L’ORA ZERO STAVA ARRIVANDO, L’ONDA DI ANTIMATERIA DELLA CRISI NON ERA SPARITA … Dal diario di Rip Hunter

Copertina del gruppo Passione per la DC Comics

Chiudiamo questa intensa settimana (per il nostro web magazine) con il racconto sulle origini dell’universo di Batman, Superman &Co.., di Alessandro Marangon, amministratore del gruppo “Passione per la DC Comics”
Oggi Alex traduce e rimette ordine negli eventi tra la grande Crisi (sulle infinite terre) e l’Ora Zero.
Buona lettura e se vi piace l’articolo condividetelo. grazie
Mario Benenati

DAL DIARIO DI RIP HUNTER
– parte 16^

Testi tradotti e rivisti da Alex Marangon

La distruzione di Xanshi ad opera di John Stewart durante l'Odissea Cosmica
La distruzione di Xanshi ad opera di John Stewart durante l’Odissea Cosmica

Caro diario

Come ti ho raccontato la volta precedente il mondo stava diventando più cupo. Darkseid radunò alcuni eroi e i nuovi Dei per un Odissea Cosmica contro l’Anti-vita. In questa missione Xanshi, un pianeta lontano dallaTerra, venne distrutto a causa dell’orgoglio di John Stewart.

Nel conflitto Darkseid riuscì a scappare con un pezzo dell’antivita; un prezzo che l’umanità pagherà in futuro. Non era l’unico pericolo che l’uomo doveva temere.
I dominatori crearono un’alleanza con altri mondi e lanciarono un’invasione sull’intera Terra. Le loro azioni fecero scoprire il metagene insito nella popolazione umana: un gene che, se risvegliato, è causa dei poteri latenti in alcuni umani. I dominatori fecero esplodere la genebomba con la conseguenza che molti metaumani cambiarono come Fire (Beatrice da Costa) che dal solo sparare fuoco dalla bocca acquisì il potere di essere una torcia umana di colore verde.

Dominatori. I capi dell'alleanza aliena che ha invaso la Terra
Dominatori. I capi dell’alleanza aliena che ha invaso la Terra

Ma anche comuni umani, come Maxwell Lord che ricevette il potere di controllo mentale. Dopo l’invasione nacquero nuovi eroi: il team Titan, ragazzi scappati da un altra dimensione; il condor nero; waverider arrivato da un futuro distopico per impedire il suo avverarsi e Raggio figlio dell’eroe della seconda guerra mondiale di cui porta il nome. Ma erano una piccola fiamma di ottimismo che si spense in fretta.

L’orribile mostro di nome Doomsday iniziò una marcia di distruzione attraverso gli Stati Uniti fino a Metropolis dove Superman morì difendendo la città.

La morte di Superman durante l'avanzata di Doomsday
La morte di Superman durante l’avanzata di Doomsday
La schiena spezzata di Batman ad opera di Bane

Non molto tempo dopo, l’uomo di nome Bane spezzò la schiena di Batman. I loro posti vennero presi da nuovi eroi. Jean Paul valley, detto Azrael, indossò il manto di Batman ma la sua crociata lo portava ad essere un cavaliere oscuro senza scrupoli. Quattro nuovi Superman uscirono allo scoperto. Steel alias John Henry Irons, Superboy, un clone di Superman, eradicatore un costrutto kriptoniano che ha preso forma umana per onorare l’eroe e il misterioso Superman cyborg. Ma non tutti avevano buone intenzioni. Nel tentativo di cambiare la terra secondo i suoi desideri, il malvagio Superman cyborg distrusse Coast City, città di Hal Jordan (Green Lantern).

Extant e parallax

Il vero Superman tornò e sconfisse Superman cyborg e il suo alleato Mongul. Immerso nel suo dolore Hal Jordan si fece influenzare da un antica entità gialla della paura, schiavizzato da questa creatura, Jordan distrusse il Corpo delle Lanterne verdi, uccise tutti i guardiani tranne Ganthet e fece esplodere la batteria centrale. Da questa carneficina nacque Parallax. L’ultimo anello del potere andò al giovane Kyle Rainer che divenne la sola e unica Green Lantern della Terra.

L’ora zero stava arrivando, l’onda di antimateria della crisi non era sparita stava distruggendo ogni cosa partendo dal futuro remoto.

Primo numero della saga. La particolarità era che la numerazione era un conto alla rovescia
Primo numero della saga. La particolarità era che la numerazione era un conto alla rovescia

Nel 64° secolo Wally West cercò di fermare l’onda ma inutilmente. Il suo sacrificio però non fu invano perché Waverider tornò indietro nel tempo per riunire un esercito di eroi. Recuperò dal limbo la JSA per vederla distrutta nel punto di fuga: un regno che esisteva al di fuori del tempo stesso.

Alcuni morirono ed altri invecchiarono. Flash (Jay Garrick) e Green Lantern (Alan Scott) furono i soli a salvarsi. Altrove il flusso del tempo che si distruggeva creò innumerevoli anomalie mentre le realtà si incrociarono. Certi eroi si unirono come Hawkman le cui forme confluirono in un unica creatura: un avatar del dio falco. Extant, il criminale dietro a tutto questo, non comprese appieno i danni che stava causando. Fu in questo evento che io scoprì la prima crisi ma soprattutto l’esistenza dell‘ipertempo. Le realtà presenti nell’ipertempo stavano sovrascrivendo sull’unica Terra esistente e le conseguenze erano immaginabili. Una realtà dove Kripton non era esplosa, una dove il cavaliere oscuro di Gotham era un uomo vecchio e possente: un vero Dark Knight, in un altra una Batgirl agile e scattante aiutava gli eroi in questa crisi del tempo. Intanto un uomo da lontano, un vecchio eroe, il primo in assoluto osservava con rabbia gli eventi e diede un pugno ad una grande parete di cristallo: questo uomo era Superman di Terra 2 sopravvissuto alla prima Crisi.

Le battaglie infuriarono mentre l’entropia divorava il tempo, in pochi giorni sarebbe finito tutto.

Fu Hal Jordan, posseduto dall’entità Parallax, che tentò di creare l’universo perfetto. Una volta distrutta la realtà iniziò a ricrearne la storia.

Cercò di cancellare molti errori compreso la distruzione di Coast City. Se non fosse per lo Spettro tutto sarebbe stato perduto. In un’intensa battaglia finale, l’eroe Damage fu riempito di energia così che in uno scoppio finale venne ricreato il big bang iniziale creando una nuova realtà. Una nuova rinascita. Un tema ricorrente in questo universo. Le anomalie precedenti furono corrette. Dalle ceneri di Ora Zero Blue Beetle cercò di formare una nuova justice League ma ebbe vita breve. Dalle sue ceneri un altra squadra prese vita radunando i sette più forti per combattere il Dottor Destiny. La JLA si riorganizzò intorno ad un potente nucleo di sette individui: aquaman, jonn jonnz, batman, wonder woman, flash (Wally west), green lantern (kyle Rainer) e Superman per aumentare efficienza e potenziale ma anche così non era sufficiente.
Nuove minacce erano in arrivo.

La JLA o meglio i super sette
La JLA o meglio i super sette

nota bene: tutte le immagini sono © degli aventi diritti, e sono publicati solo a scopo divulgativo

Fonti dei testi e delle immagini

  • History of DC universe 2
  • Cosmic odissey
  • Invasion
  • Armageddon 2001
  • La morte di Superman
  • Knightfall
  • Emerald Twilight
  • Ora zero
  • Jsa Armageddon
  • Justice League ora zero
  • Justice League incubo di mezza estate
  • Justice League di Grant Morrison

BIOGRAFIA/BIOGRAPHY

Mi chiamo Alessandro Marangon. Sono nato nel 1977. Sono del piemonte in provincia di Novara. La mia passione per i fumetti è di famiglia. Ho iniziato a leggere supereroi con la Marvel Comics e la DC Comics nel 1986, però sono un fan della DC più che Marvel; amo i giochi di ruolo come dungeons and dragons e le serie tv. Mi piace scrivere storie e leggere un po’ di tutto ed amo passeggiare cosa che mi rilassa molto.
Sono il coordinatore del gruppo chiuso Passione per la DC Comics su Facebook.

Dal diario di Rip Hunter

https://www.fumettomaniafactory.net/2019/01/22/un-solo-universo-dove-un-tempo-erano-infiniti-una-sola-terra-una-sola-storia-dal-diario-di-rip-hunter/

https://www.fumettomaniafactory.net/2019/02/05/prendete-una-leggenda-corrompetela-distruggetela-o-cancellatela-dalla-memoria-questo-era-il-piano-di-darkseid-dal-diario-di-rip-hunte-parte-15/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi