A VOLTE CI SONO TANTE COSE DI CUI VARREBBE LA PENA PARLARE… LUIGI BERNARDI da ORIENT EXPRESS 11, Giugno 1983

banner del progetto di Fumettomania: "Luigi Bernardi da Orient Express a Nova Express"

TRENTESIMA PUNTATA

Siamo già a metà Gennaio con una programmazione fitta nella quale i nuovi appuntamenti con gli scritti di Luigi Bernardi (saranno 20 compreso questo di oggi) sono tra i più importanti.
Dopo il ricordo di Alessandro Di Nocera, della settimana scorsa, riprendiamo il progetto con un nuovo editoriale, tratto dal n. 11 della rivista Orient Express, incentrato sulle tante novità che i lettori stavano per scopirere a cominciare dal nuovo Direttore Responsabile.
La bellissima copertina, dedicata a ‘Marvin , il detective’, era di Ivo Milazzo.
Buona ri-lettura, se l’articolo vi piace condividetelo e diffondetelo.
Mario Benenati

Nota bene: i tanti impegni che avremo nei prossimi mesi mi impongono di ‘dilatar’e gli articoli, che dal prossimo saranno pubblicati ogni due settimane.

L'immagine della copertina del n. 10 della rivista Orient Express  (Giugno 1983)

Con il numero 11 di O.E. arrivarono le prime modifiche alla rivista, a cominciare dell’EDITORIALE che fu spostato a pagina 4 (occupandone la parte sinistra), nella nuova rubrica chiamata PRIMA SOSTA, che a sua volta sostituiva POSTA E RISPOSTA.
Lo strillo in copertina riportava: PIU’ PAGINE! PIU’ COLORE! Altra novità fu la nuova rubrica F/Z TERMINAL :

<<ovvero il nostro tentativo (sono parole di Bernardi, tratte dall’editoriale) di parlare di fumetti in modo divertente e spigliato, ma utile per chi vi cercherà notizie, anticipazioni e curiosità varie.>>

Ma la novità più importante fu l’annuncio del nuovo Direttore Responsabile: Sergio Bonelli, proprio lui, l’editore milanese diventò partecipe ed azionista de L’Isola Trovata. Scrisse in merito, sempre Bernardi:

<<Cosa c’è sotto? Nulla e tanto allo stesso tempo.
Nulla perché mutamenti del genere si verificano ogni giorno nel mondo dell’editoria; tanto perché la firma di Bonelli sottintende un rinnovato slancio di un editore, che più volte io stesso ho rimproverato di immobilismo, verso un modo di fare fumetti, quello di Orient Express, che è certamente diverso da quello con cui quasi sempre si è mosso come protagonista incontrastato e incontrastabile>>

Bernardi nell’editoriale, da cui ho stralciato la frase di sopra, continuò il suo intervento sul cambiamento, sulle varie novità, compresa quello di un prezzo leggermente maggiore.

Sotto, come sempre,  trovate la scansione dell’intera pagina con l’editoriale, e la prima parte della posta

Pagina 4 del rinnovayo n. 11 della rivista Orient Express, che conteneva: l'Editoriale e la prima parte della posta

In questo articolo pubblico, inoltre,  le scansioni della seconda pagina della posta (PRIMA SOSTA), con lettere interessanti, alcune a favore dei fumetti publicati nei numeri precedenti ed altre che esprimevano qualche disappunto, insomma non mancò in quelle due pagine un sano dibattito.

Pagina 5 del n. 11 della rivista Orient Express, che conteneva la seconda parte della Posta.

Ed infine sotto trovate due recensioni scritte dallo scrittore bolognese nella rubrica VETRINA;  la prima riguardante il fumetto “La Donnola” di Didier Comès, sotto lo pseudonimo di Dominque Del Dongo, e la seconda su “Andropov” un saggio di Kiril Chenkin.

INFO IMPORTANTE: tutte le scansioni finora pubblicate nei vari articoli, a bassa risoluzione, li potete trovare ad alta risoluzione e scaricare da questo LINK SU DROPBOX

Tutti i numeri di Orient Express li potete ancora trovare (ed eventualmente acquistare) nel sito  https://www.fumetto-online.it


INFO ED APPROFONDIMENTI

a cura di

L’enciclopedia del fumetto

Orient Express anno 2, numero 11, pubblicato nel giugno 1983

Questa Scheda Tecnica è stata scaricata dal sito
http://www.slumberland.it/contenuto.php?id=10182
e viene pubblicata con il consenso del medesimo sito (che si ringrazia)

Da questo numero 11 di Orient Express, pubblicato nel giugno 1983, la rivista si presenta parzialmente rinnovata con un maggior numero di pagine, 112 anziché 100, e con una presenza più elevata di fumetti stampati a colori.

La copertina, realizzata da Ivo Milazzo, vede protagonista Marvin il detective, presente sull’albo con la continuazione dell’episodio Il caso di Marion Colman che si era interrotto qualche numero pirma, su Orient Express numero 7.
Riprendono anche le vicende di un altro detective, il Sam Pezzo di Vittorio Giardino, con l’episodio Shit City, anch’esso interrotto da un po’ e precisamente da Orient Express n. 8 e che finalmente giunge a conclusione.
Ed anche le vicissitudini del terzo detective a fumetti presente su quest’albo giungono a conclusione; parliamo del grande Big Sleeping di Panebarco e delle indagini relative a Il grande tubo.

Sulla rivista sono poi presenti nuovi episodi di Martin Trevor (Omicidio premeditato) e Storie del Far-West (Sciamano), quest’ultimo fumetto ospitato per la prima volta su questo numero di Orient Express.
I racconti brevi pubblicati in rivista sono: Una storia impossibile di Del Tessa, L’intervista di D’Antonio e Pensiero stupendo di Staino e Carino.
Continua infine l’episodio di Mac lo straniero dal titolo Il lungo viaggio.

Elenco delle storie presenti sul volume:

ordine storia fumetto autori colore tipo pagine
1 Omicidio premeditato Martin Trevor Baldazzini, Vandelli b/n episodio 12 pagine
2 Una storia impossibile Del Tessa colore racconto completo 4 pagine
3 L’intervista D’Antonio colore racconto completo 12 pagine
4 Il caso di Marion Colman Marvin, il detective Berardi, Milazzo b/n parte 3 7 pagine: dalla 21 alla 27
5 Pensiero stupendo Staino, Carino colore racconto completo 8 pagine
6 Shit City Sam Pezzo Giardino b/n parte 3 11 pagine: dalla 22 alla 32
7 Il grande tubo Big Sleeping Panebarco b/n episodio 4 8 pagine: dalla 38 alla 45
8 Sciamano Storie del Far-West Eleuteri Serpieri, Ambrosio colore episodio 14 pagine
9 Il lungo viaggio Mac lo straniero D’Antonio, Tacconi b/n parte 3 11 pagine: dalla 25 alla 35

(05/08/2012)

Per chi ci legge per la prima volta

Il recupero filologico, di una parte degli scritti di Luigi Bernardi, a cura di Mario Benenati e di Fumettomania è iniziato dalla metà di ottobre del 2016 con la ripubblicazione delle scansioni degli articoli di Luigi bernardi pubblicati originariamente (tra il 1985 ed il 1990), sulla rivista Comic Art.
Il primo progetto si è concluso il 19 ottobre 2017, dopo
48 puntate più sei ricordi di altrettanti amici di Luigi (Daniele Barbieri, Vittorio Giardino, Onofrio Catacchio, Otto Gabos, Roberto Baldazzini e Sergio Rossi).
Nel link indicato sotto trovate l’elenco della prima serie di articoli, https://fumettomaniafactory.net/appunti-di-critica-fumettistica/gli-scritti-di-luigi-bernardi-trentanni-dopo/ .

Mentra la prima parte del secondo progetto chiamato Luigi Bernardi, da Nova Express ad Orient Express (19 puntate) è stata pubblicata tra l’11 gennaio ed il 14 luglio 2018. Per chi non li ha letti, oppure per chi lo scopre in questo momento ecco il link dove sono elencati tutti i 19 articoli, https://fumettomaniafactory.net/appunti-di-critica-fumettistica/luigi-bernardi-e-nova-express-marzo-1991-novembre-1993/


ESTATE-INVERNO 2018
I RICORDI DI 5 AMICI DI LUIGI

I Ricordi sono stati dello scrittore Sacha Naspini , dell’editor Panini  Andrea Plazzi (curatore delle collane dedicate a Ratman), dell’autore ed editor Massimiliano De Giovanni (uno dei quattro mitici Kappa Boys, fondatore della Kappa Edizioni) e di Michele Ginevra, responsabile del Centro Fumetto “Andrea Pazienza di Cremona, ed infine di Alessandro Di Nocera, Giornalista, Critico di fumetti ed Insegnante di materie letterarie e Storia dell’Arte, di origine Campana .

https://fumettomaniafactory.net/2018/07/24/luigi-bernardi-un-ricordo-di-sascha-naspini/

https://fumettomaniafactory.net/2018/08/28/chiedi-chi-era-bernardi-di-andrea-plazzi/

https://fumettomaniafactory.net/2018/09/06/e-voi-dove-cazzo-vi-eravate-nascosti-di-massimiliano-de-giovanni/

https://www.fumettomaniafactory.net/2018/10/16/luigi-bernardi-senza-conti-in-sospeso-di-michele-ginevra/

https://www.fumettomaniafactory.net/2019/01/11/se-vuoi-fare-il-critico-e-importante-lanciare-grossi-sassi-nello-stagno-di-alessandro-di-nocera/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi