Il sito dell’amico John Freeman, downthetubes.net (sottotitolo: EXPLORING COMICS AND BEYOND ON THE WEB SINCE 1998), che leggo e seguo dal 2018, è sempre ricco di notizie ed approfondimenti. John è un grande esperto di fumetti inglesi, è stato former editor (nel 1989) per alcuni anni della rivista Doctor Who Magazine, in questo momento è editor della rivista Star Trek Explorer .
Inoltre, Freeman è il capo ufficio stampa del bellissimo festival inglese: The Lakes International Comic Art Festival
(il resto delle notizie su di lui le trovate in fondo nella sua biografia, NdR)

Dopo la lettura di tanti suoi articoli, nel corso del 2023, ne abbiamo trovati alcuni veramente interessanti e li stiamo proponendo sul nostro sito in lingua italiana (nello speciale su doctor Who, ad esempio, NdR).

Oggi diamo spazio al ricordo di un autore americano che ha “ipnotizzato” la nostra generazione, con i cartoni animati de “ La Famiglia Addams ”, visti in televisione nei pomeriggi degli anni settanta e ottanta. Nel suo ricordo, Buon compleanno mitico Charles Addams.

Di questa ricorrenza se n’é ricordato anche l’amico disegnatore Francesco Sudario Brando Siena (a quale facciamo i nostri complimenti) che ha realizzato uno splendido disegno sul suo profilo facebook.

Mario Benenati, direttore culturale del Magazine Fumettomania


Happy Birthday, Charles Addams, creator of “The Addams Family” and “Out of this World”

(articolo originario di JOHN FREEMAN del   )

Un omaggio al grande fumettista americano Charles “Chas” Addams, la cui opera è stata recentemente riportata in vita in altri media da Tim Burton, nella sua serie Wednesday per Netflix (la serie Mercoledì in Italia è andata in onda dal 23 novembre 2022, NdR).

Nato il 7 gennaio 1912 a Westfield, nel New Jersey, figlio unico di genitori devoti, Charles Samuel Addams era, a quanto pare, un po’ ribelle fin da piccolo. Un articolo sulla sua vita pubblicato nel 2018 dal Long Island Press racconta di come, all’età di 8 anni, si introdusse in una casa vittoriana abbandonata per disegnare scheletri sulle pareti del garage. Ha spiegato la sua ossessione alla biografa Linda H. Davis: “Sono sempre stato consapevole delle sinistre situazioni familiari che si celavano dietro quelle facciate vittoriane”.

Quando aveva 12 anni, un vignettista del New York Herald gli disse che non aveva talento e che avrebbe dovuto dimenticare il suo sogno di una carriera artistica. Ma il ragazzo soprannominato “Chill” continuò a disegnare, creando vignette come direttore artistico del giornale del suo liceo prima di brevi periodi al college.

Charles “Chas” Addams si iscrisse alla Grand Central School of Art di Manhattan nel 1931 e vendette il suo primo schizzo al New Yorker per 7,50 dollari nel 1932. L’anno successivo, la rivista acquistò il primo di molti disegni regolari, uno schizzo di un lavavetri, pubblicato sul New Yorker il 6 febbraio 1933.

Dopo la morte del padre, nel 1933 lavorò per la rivista True Detective, ritoccando le fotografie per rimuovere il sangue.

“Molti di quei cadaveri erano più interessanti così com’erano”, si è lamentato una volta.

Addams disegnò le sue prime caricature per il New Yorker nel 1937, una serie che venne chiamata “La Famiglia Addams“. La prima antologia della serie, Drawn and Quartered, fu pubblicata nel 1942 e da allora è stata sempre ripubblicata. Nel corso degli anni, i suoi lavori sono apparsi anche in altre pubblicazioni, come Collier’s e TV Guide.

Il successo dei suoi cartoni animati fu tale che David Levy li riprese per la serie televisiva La Famiglia Addams che andò in onda per due stagioni, dal 1964 al 1966. Fu Addams a dare ai personaggi indimenticabili i loro nomi e le loro caratteristiche, plasmando il modo in cui gli attori li portavano in vita sullo schermo.

Fu anche il creatore del fumetto a una tavola “Out of This World” negli anni ’50, diventando amico di Ray Bradbury e Alfred Hitchcock (Alfred Hitchcock una volta bussò alla sua porta per vedere come viveva; si dice che Hitch abbia raffigurato la villa vittoriana di Addams nel suo capolavoro del 1960 Psycho).

Gulliver on the Moon by Charles Addams – The New Yorker – Saturday, June 14, 1958 – Issue 1739
Gulliver on the Moon by Charles Addams – The New Yorker – Saturday, June 14, 1958 – Issue 1739

Un biografo una volta lo descrisse come “un uomo ben vestito e cortese, con capelli argentei pettinati all’indietro e modi gentili, non assomigliava affatto a un demonio”. In senso figurato, Addams accompagnava donne come Greta Garbo, Joan Fontaine e Jacqueline Kennedy in occasioni mondane.

Nel 1954 sposò l’avvocato Estelle Barb, che lo convinse a cedere il controllo dei suoi diritti televisivi e cinematografici, dopodiché divorziarono. Da allora sono stati realizzati numerosi spin-off de La Famiglia Addams in diverse forme di media.

Vari adattamenti de La Famiglia Addams, in TV, al cinema e nei videogiochi

Nonostante le sue vignette macabre e la sua natura selvaggia da giovane, sembra che fosse un’anima generosa. Sebbene le sue vignette fossero spesso macabre e dotate di un cupo senso dell’umorismo, un suo amico una volta disse che i suoi disegni smentivano la sua personalità. “Non credo che farebbe male a una mosca”, disse. “Non l’ho mai visto perdere le staffe, anche se questo non vuol dire che non si arrabbi. Si dà il caso che sia quello che si definisce un tipo tranquillo e che abbia un discreto disprezzo per le opinioni degli uomini”.

Il fan Mike Woolson sarebbe senza dubbio d’accordo, ricordando nel 2020 di aver viaggiato dal Michigan a Manhattan nel 1988, solo per bere un drink con il signor Addams nel suo attico in centro, poco prima della morte del fumettista.

“Era un uomo molto amichevole e gentile”, ha ricordato Mike in un post su Facebook di Comic Book Historians. “Aveva un tavolo da imbalsamazione, un’armatura e una parete di balestre in salotto. Ci ha mostrato un album di vignette per lo più sconce che Sam Cobean aveva disegnato per lui, quando erano nei Signal Corps. (Portò Cobean anche al New Yorker, dove la sua carriera stava decollando, quando morì in un incidente d’auto)”.

“Think Small” a 1967 promotional giveaway from Volkswagen of America, cover by Charles Addams
“Think Small” a 1967 promotional giveaway from Volkswagen of America, cover by Charles Addams

Charles sposò la sua terza moglie, Tee, in un cimitero per animali a Water Mill. La sua sposa era vestita tutta di nero e portava un ventaglio di piume, ovviamente nere, perché allo sposo piaceva il nero.

“Pensava che sarebbe stato bello e allegro”, ricorda lei. Nel 1985 acquistarono la casa di Sagaponack che chiamarono “La Palude”.

Alla fine di settembre del 1988, Addams si recò a Manhattan e morì di infarto davanti al suo appartamento, nell’auto parcheggiata. Tee reagì nel classico stile Addams, dicendo: “È sempre stato un appassionato di auto, quindi è stato un bel modo di andarsene”. È morta nel 2002.

Le loro ceneri, insieme a quelle dei loro animali domestici, sono state sepolte nel loro cimitero per animali.

Charles “Chas” Addams – 7 gennaio 1912 – 29 settembre 1988

NOTE EXTRA

Scopri in prima fila le voci diffuse e il genio narrativo di uno dei creatori più strani e iconici d’America. Anche se La Famiglia Addams è diventata sempre più famosa, la vita di Charles Addams è rimasta avvolta nel mistero. Dormiva davvero in una bara e beveva Martini guarniti con bulbi oculari? In realtà, lo stesso Addams era carismatico e affascinante come i personaggi che creava. Scopri le vere storie che si celano dietro i disegni più famosi e privati di Addams, tra cui la vignetta che offese i nazisti. Dal suo amore sfolgorante per le auto sportive e le belle donne – tra cui Jackie Kennedy e Joan Fontaine – alla relazione più oscura della sua vita, questo libro spiritoso rivela la vita di Addams come mai prima d’ora.

Con rare fotografie di famiglia, vignette pubblicate in precedenza e disegni privati visti per la prima volta, Linda H. Davis offre un viaggio affascinante nella vita di un’amata icona americana.

  • The New Yorker: The Addams Family Secret (The New Yorker: Il segreto della famiglia Addams)
  • Come un enorme dipinto di Charles Addams è finito nascosto in una biblioteca universitaria, di Paul Karasik. L’articolo presenta un grafico interattivo del murale che illustra come gli elementi del dipinto si uniscono per far sì che lo spettatore reagisca ad esso.

Biography

John Freeman - photo

John Freeman, currently editor of Star Trek Explorer and former editor of Doctor Who Magazine, is also a comics writer and editor, and founder of the award-winning comics site downthetubes.net. He’s worked professionally in the British comics publishing industry for over 30 years, describing himself as a “freelance comics operative”, working as an editor, Creative Consultant and as a comics writer and events promoter.

His current projects include writing “Pilgrim: Secrets and Lies”, a four issue mini-series set in the “Pilgrim” universe from B7 Media; “Crucible” with 2000AD artist Smuzz; and a creator-owned SF adventure, working with Brazilian creators Wamberto Nicomedes. He also recently edited “Hancock: The Lad Himself”, a graphic novel about comedian Tony Hancock, by Stephen Walsh and Keith Page.

For fun, he’s working on “Doctor Who – Terror of the Deep“, a 90-episode not-for-profit newspaper strip with artist Danny Cushion.

Initially working at Marvel UK, joining the company in 1987, his editor credits include titles such as Doctor Who Magazine, Babylon 5 Magazine, Star Trek Magazine, (now Star Trek Explorer) and comics such as Havoc, Overkill, Death’s Head II, Warheads, Simpsons Comics UK and STRIP – The Adventure Comics Magazine. He also edited several digital and audio comics for ROK Comics, including “Team M.O.B.I.L.E.” and “The Beatles Story”.

He also edited the Lost Fleet mini-series and two Doctor Who mini-series for Titan Comics, which received critical acclaim.

Along with helping promote the annual Lakes International Comic Art Festival, his recent writing credits also include re-introducing some classic humour characters to a modern audience in two Cor and Buster Humour specials for Rebellion, working with artist Lew Stringer; and Death Duty and Skow Dogs with Dave Hailwood for the digital anthology, 100% Biodegradable.

downthetubes: http://www.downthetubes.net
Newsletter – https://cruciblecomic.substack.com
Twitter: https://twitter.com/johnfreeman_DTT
Facebook: https://www.facebook.com/downthetubesnet

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.