FREEMAN! SU SKORPIO ARRIVA LA NUOVA SERIE DI GIANLUCA PIREDDA!

Oggi vi presentiamo Freeman, una nuova serie scritta da Gianluca Piredda e disegnata da Vincenzo Angelo Arces. Freeman è ambienta nella Virginia del 1861 a pochi anni dalla fine dello schiavismo e sullo sfondo della Guerra Civile Americana. Dal 4 Ottobre sulle pagine di Skorpio! 💫Buon weekend! 🙌🏻Qui maggiori info: https://youtu.be/B-5ozLaqQRI 👈🏻Brano Wade in the WaterArtista Justin Harris Album Wade in the WaterLicenza concessa da CD Baby (Justin Harris)

Geplaatst door Editoriale AUREA op Vrijdag 17 augustus 2018

In questo ultimo fine settimana di settembre sospendo per un attimo la programmazione per farvi conoscere una nuova serie, scritta da Gianluca Piredda, che potremo leggere dalla prossima settimana su Skorpio.
Lo scrittore sardo (che giovanissimo ha esordito giornalisticamente sul n. 4 della prozine  Fumettomania), dopo una serie di ottime produzioni in USA e mentre scrive le nuove storie di Dago, si pone una nuova sfida fumettistica.
Dopo aver visto il bel video clip (sopra), leggiamo di seguito cosa tratterà questo nuovo fumetto.
Mario Benenati

Web Hosting

Trama

Freeman è Ambientato nella Virginia del 1861.
Freeman è la storia di Theo, giovane schiavo stanco delle ingiustizie subite, che accusato della morte della giovane Marie, fugge senza una meta precisa. La storia di Theo è la “scusa” per raccontare la storia di un mondo che, da lì a poco, sarebbe cambiato.
Freeman è la storia di un popolo, delle angherie subite, del tragitto che molti schiavi facevano per trovare la libertà e delle reti clandestine che si venivano a creare. Dei tradimenti che i fuggitivi subivano. Del modo con cui l’opinione pubblica percepiva lo schiavismo a cinque anni dall’abbrogazione, in un’America che iniziava a non starci più. Delle disparità di trattamento tra proprietari (che non avevano interesse a vedere i propri schiavi maltrattati. Uno schiavo infortunato era un costo e una rendita minore) e guardiani (che spesso sfogavano le proprie frustrazioni sugli schiavi).
Freeman è La musica che nasceva in quegli anni.
Insomma, Freeman è una sorta on the road-western in cui Theo, più che un protagonista, è testimone del suo tempo.
Freeman è una storia drammaticamente attuale e in Freeman ci saranno alcune situazioni che possono ricordare i giorni d’oggi.

ANTEPRIMA: una pagina tratta da primo episodio di Freeman, dal 4 ottobre su Skorpio, per gentile concessione © degli aventi diritti

FORMATO e STILE

Gianluca Piredda, che scrive i testi di Freeman, raggiunto tramite la chat di facebook mi ha raccontato che ogni storia sarà di 46-48 pagine con una gabbia alla francese (4 strisce per pagina).
Lo stile è Europeo-Italiano.
Il suo scopo era di creare qualcosa che mantenesse la tradizione di Lanciostory e Skorpio, senza troppe sperimentazioni (Una delle sue grandi ispirazioni aurea è L’UOMO DI RICHMOND), da qui la scelta come disegnatore dell’ecclettico Vincenzo Angelo Arces. 

Ogni storia sarà divisa in capitoli settimanali da 12 pagine e il formato e struttura permetterà la pubblicazione sia sulla rivista (Skorpio), sia in volume, sia all’estero in particolare negli Stati Uniti (l’edizione americana potrebbe essere di 24 pagine, quindi ogni storia sarebbe divisa in due parti) ed in Francia.

“Una delle mie grandi ispirazioni aurea è L’UOMO DI RICHMOND”, dice Gianluca Piredda. Ecco una tavola di ERNESTO GARCIA SEIJAS. © degli aventi diritti

BIOGRAFIA/BIOGRAPHY

Gianluca Piredda nasce a Sassari il 14 maggio 1976 ed esordisce giovanissimo nell’editoria, muovendo i primi passi nel 1990. Esordisce sulla rivista Comix e parallelamente inizia a fare gionalistica per riviste locali e specializzate. Nel 1999 approda nel mercato Americano con la sua prima Graphic Novel internazionale e inizierà un lungo sodalizio con Antarctic Press, tutt’ora suo editore statunitense. Per Antarctic scrive, tra le varie cose, anche Warrior Nun Areala e Airboy (in coppia con Chuck Dixon). Nel 2005 ha la sua consacrazione di critica con Free Fall. Nel corso degli anni lavora per magazine italiani ed esteri, televisione, scrive libri (di narrativa e saggistica; l’ultimo è “Sardegna in cucina” edito da Iacobelli) e alterna la sua attività di autore con quella giornalistica, dirigendo molte riviste di entertainment. Nel 2016 arriva in Aurea per cui crea Freeman, Journey of Dracula e scrive Dago. Inoltre, traduce i fumetti Americani per Skoprio e Lanciostory.

Vincenzo Angelo Arces nasce a Locorotondo (BA) nel 1977. Dopo aver vissuto a Grottaglie (TA) e a Roma, nel 2012 si trasferisce, con moglie e figlia a San Donà di Piave (Ve). Esordisce professionalmente nel 2005, disegnando alcune storie libere per le riviste Lanciostory e Skorpio, diventando una delle firme storiche Aurea. Nel corso degli anni realizza molti liberi e le serie Unità Speciale prima serie (n. 4, 8 e 14) e seconda serie (n. 1 e 6), Nucleo Operativo (2, 4, 5, 6, 7), Asfalto rosso e la graphic novel di 195 pagine, su testi di Mario Leocata, “San Giovanni Paolo II, la vita e le opere di Papa Wojtyla“. Oggi firma i disegni di Freeman.


UNA TAVOLA A MATITA ed DUE LAYOUT di Vincenzo Angelo Arces

ANTEPRIMA FREEMAN, primo episodio. Dopo i due layout di Vincenzo Angelo Arces ecco la tavola 12 finita, per gentile concessione. © degli aventi diritti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi