COMICS TRIBUTE 16 – 14 LUGLIO 1910: IL CENTENARIO DI WILLIAM HANNA

Il 14 luglio, oltre i festeggiamenti storici per l’anniversario della presa della Bastiglia (avvenuta nel 1789), noi fans di fumetti e di cartoon celebriamo un  anniversario legato alla nostra infanzia di trentenni e quarantenni: la nascita di William Hanna. Hanna e Barbera hanno portato sullo schermo una serie di personaggi alternativi a quelli Disneyani, tra cui Tom e Jerry, e gli Antenati, che sono stati fondamentali per tante generazioni di adolescenti.

Ovviamente nel titolo la parola ‘centenario’ si riferisce alla data di prima pubblicazione dell’articolo (13-07-2010); oggi siamo a 105 anni essendo l’anno 2016.
M.B.

ct16_10 - Foto: William Hanna e Joseph Barbera
William Hanna insieme a Joseph Barbera. © degli aventi diritti
ct16-10 - L'immagine di apertura dei cartoni di Tom and Jery

Americano di origine irlandese, William Hanna è nato il 14 luglio 1910 a Melrose nel New Mexico. Insieme a Joseph Barbera – quasi suo coetaneo e figlio di un barbiere siciliano emigrato negli Stati Uniti – ha formato per decenni una straordinaria coppia di autori di disegni animati. Pur non avendo raggiunto la dimensione creativa e industriale dell’impero disneyano, Hanna e Barbera – cresciuti negli studios della Walt Disney e poi passati, nel 1937, alla Metro Goldwyn Mayer, e successivamente divenuti produttori indipendenti – con la loro arte e la loro fantasia creativa hanno impresso una forte impronta al piccolo mondo del cinema d’animazione. Non era facile competere con la Walt Disney che dominava totalmente il mercato: fra tutti quei topi, paperi, gattacci (Gambadilegno per esempio) e altri animali (Pluto su tutti) non era impresa da poco inserire un’altra coppia di simpatiche bestiole convincenti e accattivanti, capaci di proporre l’altra faccia della stessa medaglia.
Quando nel 1937 Hanna e Barbera misero in cantiere Tom e Jerry – il gatto e il topo che avrebbero debuttato nel 1940, divenendo poi protagonisti di una serie infinita di rocambolesche e divertenti avventure – pochi credevano che la sfida potesse essere vinta. Invece la testardaggine dei due autori, unita a un’esecuzione di qualità e alla “cattiveria” dei protagonisti, non sempre presente nella più melensa produzione disneyana, hanno fatto di Tom e Jerry una coppia di successo premiata con 7 Oscar e almeno una dozzina di “nomination”. Realizzata da alcuni maestri dell’animazione, da Fred Quimby a Chuck Jones, a Rudolf Ising, ecc, la serie è iniziata nel 1940 con “Puss Gets the Boots”: il gatto si chiamava Jasper ed era un po’ diverso da quello che conosciamo, ideato, poco più di un anno dopo, da Fred Quimby che aveva sostituito Ising.
Per anni Tom e Jerry hanno combattuto una guerra eterna, non sempre cavalleresca, insaporendo con un pizzico di violenza e aggressività un mondo che la Disney aveva reso fin troppo dolciastro, e magari asettico. Autori come Tex Avery, Robert Clampett, Chuck Jones o Fritz Freleng, legati a personaggi storici come Bugs Bunny o il Gatto Silvestro (e altri ovviamente) erano molto più scatenati e “arrabbiati”: lavoravano quasi tutti per la Warner Bros, concorrente sia della Disney che della MGM. Esaurito il filone delle storie di Tom e Jerry – che alla fine degli anni Quaranta si erano cimentati anche in originali parodie di film musicali della MGM, quelli con Gene Kelly o Ester William, spesso diretti da Vincent Minelli – Hanna e Barbera crearono una propria casa di produzione, ideando altri personaggi, da Braccobaldo all’orso Yoghi, ma soprattutto i Flinstones, ovvero gli Antenati, bizzarra famiglia di cavernicoli che non si fa mancare nulla della tecnologia del nostro tempo, e i Pronipoti, versione in chiave avveniristica degli Antenati. Ma questa è un’altra storia.

ct16_10 - I flintstones al completo
I flintstones al completo

Per saperne di più

Gli anni precedenti o seguenti al 1940 sono stati particolarmente importanti per il cinema d’animazione. Tralasciando la produzione della Disney (che realizzò fra l’altro Biancaneve, Pinocchio, Fantasia e Bambi), in quel periodo è nato il coniglio Bugs Bunny, che appare per la prima volta nel 1938 nel cortometraggio “Porky’s are hunt”, accanto al maialino Porky Pig, ma divenne celebre dal 1940 con la frase “What’s up, Doc?”. Nel 1942 è arrivato il canarino Titti, l’oggetto del desiderio del Gatto Silvestro, che però nascerà solo nel 1945. Questi, e molti altri piccoli eroi dell’animazione, sono stati realizzati quasi sempre, spesso in momenti diversi, da un quartetto di grandi autori, come Chuck Jones, Tex Avery, Robert Clampett e Fitz Freleng, e altri.

Immagini e marchi registrati sono © dei rispettivi autori e degli aventi diritto e vengono utilizzati esclusivamente a scopi conoscitivi e divulgativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi