Roberto Recchioni e pubblicato da Edizioni BD – ha infuso nuova linfa e nuovo fascino a un concept iconico. Ne “Le voci dell’acqua“, edito da Feltrinelli Comics, ha saputo evocare e dare forma ai fantasmi interiori di Tiziano Sclavi. In “Dylan Dog: Il sangue della Terra” ha interpretato con linee inquiete e ironiche una fiaba nera d’impronta contemporanea.

Per questo il riconoscimento come Miglior Disegnatore della prima edizione del Premio Giuseppe Coco viene conferito dalla Giuria a Werther Dell’Edera.

Werther Dell'Edera ritira il Premio Coco come Miglior Disegnatore

GIOVANNA NIRO

La sua tavolozza cromatica iperrealista ha contribuito a imporre nuovi standard qualitativi all’interno del fumetto mainstream italiano, riuscendo a impreziosire linee e sfondi di artisti dal tratto ogni volta diverso, all’interno di narrazioni di ogni genere. Lo straordinario lavoro effettuato su “Il Corvo: Memento Mori” (pubblicato dalle Edizioni BD), dove le tinte monocromatiche tendono a dare corpo al segno cinetico e ineffabile di Werther Dell’Edera, è da considerare come un fondamentale punto d’arrivo professionale. Le sofisticate venature color seppia che intridono i flashback di “Mister No Revolution” comunicano tutta la nostalgia per un universo narrativo di intatta vitalità, capace di affermarsi anche presso nuove generazioni di lettori.

Per questo il riconoscimento come Miglior Colorista della prima edizione del Premio Giuseppe Coco viene conferito dalla Giuria a Giovanna Niro.

Giovanna Niro ritira il Premio Coco come Miglior Colorista

FABRIZIO DORI

Le sue tavole si fondano su un vertiginoso sincretismo capace di coniugare in un’eccezionale visione d’insieme gli stili figurativi più disparati, riuscendo a rendere armonici e originali quelli che potrebbero apparire come degli ossimori grafici e cromatici: Post-impressionismo, Espressionismo, Arte classica, etnica e orientale, Futurismo, Surrealismo, Pop Art, Astrattismo, Romanticismo, Crepuscolarismo, grafica cartoonesca. Il suo storytelling e l’espressività dei suoi personaggi puntano a condurre il lettore in un mondo denso di mitologia, filosofia, dramma, gioia, in un realismo magico sospeso tra fiabesco e fantasy, timori e aspirazioni collettive, alla ricerca di un rinnovamento esistenziale, a contatto con una natura ricostruita, in comunione con una spiritualità non corrotta.

Per le suggestive qualità mostrate nel romanzo grafico “Il Dio Vagabondo“, edito in Italia da Oblomov, il riconoscimento come Miglior Autore Unico della prima edizione del Premio Giuseppe Coco viene conferito dalla Giuria a Fabrizio Dori.

Fabrizio Dori ritira il Premio Coco come Miglior Autore Unico

COSMA & MITO

Un progetto seriale che cavalca le tendenze del presente aprendo una strada verso il futuro, un fantasy young adult – protagonisti, una combattiva madre guerriera e suo figlio – che guarda al dinamismo e all’intelligenza delle migliori serie animate americane e nipponiche innestandole su un tessuto del tutto inedito, quello del profondo Sud dell’Italia e, nello specifico, del folklore mitologico calabrese, declinato in duplice chiave: culturale e di puro entertainment.

I suoi autori, lo sceneggiatore Nicola Zurlo e il disegnatore Vincenzo Filosa costruiscono una storia avvincente, dinamica e colta attraverso tavole tanto leggibili quanto sofisticate, generando un eccitante connubio tra popolarità mainstream, estetica manga e fervore underground. Caratteristiche che si aprono con naturalezza al mondo della multimedialità.

Questi sono i motivi che hanno convinto la Giuria ad attribuire a “Cosma & Mito: L’antro dei Lupiminari” – primo tomo di una saga edita da Coconino Press – il riconoscimento come miglior Serie, Miniserie o Collana della prima edizione del Premio Giuseppe Coco.

Copertina del primo numero di “Cosma & Mito: L'antro dei Lupiminari"

POST PINK

Un’antologia che indaga il corpo, la mente, l’anima, il sentire delle donne per comunicare una necessità di cambiamento che dovrebbe investire tutta la collettività, al di là delle distinzioni di genere. Un libro militante e femminista in cui però il discorso sull’essere donna sa trasformarsi in un’istanza ecumenica per una mutazione evolutiva di ogni tipo di rapporto umano, in ogni contesto sociale, civile e politico. Una curatrice, Elisabetta Sedda, capace di convogliare e amalgamare in un unico volume i racconti di nove autrici di diversa provenienza geografica emerse dalle realtà dense di energia e vitalità del web, dell’autoproduzione, dell’editoria indipendente, dei collettivi artistici, facendo valere le loro innovative visioni grafiche e narrative anche nel mainstream delle accademie, delle agenzie pubblicitarie e delle riviste illustrate ad alta diffusione.

Loro sono Josephine Yole Signorelli, alias Fumettibrutti; Margherita Tramutoli, conosciuta col nome d’arte di La Tram; Sara Menetti, Alice Milani, Margherita Morotti, Sara Pavan, Cristina Portolano, Silvia Rocchi e Alice Socal. Coi loro stili peculiari, capaci di coniugare realismo viscerale e arte astratta, dramma e ironia, tenerezza e forza, verità e aspirazioni, hanno provato a indicarci problematiche irrisolte e nuove strade da percorrere. Con la loro professionalità ci fanno in questo momento partecipi dei valori dell’impegno, della costanza, dell’applicazione, inscindibili da quelli dell’immaginazione artistica.

Questi sono i motivi per i quali la Giuria del Premio Coco ha deciso di attribuire, nell’anno della sua prima edizione, il riconoscimento come Miglior Libro a “Post Pink: Antologia di Fumetto Femminista”, edito da Feltrinelli Comics.

Josephine Yole Signorelli, alias Fumettibrutti ritira il Premio Coco per Miglior Libro a “Post Pink: Antologia di Fumetto Femminista”, del quale è una delle co-autrici

SARA PICHELLI

All’interno del suo personalissimo stile è riuscita a coniugare la suggestiva raffinatezza dei manga di genere seinen e shojo con la spettacolarità plastica dei comics americani e il dinamismo delle produzioni animate. La sua originale interpretazione grafica di Ultimate Spider-Man e il suo straordinario, cinematico storytelling, nelle storie concepite da Brian Michael Bendis, non solo hanno contribuito a rendere l’eroe afroamericano Miles Morales una nuova icona dell’entertainment, ma hanno anche indirizzato verso una precisa tendenza grafica e narrativa un’intera nuova generazione lettori e di autori. Una dimensione professionale e artistica di assoluto valore culminata negli espliciti riconoscimenti nei credits di un blockbuster live action come “Spider-Man: Homecoming” e, ancora di più, del film d’animazione “Spider-Man: Un nuovo universo“, graziato da un successo planetario di critica e di pubblico nonché vincitore del Golden Globe e del Premio Oscar.

Per questo il riconoscimento per l’Eccellenza Italiana nell’ambito della prima edizione del Premio Giuseppe Coco viene conferito dalla Giuria a Sara Pichelli.

foto di Sara Pichelli che non è potuto esssere presente per ritirare il premio per l'Eccellenza Italiana

ARTICOLI POST ETNA COMICS 2019

https://www.fumettomaniafactory.net/2019/06/11/la-vittoria-di-etna-comics-le-mie-note-ed-i-premiati/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi